Shirataki, la pasta speciale quasi senza calorie

Gli shirataki hanno l’aspetto degli spaghetti, ma sono ricavati dalla radice del konjac, una pianta erbacea tipicamente asiatica

Non fatevi ingannare dalla forma: gli shirataki sembrano spaghetti ma non lo sono e, a differenza della pasta, non contengono carboidrati e hanno un bassissimo contenuto calorico. Privi di glutine e a basso indice glicemico, gli shirataki noodles vengono preparati dapprima riducendo in polvere la radice di konjac e poi amalgamando questa polvere con acqua. Sono in gran parte composti di acqua, sali minerali e glucomannano, una fibre naturale solubile. La pasta shirataki risulta essere particolarmente saziante per via del fatto che il glucomannano tende ad assorbire molta acqua. L’apporto calorico è decisamente basso: solo 10 kcal per 100 grammi di prodotto.

Il termine shirataki significa “cascata bianca” e si riferisce all’aspetto di questa pasta. Gli shirataki contribuiscono a ridurre il colesterolo, a tenere sotto controllo la pressione, a mantenere perfettamente funzionante l’intestino, contrastando la stipsi grazie all’alta presenza di fibra. Visto il modesto apporto calorico, questo prodotto risulta essere indicato soprattutto per chi è attento alla linea. Rappresenta inoltre una valida alternativa alla pasta per i diabetici dal momento che non impatta sull’indice glicemico. Essendo privi di glutine sono adatti anche ai celiaci.

Gli shirataki si acquistano nei negozi specializzati in prodotti alimentari etnici, ma anche in alcuni comuni supermercati: li troverete in versione spaghettini secchi o umidi. La differenza? Gli shirataki umidi sono precotti e si trovano all’interno di una vaschetta contenente acqua. Sono subito pronti, non richiedono cottura ed è solo necessario sbollentarli o passarli sotto l’acqua per qualche minuto. Dopo di che vengono versati in padella e va aggiunto il condimento e in un paio di minuti il piatto di shirataki è pronto. Gli shirataki secchi invece si cuociono in acqua bollente, come la pasta, ma a differenza di essa non scuociono e non è necessario girarli.

Li potete condire “all’italiana”, con salsa di pomodoro e basilico, ragù, pesto, olio extravergine d’oliva, sughi e intingoli a piacere. Noi però vi suggeriamo una ricetta dal sapore orientale per esaltarne il sapore.

SHIRATAKI CON GAMBERI E VERDURE
Ingredienti per due persone
– una confezione di shirataki secchi
– una dozzina di gamberoni
– una carota
– una zucchina
– 150 grammi di germogli di soia
– olio EVO
– salsa di soia
– zenzero fresco
– padella dai bordi alti/wook
Pulite e tagliate a listarelle carote e zucchine. Fatele rosolare nell’olio insieme allo zenzero grattuggiato, nel frattempo avate i gamberi, puliteli mantenendo le code. Quando le verdure saranno cotte (devono risultare leggermente ammorbidite senza perdere croccantezza) aggiungete i germogli di soia e due cucchiai di salsa di soia. Fate rosolare per 10 minuti. Cuocete gli shirataki noodles in acqua bollente per circa 7/8 minuti. Aggiungete i gamberi alle verdure: sarà sufficiente farli cuocere per 5 minuti. Scolate gli shirataki e fateli saltare in padella. Volendo potete aggiungere dell’ulteriore salsa di soia a piacere.

Shirataki, la pasta speciale quasi senza calorie
Shirataki, la pasta speciale quasi senza calorie