Fare l’amore in vacanza senza stress: come renderlo fantastico

In vacanza c'è più tempo per tutto, anche per fare l'amore, e il sesso migliora, di qualità più che in frequenza. Ecco come goderne al massimo

Foto di Alfonsa Sabatino

Alfonsa Sabatino

Lifestyle e Sex editor

Da anni ricopre la professione di giornalista pubblicista e ufficio stampa, come freelancer. Di recente, sta esplorando il mondo dei podcast, per dare nuova forma ai suoi approfondimenti. Per DiLei si occupa di sessualità, benessere e lifestyle.

Fare l’amore in vacanza è meglio. Non è questione di frequenza ma di qualità. Lo sapevamo già, ma lo ha confermato qualche mese fa una ricerca di PiratinViaggio, il portale di offerte di viaggio più seguito in Italia. Lo studio ha voluto a scoprire il legame tra sesso e vacanza: dalla frequenza ai luoghi preferiti. Ecco perché in vacanza si sta meglio in coppia, anche sotto le lenzuola e come approfittarne.

I dati

“Più di un italiano su due dichiara che il sesso in vacanza è più passionale ed avventuroso se confrontato all’attività sessuale della vita di tutti i giorni, con una la percentuale che arriva quasi al 70% per i viaggiatori della Gen Z”. Per il 30% delle persone intervistate il merito è del maggior tempo libero a disposizione, che consente di dedicarsi, senza fretta, a tutti gli “ingredienti” delle fughe più hot come gesti romantici, preliminari e massaggi.

No stress, più amore

Ebbene si, lo stress e le preoccupazioni del quotidiano remano contro la sessualità e il piacere. È una questione fisiologica e scientificamente provata. Intanto il carico mentale e le preoccupazioni non permettono di lasciarsi andare al piacere e alle sensazioni, facendosi guidare e trasportare senza controllo e senza ragione.

Lo stress poi provoca una reazione ormonale e una maggiore produzione di cortisolo, l’ormone della chiusura, che porta a depressione e calo del desiderio. L’iperproduzione di cortisolo abbassa i livelli di testosterone, l’ormone che comanda la libido di lei e di lui. C’è poco da stupirsi quindi se nei periodi di forte stress sotto le lenzuola le cose non vanno a gonfie vele, e non esiste distinzione di genere perché il calo è di lei e di lui.

Ritrovare il tempo per la coppia (e anche per sé)

In vacanza poi si è più belli, in tutti i sensi. Si ha più tempo per dormire, per curare l’alimentazione, e si è più sereni e tranquilli. Questo stato di benessere individuale non può che influire positivamente sulla coppia.

Inoltre, in vacanza il tempo non è contratto e contato come durante il resto dell’anno. Il consiglio è quello di goderne appieno. Le cene si fanno più lunghe, si può passeggiare o fermarsi la sera fino a tardi, a guardare le stelle o un bel film abbracciati. Più tempo da trascorrere insieme consente anche di osare di più e magari sperimentare pratiche e toys che non si aveva avuto il tempo di avvicinare prima. Insomma, il tempo da dedicarsi è maggiore, oltre che migliore. Giocate allora, come non avete mai fatto!

Luoghi nuovi, sesso nuovo

Anche il cambio di location può essere stimolante per stare intimamente insieme e fare l’amore in modo diverso.

“In merito a dove si è già fatto sesso in vacanza – si legge nella sintesi della ricerca – la camera del proprio alloggio rimane, con il 90% delle preferenze, il “classicone”. In seconda posizione, a sorpresa, si posizionano il sesso in spiaggia e al mare, che si aggiudicano entrambi il 47% delle preferenze. Al terzo posto location altrettanto audaci come l’auto (38%) e il luogo aperto nella natura come boschi e vigneti (37%).

Camera sempre in pole position anche per la Gen Z, la quale sceglie come luogo del cuore anche la macchina (43%) e per i Baby Boomer, particolarmente attivi anche in barca (26%)”. Per chi vuole osare? “Il podio vede al primo posto la barca (38%), al secondo – curiosamente – il rifugio di montagna (35%) e al terzo a parimerito spiaggia e piscina (rispettivamente 29%)”. Ben il 24% vorrebbe infatti sperimentare boschi e nei vigneti; mentre il 9% dei rispondenti vorrebbe vivere una visita decisamente coinvolgente”.

Il caldo aiuta, anche a tradire

In estate o nelle destinazioni calde il sesso è più facile: sceglietele per ravvivare la coppia. La causa è sicuramente anche fisiologica o chimica: con l’esposizione ai raggi solari il testosterone aumenta e, naturalmente, fa aumentare il desiderio sessuale. Inoltre c’è l’aspetto più sensoriale in generale, perché da svestiti siamo più visivamente più sollecitati.

Attenzione però, perché l’estate e la vacanza sono i momenti più sensibili anche per tradire. Il tempo per il flirt, il caldo che scalda gli umori, le nuove conoscenze sono tutti elementi che facilitano anche il sesso extraconiugale e i tradimenti estivi.

I sex toys in vacanza

I sex toys si portano o no in vacanza? Interessanti i risultati sui sex toys in viaggio della ricerca di PiratinViaggio. “Nel momento di fare la valigia e partire per le vacanze estive, il 60% dei rispondenti sceglie di non portare con sé il proprio sex toy; il 29% valuta la decisione in base alla destinazione e a con chi viaggia e solo il 10% dichiara di non poterne fare a meno; quest’ultima percentuale raddoppia per la Gen Z (21%) e si azzera totalmente per i Baby Boomer.

Per coloro che lo portano in viaggio, l’attenzione verso il proprio “strumento” di piacere è essenziale per i viaggiatori: se l’87% lo ripone in sicurezza e non ha mai avuto problemi… qualcuno ammette di aver vissuto avventure imbarazzanti ai controlli di sicurezza (6%) o con gli addetti alle pulizie del proprio alloggio (4%)”.