Quando scadono gli smalti?

Fa male utilizzare uno smalto scaduto? Hanno una scadenza? Facciamo chiarezza!

Simona Bondi

Simona Bondi Esperta di risparmio

Gli smalti fanno da padroni nei nostri beauty case: ne abbiamo a decine e decine sparsi un pò ovunque. In camera, in bagno, nel beauty e, magari, qualcuno anche in borsetta per le emergenze. Ma ti sei mai chiesta se hanno una scadenza?

Scoprire la durata di uno smalto non è affatto difficile: basta capovolgere il flacone per trovare l’etichetta che ci indica la data di scadenza dello smalto. Si tratta di quel simbolo a forma di barattolo aperto con indicato un numero e la scritta “M” (che sta per mesi).

Generalmente uno smalto ha una durata che va dai 24 ai 36 mesi, ma questa tempistica vale solo se il flacone è conservato nel modo corretto.

Il colore contenuto all’interno del flacone di smalto teme l’aria ed è proprio questa che, a lungo andare, lo renderà inutilizzabile.

Quindi (per rassicurarti) uno smalto scaduto non è tossico, ma semplicemente inutilizzabile: la smalto, a contatto con l’aria, diventa più denso rendendone difficoltosa l’applicazione.

Come conservare correttamente uno smalto

Poichè, immagino, nessuna di noi segni la data di apertura di ogni singolo smalto acquistato ed utilizzato, puoi allungare la vita alla tua collezione di flaconcini di smalto colorati seguendo questi semplici consigli.

  • Tieni i flaconi al riparo dagli sbalzi termici: ciò significa che dovranno stare lontani da fonti di calore, ma anche lontani da luoghi troppo freddi.
  • Pulisci regolafrmente il collo del flacone: quante volte ti è capitato di dover buttare uno smalto perchè impossibilitata ad aprire la bottiglietta? Questo accade proprio a causa del collo del flacone sporco di smalto. Dopo ogni utilizzo, puliscilo con un cotone imbevuto di solvente per unghie. Eviterai questi sprechi!
  • Chiudi bene i flaconi dopo ogni utilizzo: come accennato sopra, l’aria è la principale nemica degli smalti! Cerca di tenerli aperti il meno possibile e chiudili con attenzione ogni volta che li riponi dopo l’uso.

Un trucco per evitare che gli smalti si secchino

Oltre ai consigli che hai letto sopra, vorrei darti un piccolo suggerimento per evitare di dover buttare via periodicamente gli smalti ormai inutilizzabili.

Se applicchi lo smalto sulle unghie solo saltuariamente, probabilmente non riuscirai mai a terminare il contenuto di un’intera boccetta.

Prediligi allora l’acquisto dei flaconcini più piccoli (solitamente sono da 3,75 ml invece di 5 ml): costano meno e ti eviteranno sprechi di prodotto.

Cosa fare con uno smalto indurito

Il tuo smalto preferito si è indurito ed è impossibile da stendere? Se non è ancora completamente secco, puoi utilizzare un classico rimedio: versa 2/3 gocce di solvente per smalti nel flacone ed agita bene, con forza. In caso di necessità, potrai utilizzare ancora una volta il tuo smalto preferito.

Un rimedio della nonna per continuare ad utilizzare uno smalto vecchio? Versa qualche goccia di solvente per renderlo più morbido e tienilo con te in borsetta: se indossi spesso i collant e questi dovessero “smagliarsi“, puoi utilizzare lo smalto come rimedio d’emergenza.

Basta spalmarne qualche goccia all’inizio ed alla fine della smagliatura (e lasciare asciugare qualche minuto) per evitare che la situazione precipiti. La smagliatura del collant si fermerà e potrai limitare i danni. Ovviamente sarebbe preferibile, per questo scopo, l’utilizzo di uno smalto trasparente.

Simona Bondi Esperta di risparmio Appassionata di risparmio, dal 2008 gestisce il Blog DimmiCosaCerchi dove riporta iniziative promozionali dedicate al mondo del risparmio: campioni omaggio, concorsi a premio e buoni sconto sono all’ordine del giorno. http://www.dimmicosacerchi.it

Quando scadono gli smalti?