A ogni stanza il suo colore

Secondo un sondaggio che Casa.it  ha condotto tra i suoi utenti, un italiano su due desidera cambiare il colore delle pareti di casa utilizzando tinte e accostamenti nuovi.

La scelta dei colori è prevalentemente prerogativa delle donne, che decidono nel 61% dei casi, contro il 19% degli uomini.

La camera dove gli italiani sono disposti a osare di più nella scelta del colore è la camera da letto, dove compaiono tinte come il blu (16%), il viola (14%) o, addirittura, il nero (11%).

Più tradizionali i colori scelti per il salotto e la cucina dove vincono il bianco (55%) e le varie tonalità di beige (31%), ma fanno la loro comparsa anche colori più vivaci come il verde (6%) e il rosso acceso (5%).

Scegliere il colore giusto da applicare alle pareti può regalare alla casa un’atmosfera diversa e aiutare a illuminare ambienti poco illuminati.

Bianco: il colore della luce

Aggiunge luminosità anche alle stanze meno illuminate. Difficilmente è utilizzato puro, in genere viene mescolato con piccolissime quantità di altri colori per ottenere tonalità più o meno calde a seconda dei gusti, degli ambienti e degli arredi.

 

Grigio: eleganza e sobrietà

Quando si sceglie una tonalità scura, è consigliabile non utilizzarlo su tutte le pareti della stanza, altrimenti l’ambiente rischia di risultare cupo. Adatto per stanze come il soggiorno o lo studio, meno adatto per il bagno e la cucina. Spesso usato per valorizzare singole pareti. Mobili e complementi d’arredo dovranno giocare molto sui bianchi o sui colori.

 

Giallo: il colore del sole

Utilizzato per regalare una luce calda e solare agli ambienti della casa più conviviali come la cucina, la sala da pranzo o il salotto. Molto bello se abbinato a pavimenti in legno e arredamento moderno. Ottimo per dare più luce e calore a una stanza poco illuminata.

 

Verde: il colore della rinascita

In cromoterapia il verde è riconosciuto per i suoi poteri calmanti e rilassanti. Può essere utilizzato per gli ambienti di servizio come la cucina e il bagno. Meno adatto ad ambienti come il salotto e la camera da letto.

 

Rosa: il colore dei fiori

Sulle riviste d’arredamento sembra essere tra i colori del momento, in particolare nelle tonalità più intense (viola, fucsia), utilizzato solo su alcune pareti o parti di esse, per creare un ambiente originale. Adatto per ambienti come salotto e studio, meno adatto per cucina e bagno.

 

Rosso: Il colore della passionalità

Utilizzato per dare ad alcune stanze una personalità forte, deve essere utilizzato con parsimonia per evitare l’effetto di avversione che può generare. Se usato con i giusti contrasti può conferire energia e vitalità a un ambiente spento.

 

Blu: il colore del mare

È il colore dell’eleganza e dell’equilibrio. In arredamento è utilizzato nelle varianti dal blu oltremare ai toni più floreali come lavanda, ortensia, fiordaliso, fino ad arrivare ai toni più leggeri dell’azzurro cielo. Nelle tonalità più scure è adatto per parti di parete o dettagli, in quelle più chiare è perfetto per le camere da letto.

Fonte:

A ogni stanza il suo colore