Benefici dei massaggi shiatsu

Il massaggio shiatsu ha origini antiche ed è molto utile in caso di distrubi alla schiena, alla testa e al collo: ecco tutti i suoi benefici

Il massaggio shiatsu ha origini giapponesi e nasce per dare sollievo al corpo ma anche per portare benessere allo spirito. Alla base della filosofia giapponese che ha dato vita a questa forma di massaggio orientale, c’è la convinzione che in ogni persona ci siano dei meridiani che contengono un’energia vitale nota come “ki”. Se il flusso di energia viene alterata o bloccata, possono comparire disequilibri, malessere e disturbi nell’individuo. Il massaggio Shiatsu riesce quindi a ripristinare il normale flusso dell’energia ki. Tradizionalmente il massaggio shiatsu viene eseguito sul classico tatami giapponese, direttamente a terra.

L’ambiente deve essere tranquillo e il contesto non rumoroso. Non sono previsti olii o unguenti nè è necessario togliersi i vestiti, a patto che questi non siano troppo pesanti. Il massaggiatore compie delle manipolazioni che comprendono trazioni, stiramenti e pressioni, queste ultime vengono praticate soprattutto con le dita ma anche con le nocche, con i polsi, con i palmi delle mani e con i gomiti. Le pressioni sono profonde ma vengono effettuate in maniera dolce e graduale: non devono provocare dolore ma dare sollievo. Le zone su cui il massaggiatore lavora sono il dorso, l’addome, il collo, la testa, le braccia e le gambe.

Tipologie di massaggio shiatsu

Ci sono diverse tipologie di massaggio shiatsu che è possibile richiedere. Questa pratica è in continua evoluzione, pur basandosi sullo stesso concetto: la ricerca del benessere psico-fisico della persona. I tipi di massaggio attualmente più conosciuti e praticati sono:

  • Namakoshi
  • Masunga o Zen Shiatsu
  • Meiso Shiatsu
  • Serizawa
  • Ohashi

Tuttavia ci sono anche altri trattamenti basati sulla terapia shiatsu, che non sono veri e propri stili, piuttosto forme alternative di metterla in pratica. Per esempio, esistono:

  • l’autoshiatsu: è una forma di shiatsu che il paziente pratica su se stesso sulle parti del corpo facilmente accessibili per l’automassaggio, come la schiena, il collo e le spalle.
  • il watsu: lo shiatsu eseguito in acqua che combina l’azione naturale dell’acqua e il massaggio del terapista per influire in particolare sulla circolazione sanguigna e sulla postura e a livello mentale

Massaggio shiatsu: i benefici

Nel massaggio shiatsu i benefici sono soprattutto fisici e comprendono sollievo da dolori articolari, cervicali e tensioni muscolari, ma anche mal di testa, disturbi della circolazione e disturbi dell’alimentazione. Tuttavia questa pratica è nota anche per i benefici psicologici, in quanto aiuterebbe ad alleviare stati di stress, ansia e insonnia. Vediamoli nel dettaglio.

  • Ha buoni effetti sull’ansia e lo stress (non patologici), riduce i sintomi tipici della depressione perchè prevede un lavoro di ascolto della respirazione verso la sua armonizzazione con i ritmi vitali del corpo favorendo uno stato di rilassamento psicofisico
  • Lo shiatsu aiuta in caso di problemi legati alla testa, al collo e al dorso, a causa di una postura scorretta o di posizioni errate durante il sonno, oppure distende le articolazioni in caso di irrigidimento e contratture ansiogene dovute ad attività sportiva o lavorativa
  • Trai i benefici di questo tipo di massaggio rientrano anche il miglioramento della relazione con gli altri grazie al ritrovato senso dell’equilibrio e della serenità che una o più sedute di questo tipo riescono a trasmettere alla persona

Massaggio shiatsu per la cervicale

Il massaggio shiatsu sulla cervicale è particolarmente efficace. Sono in molti a soffrire di cervicalgia, che tra i sintomi più comuni prevede rigidità del collo e vertigini. Il massaggio shiatsu volto a dare sollievo per questi disturbi prevede spesso l’utilizzo di un lettino con il foro per il viso, anzichè il tatami a terra, in modo da poter mantenere la colonna allineata. Il massaggio inizia con una fase di anamnesi e osservazione della postura e della respirazione della persona, seguita dalla ricerca di zone fredde dove la temperatura corporea è più bassa dove quindi l’energia non circola liberamente. La pressione successiva prevede stiramenti e allungamenti delle fasce muscolari: il collo deve essere trattato con molta cautela e una leggera trazione, scaricando la tensione dall’alto verso il basso.

Trattamento shiatsu: chi non lo può fare

Il massaggio shiatsu è considerato sicuro, anche per le donne in gravidanza, ma così come per molte altre tipologie di massaggio esistono alcune situazioni in cui non è consigliabile eseguirlo e la sua esecuzione risulta controindicata. In particolare, è controindicato sottoporsi a questo tipo di massaggio se la persona presenza una di queste condizioni:

  • Infezioni cutanee in atto o infiammazioni e/o ferite (visto il contatto diretto tra il massaggiatore e la persona)
  • Presenza di disturbi cardiovascolari
  • Fratture recenti (il massaggio potrebbe causare ulteriore danno)
  • Ernia al disco in fase acuta
  • Disturbi respiratori
  • Disturbi epatici e/o renali.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Benefici dei massaggi shiatsu