Frasi sulla scuola, per ricordare quanto è importante

La formazione scolastica accompagna gran parte dell’infanzia e dell’adolescenza di una persona. Le citazioni e gli aforismi più belli sull’istruzione

A scuola, ogni persona passa gran parte della propria infanzia e della propria adolescenza. Il percorso formativo all’interno dell’istituto scolastico non solo fornirà conoscenze grammaticali, matematiche e culturali, ma sarà fondamentale anche per la crescita personale dell’individuo. I maestri prima e i professori poi, sono i primi modelli che un bambino segue e dai quali apprende nozioni importanti per la vita futura. La definizione di scuola è quella di un’istituzione destinata all’educazione e all’istruzione degli allievi sotto la guida di varie tipologie di figure professionali appartenenti al settore dei lavoratori della conoscenza. Se si guarda al termine latino schola, dal quale deriva, il significato era quello di “luogo in cui viene speso maggiormente il tempo libero”, che nell’antichità era dove si tenevano discussioni filosofiche o scientifiche durante il tempo libero. Con il passare del tempo, il significato si è evoluto in “luogo di lettura”, per poi passare a descrivere il luogo d’istruzione per eccellenza. Nella maggior parte dei paesi nel mondo il sistema formativo si divide in istruzione obbligatorie e volontaria, ovvero in scuola elementare per l’educazione primaria dei bambini, scuola secondaria di primo grado, scuola secondaria di secondo grado e università. In Italia la scuola venne definita pubblica, obbligatoria e gratuita nel 1972 sia per i maschi che per le femmine. Per chi vuole approfondire il concetto sulla scuola e vuole conoscere il pensiero di personalità del settore come Maria Montessori e Gianni Rodari, con DiLei, trovate una selezione di frasi e aforismi sulla scuola, perfette per ogni occasione e per ricordare quanto questo sistema formativo sia importante per accompagnare i giovani nell’età adulta.

Frasi divertenti sulla scuola

Il rapporto con gli insegnanti, l’amicizia con i compagni, la scarsa voglia di stare ad ascoltare la lezione o di stare chini sui libri: la scuola è un mondo pieno di esperienze e che può essere anche un ampio bacino per numerosi spunti comici. Dalla primaria all’università, sono numerose le battute che si possono fare sugli istituti di formazione e sui suoi studenti. Tra i più solerti e quelli che invece sono irrefrenabili, ogni allievo ha un suo modo di vivere e passare il tempo in classe. Per chi vuole sorridere ripensando agli anni passati sui banchi o vuole mettere allegria a un giovane in età scolare, di seguito una selezione di frasi divertenti sulla scuola che non possono non essere condivise da chiunque sia stato o sia ancora alle prese con insegnanti e testi di studio.

  • Durante i miei nove anni alle scuole superiori non sono riuscito a insegnare niente ai miei professori. (Bertolt Brecht)
  • “Mamma, lo sai che c’è mancato poco che oggi a scuola prendessi un bel 10?”. “Perché caro, hai preso 9?”. “No, ha preso 10 il mio compagno di banco”. (Gino Bramieri)
  • Mio figlio è stato a casa da scuola tre giorni, la settimana scorsa. Il suo insegnante mi ha mandato una nota di ringraziamento. (Milton Berle)
  • A scuola ero il miglior ultimo della classe. (Marcello Marchesi)
  • Sono uscito dal liceo dopo otto anni. Per buona condotta. (Paolo Burini)
  • Il caro prezzi colpisce anche la scuola. Con quello che costano gli zainetti, conviene comprarsi direttamente il diploma. (Dario Vergassola)
  • Sono così distratto che marinavo la scuola di domenica. (Steve Allen)
  • La scuola dovrebbe essere un luogo bellissimo; così bello che i bambini disobbedienti, per punizione, il giorno dopo dovrebbero essere chiusi fuori dalla scuola. (Oscar Wilde)
  • Quando un soggetto diventa totalmente obsoleto si istituisce un corso scolastico obbligatorio. (Peter Drucker)
  • Gli allievi mangiano ciò che i professori hanno digerito (Karl Kraus)
  • La prima metà della mia vita sono andato a scuola, la seconda metà della mia vita ho avuto una formazione. (Mark Twain)
  • La prima nota di merito che un bambino riceve a scuola per aver semplicemente eseguito un compito necessario è la sua prima lezione di concussione. (Philip Gordon Wylie)
  • Se i Romani fossero stati obbligati a imparare il latino, non avrebbero mai trovato il tempo di conquistare il mondo. (Heinrich Heine)
  • Odio la scuola. Mi fa impazzire. Appena imparo una cosa, vanno avanti con qualcos’altro. (Sally Brown)
  • Scuola: inculcare l’incomprensibile nella indifferenza dell’incompetente. (John Maynard Keynes)

Frasi sull’importanza della scuola

C’è chi vive la scuola come un luogo di paure e conflitti, tra il rapporto con i compagni di classe, interrogazioni, brutti voti e note. Altri che la vedono come un luogo ricco di sfide e dove fare amicizia, creare alleanze e imparare cose nuove che potranno servire in futuro. Compito degli insegnanti è fare in modo che gli studenti si sentano a proprio agio in aula e siano stimolati e incuriositi. Una buona formazione scolastica è un buon biglietto da visita nel mondo del lavoro. Qui trovate alcune frasi e aforismi sull’importanza della scuola.

  • La scuola è il nostro passaporto per il futuro, poiché il domani appartiene a coloro che oggi si preparano ad affrontarlo. (Malcom X)
  • La scuola ci insegna a capire la realtà. Andare a scuola significa aprire la mente e il cuore alla realtà, nella ricchezza dei suoi aspetti, delle sue dimensioni. (Papa Francesco)
  • Il mondo può essere salvato solo dal soffio della scuola. (Talmud)
  • La mia idea di scuola è quello di turbare le menti dei giovani e infiammare il loro intelletto. (Robert Maynard Hutchins)
  • L’obiettivo principale della scuola è quello di creare uomini che sono capaci di fare cose nuove, e non semplicemente ripetere quello che altre generazioni hanno fatto. (Jean Piaget)
  • Colui che apre una porta di una scuola, chiude una prigione». (Victor Hugo)
  • La ragione principale per andare a scuola è quello di imparare, per il resto della vita, c’è un libro per tutto. (Robert Frost)
  • Tutto il male che si dice della scuola fa dimenticare il numero di bambini che ha salvato dalle tare, dai pregiudizi, dall’ottusità, dall’ignoranza, dalla stupidità, dalla cupidigia, dall’immobilità o dal fatalismo delle famiglie. (Daniel Pennac)
  • La scuola non è riempire un secchio, ma accendere un incendio. (William Butler Yeats)
  • Il reciproco amore fra chi apprende e chi insegna è il primo e più importante gradino verso la conoscenza. (Erasmo da Rotterdam)
  • Scopo della scuola è quello di sostituire una mente vuota con una aperta. (Malcolm S. Forbes)
  • La scuola è imparare quello che non sapevi nemmeno di non sapere.  (Daniel J. Boorstin)
  • La scuola è l’ingresso alla vita della ragione.  (Jerome Bruner)
  • Il vero oggetto della formazione è quello di mettere un uomo nella condizione di porre continue domande. (Vescovo Mandell Creighton)
  • L’istruzione è l’arma più potente che puoi usare per cambiare il mondo. (Nelson Mandela)

Frasi sulla scuola dell’infanzia

Il primo gradino all’interno del sistema scolastico è rappresentato dalla scuola dell’infanzia, dove i bambini possono andare dalla nascita fino ai sei anni. Non è obbligatoria ed è aperta a tutti i piccoli tra i tre e i 6 anni. Qui, si inizia a fornire una prima formazione didattica e pedagogica. Ecco alcune tra le più nelle frasi e citazioni sulla scuola d’infanzia.

  • L’intelligenza cresce e porta frutti solo nella gioia. La gioia di imparare è indispensabile agli studi come la respirazione ai corridori». (Simone Weil)
  • Le radici dell’educazione sono amare, ma il frutto è dolce». (Aristotele)
  • Nulla di ciò che fai per dei bambini è sprecato.(Garrison Keillor)
  • Se siamo preoccupati dal futuro, dobbiamo prenderci cura oggi di come crescono i bambini. (Gordon B. Hinckley)
  • La vita di un bambino è come un pezzo di carta su cui ogni persona lascia un segno. (Proverbio cinese)
  • I bambini non hanno né passato né futuro; si godono il presente, cosa che pochissimi di noi fanno. (Jean de La Bruyère)
  • Ai bambini deve essere insegnato come pensare, non cosa pensare. (Margaret Mead)
  • L’infanzia non è semplicemente un tempo di preparazione alla vita, come sovente siamo portati a pensarla per i nostri figli, ma è già vita essa stessa. (Peter Rosegger)
  • I bambini imparano più da come ti comporti che da cosa gli insegni. (William Edward Burghardt Du Bois)
  • Non c’è responsabilità più sacra di quella che il mondo ha verso i bambini. Non c’è dovere più importante di garantire che siano rispettati i loro diritti, che il loro benessere sia tutelato, che le loro vite siano libere dalla paura e dal bisogno e che essi possano crescere nella pace. (Kofi Annan)

Frasi di Gianni Rodari

Gianni Rodari è stato uno scrittore e pedagogista, specializzato in letteratura per l’infanzia. I suoi libri sono stati tradotti in numerose lingue ed è stato l’unico autore italiano ad aver vinto il prestigioso Premio Hans Christian Andersen. Con la sua “Grammatica della fantasia”, è diventato uno tra i principali teorici dell’arte di inventare storie. Chi vuole conoscere meglio questa figura d’eccellenza che ha segnato il sistema educativo del Bel Paese, può dare un’occhiata ad alcune frasi e aforismi di Gianni Rodari.

  • Anche i grandi a scuola vanno tutti i giorni di tutto l’anno. Una scuola senza banchi, senza grembiuli né fiocchi bianchi. E che problemi, quei poveretti, a risolvere sono costretti: “In questo stipendio fateci stare vitto, alloggio e un po’ di mare”. La lezione è un vero guaio: “Studiare il conto del calzolaio”. Che mal di testa il compito in classe: “C’è l’esattore delle tasse”!
  • Giugno, invece, è falciatore; il fieno manda un dolce odore, in alto in alto l’allodola vola, il bidello chiude la scuola
  • L’incontro decisivo tra i ragazzi e i libri avviene sui banchi di scuola. Se avviene in una situazione creativa, dove conta la vita e non l’esercizio, ne potrà sorgere quel gusto della lettura col quale non si nasce perché non è un istinto. Se avviene in una situazione burocratica, se il libro sarà mortificato a strumento di esercitazioni (copiature, riassunti, analisi grammaticale eccetera), soffocato dal meccanismo tradizionale: interrogazione-giudizio, ne potrà nascere la tecnica nella lettura, ma non il gusto. I ragazzi sapranno leggere, ma leggeranno solo se obbligati
  • Fa’ la punta alla matita corri a scrivere la tua vita. Scrivi parole diritte e chiare: amore, lottare, lavorare
  • Settembre settembrino, matura l’uva e si fa il vino, matura l’uva moscatella: scolaro, prepara la cartella!
  • Nelle nostre scuole, generalmente parlando, si ride troppo poco. L’idea che l’educazione della mente debba essere una cosa tetra è tra le più difficili da combattere
  • Vale la pena che un bambino impari piangendo quello che può imparare ridendo? Se si mettessero insieme le lacrime versate nei cinque continenti per colpa dell’ortografia, si otterrebbe una cascata da sfruttare per la produzione dell’energia elettrica. Ma io trovo che sarebbe un’energia troppo costosa
  • È difficile fare le cose difficili: parlare al sordo, mostrare la rosa al cieco
  • Bambini, imparate a fare le cose difficili: dare la mano al cieco, cantare per il sordo, liberare gli schiavi che si credono liberi
  • Gli errori sono necessari, utili come il pane, e spesso anche belli: per esempio la torre di Pisa

Frasi di Maria Montessori

Maria Montessori è stata una pedagogista, neuropsichiatra infantile e scienziata italiana il cui metodo educativo, che prende il suo nome, è adottato in migliaia di scuole in tutto il mondo. Il suo pensiero si basava sul concetto che la disciplina deriva dal “lavoro libero”. Per apprendere, quindi, il bambino deve scegliere assecondando il proprio istinto e deve essere interessato al compito da svolgere. Coloro che vogliono comprendere meglio qual è la sua idea di scuola e di apprendimento, qui trova una serie di aforismi e citazioni sul tema di Maria Montessori.

  • Il più grande segno di successo per un insegnante è poter dire: i bambini stanno lavorando come se io non esistessi
  • La scuola è quell’esilio in cui l’adulto tiene il bambino fin quando è capace di vivere nel mondo degli adulti senza dar fastidio
  • Per aiutare un bambino, dobbiamo fornirgli un ambiente che gli consenta di svilupparsi liberamente
  • Una persona con una laurea è una persona che sa meglio destreggiarsi nell’oceano della formazione. Ha ricevuto un orientamento
  • Per insegnare bisogna emozionare. Molti però pensano ancora che se ti diverti non impari
  • La prima premessa per lo sviluppo del bambino è la concentrazione. Il bambino che si concentra è immensamente felice
  • Mai aiutare un bambino mentre sta svolgendo un compito nel quale sente di poter avere successo
  • Chi non comprende che insegnare a un bambino a mangiare, a lavarsi, a vestirsi, è lavoro ben più lungo, difficile, e paziente che imboccarlo, lavarlo, vestirlo
  • Se si è imparato ad imparare allora si è fatti per imparare

Frasi di Don Milani

Don Lorenzo Milani è stato un sacerdote e maestro che ha fondato nel 1947, alle porte di Firenze, la scuola popolare per i ragazzi più poveri. L’obiettivo era dare alla gente, di cui era spiritualmente responsabile, il massimo possibile di acculturazione puntando sulla conoscenza e soprattutto sullo sviluppo della capacità di critica. Il suo metodo partiva dalla lettura dei giornali in classe, analizzando i temi dell’attualità e soffermandosi a lungo sui termini difficili. Qualche frase e aforisma per comprendere il pensiero e la figura di Don Milani.

  • Se si perde loro (i ragazzi più difficili) la scuola non è più scuola. É un ospedale che cura i sani e respinge i malati
  • Vuoi tu che i poveri regnino presto? Vuoi che regnino bene? Scrivi dunque o un libro per loro o un giornale per loro oppure fatti… apostolo tra i tuoi compagni laureati cattolici per dare vita a una grandiosa scuola popolare a Firenze. Non come un dono da fare ai poveri, ma come un debito da pagare e un dono da ricevere
  • Su una parete della nostra scuola c’è scritto grande “I care”. È il motto intraducibile dei giovani americani migliori: “me ne importa, mi sta a cuore”. È il contrario esatto del motto fascista “me ne frego”
  • Ogni parola che non impari oggi è un calcio nel culo domani
  • Dovevo insegnare come il cittadino reagisce all’ingiustizia. Come ha libertà di parola e di stampa. Come il cristiano reagisce anche al sacerdote e perfino al vescovo che erra. Come ognuno deve sentirsi responsabile di tutto
  • Non ho retto i giovani con doni speciali di attrazione. Sono stato solo furbo. Ho saputo toccare il tasto che ha fatto scattare i loro più intimi doni. Io ricchezze non ne avevo.
  • Erano loro che ne traboccavano e nessuno lo sapeva
  • Il maestro dà al ragazzo tutto quello che crede, ama, spera. Il ragazzo crescendo ci aggiunge qualche cosa e così l’umanità va avanti
  • In sette anni di scuola popolare non ho mai giudicato che ci fosse bisogno di farci anche dottrina. E neanche mi son preoccupato di far discorsi particolarmente pii o edificanti. Ho badato solo a non dir stupidaggini, a non lasciarle dire e a non perder tempo. Poi ho badato a edificare me stesso, a essere io come avrei voluto che diventassero loro

Frasi sull’inizio della scuola

Il primo giorno di scuola è un insieme di emozioni. Si entra in un ambiente nuovo, si conoscono persone fino ad allora sconosciute tra insegnanti e compagni di classe, in definitiva si apre una porta verso un percorso che segnerà la nostra vita. Di seguito alcune tra le più significative frasi e citazioni sull’inizio della scuola.

  • Lo scopo dell’educazione è quello di trasformare gli specchi in finestre». (Sydney J. Harris)
  • Una buona testa e un buon cuore sono una combinazione formidabile. Ma quando ci aggiungi una lingua o una penna colta, allora hai davvero qualcosa di speciale. (Nelson Mandela)
  • Il primo giorno di scuola eravamo tutti come delle bocce lanciate a caso su un biliardo, qualcuna un po’ prima e qualcuna un po’ dopo, secondo l’ordine d’arrivo nei banchi. Ma Pucci notava che gli scolari arrivati nei banchi più avanti erano quelli che andavano avanti bene negli studi, e gli scolari arrivati nei banchi più indietro erano quelli che restavano indietro. (Gianni Celati)
  • Il primo giorno di scuola può essere per taluni drammatico perché rappresenta un secondo taglio del cordone ombelicale, per altri invece la possibilità di incontrare bambini con cui giocare. (Antonio Piva)
  • Amici e professori coloreranno questo anno scolastico, esperienze belle e brutte si incroceranno, ma tu non perdere mai la voglia di sorridere e imparare. (Pascal Ciuffreda)
  • Quello che vogliamo è vedere il ragazzo alla ricerca della conoscenza, e non la conoscenza alla ricerca del ragazzo. (George Bernard Shaw)
  • Cos’è la cosa più importante che uno impara a scuola? L’autostima, l’appoggio e l’amicizia. (Terry Tempest Williams)
  • Non basta mandare i figli a scuola, bisogna accompagnarli sulla via degli studi, bisogna costruire giorno per giorno in essi la consapevolezza che a scuola si va non per conquistare un titolo, ma per prepararsi alla vita. (Giovanni Leone)
  • Sono nato il primo giorno di scuola. Sono cresciuto e invecchiato in soli 200 giorni. (Alessandro D’Avenia)
  • Ti auguro di passare un anno stellare, costellato da momenti indimenticabili in questo universo di esperienze che devono essere prese sempre al volo! (Pascal Ciuffreda)

Frasi sulla fine della scuola

Al contrario dell’inizio, la fine della scuola rappresenta una cesura con ciò che è noto, con un’ambiente che è ormai diventato familiare, con abitudini e persone che sono entrate a far parte del nostro quotidiano. È il termine di un percorso ricco di esperienze ed emozioni che non saranno mai dimenticate. Alcuni tra i migliori aforismi e le frasi sulla fine della scuola.

  • Una vita senza esami non vale la pena di essere vissuta. (Socrate)
  • Il distacco dalla scuola fu una grande amarezza. Amavo molto la lettura e ogni pagina di libro era come una rivelazione per me. Avevo sete di quelle rivelazioni. (Giuseppe Di Vittorio)
  • Quest’anno per la maestra c’è una classe nuova e un cambio di creature e vocali, e sarà una festa anche per i banchi che aspettano i bambini come rami aperti che attendono tante farfalle colorate. (Fabrizio Caramagna)
  • L’insegnante mediocre dice. Il buon insegnante spiega. L’insegnante superiore dimostra. Il grande insegnante ispira. (William Arthur Ward)
  • Un buon insegnante è uno che si rende progressivamente superfluo”. (Thomas Carruthers)
  • È l’arte suprema dell’insegnante: risvegliare la gioia della creatività e della conoscenza”. (Albert Einstein)
  • Si capisce bene cos’è una scuola quando la viviamo come se fosse il luogo dove si entra competitivi e, dopo aver lavorato e studiato insieme, si esce rispettosi degli altri e tolleranti”. (Mario Lodi)
  • L’istruzione è ciò che rimane dopo che si è dimenticato tutto ciò che si era imparato a scuola. (Albert Einstein)
  • L’insegnante è la persona alla quale un genitore affida la cosa più preziosa che possiede suo figlio: il cervello. Glielo affida perché lo trasformi in un oggetto pensante. Ma l’insegnante è anche la persona alla quale lo Stato affida la sua cosa più preziosa: la collettività dei cervelli, perché diventino il paese di domani. (Piero Angela)