Smalti e solventi ecologici, cosa sono e come sceglierli

Le alternative green per una manicure perfetta esistono: smalti naturali con colori intensi, finiture brillanti, lunga durata e solventi atossici amici dell’ambiente e della salute

Foto di Tatiana Maselli

Tatiana Maselli

Erborista e Editor specializzata in Salute&Benessere

Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, ambientalista e appassionata di alimentazione sana, cosmesi naturale e oli essenziali, scrive per il web dal 2013.

Cosa sono

Gli smalti e i solventi ecologici sono un’alternativa ai prodotti per unghie tradizionali, grazie ai quali avere una manicure perfetta e impeccabile senza rischi per la salute e per l’ambiente. Tra i prodotti cosmetici in commercio, infatti, quelli per le unghie sono forse i più ricchi di ingredienti chimici potenzialmente inquinanti o dannosi per la salute.

Qualche esempio? Smalti e solventi possono contenere nelle loro formulazioni ftalati, formaldeide, canfora, toluene, xylene, DPB e parabeni. Queste sostanze possono avere un grande impatto ambientale quando vengono prodotte, possono essere difficili da smaltire perché sono poco o per niente biodegradabili. Inoltre, alcune tra queste possono irritare l’apparato respiratorio o interferire con le funzioni del corpo, ad esempio con il sistema endocrino. Ovviamente, i prodotti che si trovano in commercio sono sicuri, ma non si può escludere che l’esposizione di tali sostanze da più fonti differenti possa presentare problemi sul lungo periodo; gli ingredienti che abbiamo elencato, infatti, non si trovano solo in smalti e cosmetici ma anche in numerosi altri prodotti con cui veniamo a contatto ogni giorno, come colle e vernici utilizzate ad esempio nella produzione dei mobili. In ogni aso, anche in assenza di grandi rischi, l’uso prolungato di smalti e solventi può comunque rendere le unghie più fragili e soggette a spezzarsi o ingiallire le unghie.

Per preservare l’ambiente e la bellezza delle unghie essere dunque una buona idea scegliere smalti e solventi ecologici, formulati con ingredienti naturali e privi di tossicità. A differenza dei classici prodotti per le unghie, quelli ecologici sono infatti prodotti utilizzando elevate percentuali di ingredienti di origine naturale. La base dello smalto può essere infatti ricavata da fonti vegetali come i cereali e colorata con pigmenti minerali, gli stessi utilizzati nel make up minerale. Il classico solvente, invece, nella versione ecologica è realizzato senza acetone e spesso non contiene nemmeno alcool o altre sostanze chimiche e arricchito con oli vegetali che ammorbidiscono le cuticole.

Vantaggi

Pur essendo naturali, gli smalti ecologici garantiscono ottime prestazioni: si stendono facilmente, asciugano rapidamente e durano a lungo. In più, non presentano un odore pungente o sgradevole, anzi, spesso sono profumati.

Esattamente come lo smalto tradizionale, anche quello ecologico si trova in diverse colorazioni e finiture. Grazie a ossidi e miche è infatti possibile ottenere numerose sfumature e colori brillanti.
Proprio per via della loro origine naturale, gli smalti naturali possono essere rimossi facilmente con solventi altrettanto naturali ed ecologici che non contengono il classico acetone.

Infine, utilizzando smalti e solventi ecologici ci si prende anche cura della salute delle unghie, perché spesso le formulazioni contengono oli e altri ingredienti naturali in grado di preservarne la bellezza evitando che le unghie si indeboliscano o si spezzino e prevenendone l’ingiallimento; i solventi ecologici aiutano anche a mantenere morbide le cuticole, evitando che si inspessiscano e induriscano nel tempo e rendendone inutile l’eliminazione, pratica che può portare a infiammazioni e infezioni.

Come sceglierli

Scegliere smalti e solventi ecologici, come abbiamo visto, può contribuire a ridurre l’impatto ambientale e a prendersi cura di unghie e cuticole. Poiché non esiste però una certificazione unica che attesti la “naturalità” del prodotto, può essere difficile capire se lo smalto o il solvente che si vuole acquistare sia davvero ecologico. In commercio esistono infatti smalti e solventi con varie diciture e si possono acquistare prodotti venduti come naturali o ecologici, realizzati a partire da materie prime vegetali o anche biologici, biodegradabili e cruelty free, cioè privi di ingredienti di origine animale. Come districarsi quindi tra i vari prodotti che troviamo sugli scaffali?

Una strategia è quella di imparare a leggere l’INCI, cioè l’elenco degli ingredienti dei cosmetici, che per legge deve essere presente su ogni confezione. Anche senza avere una grande esperienza, controllando la lista degli ingredienti si può escludere il contenuto di sostanze potenzialmente tossiche o dannose, che possono presentare problemi per l’ambiente, per la salute o per entrambi. La lista degli ingredienti cui prestare attenzione include toluene, ftalati, formaldeide, canfora, DBP, benzofenone, xylene, colofonia e parabeni. Alcuni prodotti per le unghie sono formulati escludendo solo alcune di queste sostanze, mentre i più naturali ed ecologici sono privi di tutti questi ingredienti.

Un’altra strategia, decisamente più semplice da mettere in atto, è quella di rivolgersi a negozi che trattano prodotti ecologici o naturali, come erboristerie, bio-profumerie o siti Internet specializzati in cosmesi eco-bio. In questo caso è il venditore a effettuare una selezione accurata dei prodotti e a dare indicazioni e consigli sui vari smalti e solventi, specificando cosa contengono e cosa invece escludono. In questo modo è possibile acquistare smalti e solventi affidandosi a chi ha più esperienza, risparmiando tempo perché i prodotti sono già stati accuratamente valutati e vagliati.