Come vincere il complesso di inferiorità e imparare ad amarsi

Credi di essere meno importante degli altri e spesso non ti senti all’altezza in una o più circostanze? E' colpa del complesso di inferiorità: cos’è e come superarlo

A tutte noi è capitato almeno una volta nella vita di paragonarci ad altri, per il nostro aspetto fisico, il nostro carattere o per eventuali successi o fallimenti. È una cosa del tutto normale e, la maggior parte delle volte, positiva, in quanto ci incoraggia a migliorarci sempre più.  

Tuttavia, se tutto ciò si verifica regolarmente e ci fa sentire inadeguati e inferiori agli altri, potrebbe significare che forse soffriamo del classico disturbo denominato “complesso di inferiorità”Il complesso di inferiorità, infatti, può essere definito come l’insieme di emozioni, sentimenti e stati d’animo di un soggetto che lo fa sentire perennemente inadeguatoinsicuro e inferiore agli altri.  

Che cos’è il complesso di inferiorità

Il complesso di inferiorità corrisponde a una percezione negativa del sé, basata sulla mancanza di stima nelle proprie capacità. Chi soffre di tale disturbo racconta di non sentirsi mai all’altezza nella maggior parte delle circostanze, che scandiscono la sua quotidianità e le sue relazioni. A causa del complesso di inferiorità, si può essere portate a interpretare la maggior parte delle circostanze come svantaggiose o minacciose, e si percepisce la propria situazione come esclusivamente negativa e irrimediabile.

Come nasce

La maggior parte delle volte, il complesso di inferiorità può essere causato dall’ambiente familiare  in cui il soggetto è cresciuto, con una carenza di affetto e stima da parte dei genitori. Per esempio, una bambina cresciuta da genitori anaffettivi e che non ha mai ricevuto lodi e complimenti dalla sua famiglia può crescere senza autostima. pensando di essere una buona a nulla.

Tuttavia, a volte, il complesso di inferiorità, può essere causato da delusioni avute nell’età adolescenziale, o persino nell’età adulta, che spingono a non fidarsi più delle proprie capacità.

Quali sono i sintomi

I sintomi più comuni che identificano chi soffre di questo disturbo sono:   

  • Scarsa autostima; 
  • Incapacità di prendere sul serio i complimenti, a causa della scarsa autostima;  
  • Pensieri negativi; 
  • Sensibilità eccessiva alle critiche, in quanto non fanno altro che confermare le idee negative su sè stessi;  
  • Incapacità di raggiungere i propri obiettivi, a causa dell’abitudine ad arrendersi alla prima difficoltà;  
  • Tristezza e scoraggiamento, non riuscendo a raggiungere nessun obiettivo;  
  • Invidia per i successi degli altri.  

A questi sintomi se ne aggiungono altri meno comuni ma comunque tipici di chi soffre del complesso di inferiorità.  

  • Tendenza al perfezionismo, a causa della paura costante di poter fallire; 
  • Tendenza a cercare i difetti negli altri, così da non soffermarsi momentaneamente sui propri.  

Il complesso di inferiorità: 5 consigli per superarlo 

 Il complesso di inferiorità, così come qualsiasi altro disturbo, si può superare, così da poter essere di nuovo felici e sereni.  Di seguito, alcuni consigli efficaci per sconfiggerlo: 

  • Ammettere di avere un problema. Il primo passo per poter superare un qualsiasi disagio psicologico è ammettere di averne uno. Solo così, infatti, si possono fare i passi necessari per risolverlo. Perciò, la prima cosa da fare è quella di chiedere un aiuto ad uno psicologo psicoterapeuta, così che possa aiutarti a capire la causa del tuo problema e le possibili soluzioni ad esso;  
  • Concentrati sugli aspetti positivi del tuo carattere. Tutti noi abbiamo dei pregi, basta solo capire quali sono. Se però ti concentri sugli aspetti negativi del tuo carattere non riuscirai a concentrarti sui pregi e sulle tue capacità. Perciò, quando ti senti triste potresti stilare una lista di tutte le belle qualità che hai, così da tornare a sorridere;  
  • Poniti degli obiettivi e portali a termine. Dovresti porti degli obiettivi e poi fare dei passi concreti per raggiungerli. 
    Tuttavia, quando affronterai delle difficoltà, anziché arrenderti, dovrai ricordare a te stessa che raggiungere quell’obiettivo ti farà stare bene e non dovrai mollare fino a quando non ci sarai riuscita.
    Poi, una volta raggiunto il tuo obiettivo potrai ricompensarti facendoti un regalo e congratulandoti con te stessa. Potrebbe sembrare una condotta insensata, ma far questo ti aiuterà, poco alla volta, a superare il tuo disagio;  
  • Avere amici che ci stimano. Anziché circondarti di persone negative, la cosa migliore da fare sarebbe quella di avere vicino a te persone solari, positive e che ti stimano. Stare in loro compagnia, infatti, ti farà sentire più sicura in modo tale da abbandonare i pensieri negativi;
  • Credi in te stessa. Tempo fa una persona ha scritto “Se gli altri credono in te, sarai più forte. Se sarai tu a credere in te stesso, sarai invincibile”. Quando ti sentirai triste ricordati di credere in te stessa e vedrai che tutto si sistemerà.  

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come vincere il complesso di inferiorità e imparare ad amarsi