The Voice Senior, chi è il vincitore Annibale Giannarelli

Annibale Giannarelli ha conquistato la vittoria con il 44% delle preferenze. A 73 anni l'italo-australiano vince il talent di Raidue

Termina la seconda edizione di The Voice Senior con la vittoria di Annibale Giannarelli. L’artista, del team Gigi D’Alessio ha raggiunto il 44% delle preferenze al televoto, superando Claudia Arvati – sempre del team Gigi – che si è classificata seconda con il 21.14% seguita da Walter Sterbini del team Loredana Bertè (21,14%) e Marcella di Pasquale del team Clementino, con il 15.90% delle preferenze.

L’artista ha 73 anni ed è originario di Sassalbo in provincia di Massa e Carrara, ma emigrato in Australia con la famiglia all’età di tredici anni. Annibale è però da poco tornato a vivere nella sua amata Toscana.

Annibale Giannarelli: la carriera e “Trinity”

La sua carriera inizia da giovanissimo, quando alla tenera età di 15 anni riceve il disco d’oro. Il suo percorso infatti si intreccia con alcuni degli artisti italiani più amati di sempre: a Sydney, fa da spalla ai concerti di Peppino di Capri e Mina.

Annibale si esibisce fin dall’inizio nei locali e in televisione, sia in Italia che in Australia. Con la sua cifra stilistica è capace di spaziare in un repertorio che tocca più generi diversi, dalla musica tradizionale italiana al pop, comprendendo anche jazz e brani classici. Accompagna la sua voce inconfondibile alla tastiera e alla fisarmonica.

Il successo arriva però con il gruppo vocale Annibale e i Cantori Moderni creato insieme ad Alessandro Alessandroni e l’artista raggiunge la notorietà internazionale grazie all’interpretazione del brano Trinity di Franco Micalizzi, colonna sonora del film western all’italiana Lo chiamavano trinità, con Bud Spencer e Terence Hill. Lo stesso brano iconico  fu poi utilizzato nella celebre pellicola Django Unchained di Quentin Tarantino.

La vittoria a The Voice Senior

Nell’ultima puntata della seconda edizione del talent, Annibale Giannarelli ha commosso e stregato il pubblico e i coach con la sua interpretazione di My Way, il famoso brano di Frank Sinatra.

Il cavallo di battaglia Trinity, invece, è il brano usato per lo scontro a quattro che ha decretato la vittoria dell’artista. Già favorito sui social, Annibale dopo l’annuncio di Antonella Clerici scoppia in lacrime per l’emozione e la gioia, tra gli abbracci degli altri concorrenti in finale.

L’abbraccio più lungo sul palco però è quello con il coach del team, Gigi D’Alessio, con cui Annibale ha stretto fin dall’inizio una grande intesa. Gigi ha infatti sostenuto moltissimo l’artista in queste ultime settimane, manifestando una grande stima a supporto di Annibale.

A premiare Annibale Giannarelli sul palco anche il direttore di Raiuno Stefano Coletta che poco prima del verdetto aveva commentato così la finale:

Non c’è mai fortuna quando un concorrente diventa vincitore, semplicemente è il tempo in cui il talento incontra l’opportunità. Significa che c’è stato il coraggio di annaffiare il proprio talento, perché ci vuole coraggio.

Questa seconda edizione di The Voice Senior è un successo per Gigi D’Alessio e la sua squadra: in finale con Annibale Giannarelli anche l’artista Claudia Arvati del team Gigi, arrivata seconda sul podio con la toccante esibizione di E poi di Giorgia e Like a natural woman di Aretha Franklin.