Aforismi romani sull’amore, le frasi più romantiche e divertenti

Spontaneo, irriverente, "de panza": il dialetto romano è perfetto per una dedica d'amore decisamente originale e divertentissima

Qual è la vera lingua dell’amore? In realtà, non è importante come lo esprimiamo, bensì il semplice fatto di dire due semplici paroline come “ti amo”. Ma c’è un dialetto che mette un po’ tutti d’accordo, regalandoci vere perle di ironia in grado comunque di farci riflettere: il romano. Dietro qualche frase un po’ sfrontata e sicuramente molto spontanea c’è una cultura che parla (anche) d’amore, e che non possiamo proprio ignorare.

Il dialetto romanesco è irriverente e caustico, a volte un po’ volgare e comunque divertentissimo. Insomma, è la scelta perfetta per dare voce ai nostri sentimenti più profondi, sdrammatizzandoli quel tanto che basta per far capire che siamo pronti a non prenderci troppo sul serio. E tuttavia, da quelle parole emergono purissime le emozioni più belle e romantiche che potremmo mai regalare alla persona che amiamo.

Sei alla ricerca di un modo originale per dire “ti amo” al tuo partner, e vuoi sorprenderlo con una frase che probabilmente non si è mai sentito rivolgere? Allora non ti resta che spulciare la nostra lista: su DiLei abbiamo raccolto tantissimi aforismi romani sull’amore (e non solo!), per sorridere e magari addirittura lasciarsi andare ad una lacrimuccia di commozione davanti a queste dichiarazioni spontanee e meravigliose.

Frasi d’amore in romano

C’è chi ha già trovato l’anima gemella e vive con le farfalle nello stomaco, pensando solamente all’amore. E c’è chi invece è ancora alla ricerca, e magari sta iniziando a perdere un po’ la speranza. Ebbene, per ciascuno di noi c’è un aforisma che sembra calzare su misura: d’altra parte, l’amore è una delle emozioni più complesse che possano albergare nei nostri cuori, e forse solo la schiettezza del romano può riuscire a districarsi tra le sue mille sfumature. Ecco alcuni splendidi aforismi d’amore in dialetto.

  • Amà qualcuno vo dire amà prima se stessi.
  • Voi fatte ama’? Fatte sospirà.
  • L’amore inizia quanno l’omo comincia a cantà e finisce quando comincia a piagne.
  • Io vojo quarcuno che me torga ‘r fiato, no ‘r soriso.
  • Nun fidateve mai de chi ve dice che nun c’ha avuto tempo de scriveve o de chiamavve, chi ama davvero er tempo ‘o trova sempre.
  • L’amore nunn’è bbello si nunn’è litigarello.
  • Quanno er core nun vole sta fermo, nun metterte paura, nun è infarto è amore.
  • Se voi piagne mattina e sera, basta che te n’amori de na donna.
  • Mejo dolor de bborsa che ddolor dde core.
  • Pe’ esse felici ce vonno du’ occhi che te guardeno e ‘n core che batte cor tuo.
  • Ama tanto la donna tua, come quanno ami tua madre mentre cucina er ragù.
  • L’amore me da la forza de andà avanti nel mezzo de sta brutta vita.
  • Me disse: “Chi ama torna”. Je risposi: “No, chi se pente torna, chi ama resta”.
  • Mani calde è n’amorato, mani fredde è n’ammalato.
  • Guardame negli occhi e mostrame quanto me ami.
  • Falla svejà co ‘n soriso.
  • Insieme potremmo girà tutto sto mondo e salì pure sulla luna.
  • Me so m’briacato de na donna l’altra sera, è stata la sbronza più potente de la vita mia.
  • Quanno l’amore nun viene dal core è come magnà una minestra senza sale. Non sa de niente.
  • Questa città te ruba er core tanto quanto tu hai rubato er mio.
  • La donna è come la castagna: bella de fora e drento la magagna.
  • Me so domandato che vol dì la parola amore, e l’ho capita quanno mi madre m’ha fatto la carbonara.
  • Amore, tosse e rogna nun s’annisconneno.
  • Te se consuma er core, ma d’amore n’se more.
  • L’amore è come l’ova: è bono quanno è fresco.
  • L’amore è come la cipolla, più te avvicini e più te fa piagne.
  • Chi disse donna disse danno.

Come dire “ti amo” in romano

Sorprendi la tua dolce metà con un bigliettino romantico e decisamente sui generis: scegli la più bella frase d’amore che ti fa battere forte il cuore, scrivila a mano su un pezzetto di carta e conservalo per un’occasione speciale. O, per chi non apprezza particolarmente il sapore di questi gesti di una volta, basta optare per la versione digitale – tra messaggi e social network, di luoghi per una dichiarazione d’amore ce ne sono a bizzeffe. Ecco come dire “ti amo” in romano.

  • Quanno te penso me squaglio come un gelato ar sole.
  • Baciame e nun te fermà.
  • Quanno i miei occhi t’hanno vista venirme en contro mè mancata la terra sotto a li piedi.
  • Ieri sera ho bevuto ‘n botto, ma nun ho smesso mai de pensatte.
  • Robba che quando me chiedevano ‘a droga je parlavo der soriso tuo.
  • “Ma è bella?”. “Bella? Quanno soride esce er sole”.
  • Sento er core che batte all’impazzata quanno me stai vicino.
  • C’ho ‘n sacco de cose da ditte, ma se te bacio faccio prima.
  • Me so domandato come se vivesse senza te ne la vita mia, ma nun me so voluto risponde perché tu me illumini le giornate.
  • Me basta stringerti la mano pe’ capì quanto te amo.
  • Er punto è, che er sorriso che m’hai tirato fori te nun sapevo manco de avercelo.
  • Nun dimme che me ami perché potrei abituamme e poi sò ca**i tua.
  • L’occhi de la n’annamurata mia me scardano er core e me riempiono le giornate.
  • Poi d’un tratto m’hai guardato, come ‘n furmine improvviso, me sentivo esplode er core, m’è scoppiato ‘n paradiso. Ma t’aritroverò stanotte, nei sogni mia.
  • Che to dico a fa’, l’occhi tua me fregano sempre.
  • Quanno te guardo me ride er core.
  • De tutta Roma tu sei er monumento più spettacolare.

Canzoni romane sull’amore

Dai tempi degli stornelli romani, splendide frasi d’amore in questo dialetto magico sono rimaste impresse nella nostra memoria. Perché non rivivere quel romanticismo? Abbiamo scovato alcune meravigliose citazioni di canzoni in romanesco che parlano d’amore, e che ti catapulteranno immediatamente in un turbinio di emozioni uniche.

  • Quando io sono solo con te
    Non so più chi sono perché
    Crolla il pavimento
    E mi sciolgo qui dentro
    Quando penso a te
    Mi sento denso perché
    Io ti tengo qua dentro di me
    Io ti tengo qua dentro con me
    Me so ‘mbriacato di una donna
    Quant’è bono l’odore della gonna
    Quant’è bono l’odore der mare
    Ci vado di notte a cercar le parole
    (Alessandro Mannarino – Me so ‘mbriacato)
  • Me ‘nnamoro de te se no che vita è
    Lo faccio ‘n po’ pe’ rabbia, un po’ pe’ nun sta solo
    Come sta solo ‘n omo nella nebbia
    Perché nun po’ parla’ manco cor cielo
    Me ‘nnamoro de te lo devo fa’ pe’ me
    Me serve ‘n’ emozione come me serve er pane
    ‘Sta vorta ce la vojo mette’ tutta
    Me devo ‘nnammora’ vado de fretta
    Me ‘nnamoro de te se no che vita è
    Sei l’urtima rimasta devi esse’ quella giusta
    Senza sforzamme già te vojo bene
    Spero che duri ‘n po’ de settimane
    (Franco Califano – Me ‘nnamoro de te)
  • L’amore nostro tu lo butti ar fiume
    Senza giratte e senza ave’ dolore
    Io me ce tuffo e lo riporto a riva
    Lo tengo appiccicato addosso ar core
    Er male che m’hai fatto nun è niente
    Nun m’è sembrato poi così speciale
    Er bene resta a me che è roba mia
    Te lascio a lavora’ de fantasia
    Ma si te viene freddo quann’è sera
    Scordate qual è la porta mia
    C’ho er foco acceso e nun me manca niente
    Figurate si cerco compagnia
    (Il muro del canto – L’amore mio nun more)
  • Roma nun fa’ la stupida stasera
    damme ‘na mano a faje di’ de si’
    sceji tutte le stelle piu’ brillarelleche pòi
    e un friccico de luna tutta pe’ noi
    faje senti’ ch’e’ quasi primavera
    manna li mejo grilli pe’ fa’ cri cri
    prestame er ponentino
    piu’ malandrino che c’hai
    Roma reggeme er moccolo stasera
    (Nino Manfredi – Roma nun fa’ la stupida stasera)
  • Canzone de sto core appassionato
    Sospiri tu pe’ lei tutte le pene
    Faje senti’ cor canto delicato
    Sta fiamma che me brucia nelle vene
    Di che pe’ lei sortanto
    Io smanio soffro e canto
    Nell’aria dorce e tenera
    Insieme cor profumo d’ogni fiore
    Porta ‘na nota limpida
    Co’ l’eco de sto core
    Che dice co’ ‘na voce d’incantesimo
    Amore, amore, amore
    (Claudio Villa – L’eco der core)
  • La Romanina cantanno
    Vie’ dar Gianicolo in fiore
    Te dà n’occhiata passanno
    Te mette er foco ner core
    E tutta Roma
    S’encanta
    Ner mentre la vanta
    Dicendo così
    Lassatela passare
    La bella Romanina
    Che tutti fà incantare
    Nel mentre che cammina
    Te fa provà la scossa
    Con l’occhi d’assassina
    La bella Romanina
    Lassatela passar
    (Alvaro Amici – La Romanina)
  • Sono arrivati col torpedone
    Venti turisti ed io che sono il Cicerone
    Li porto a spasso in fila indiana
    E tutti insieme noi facciamo carovana
    Sopra quel ponte io l’ho baciata
    E dalla gioia tocco il cielo con le dita
    Sono felice, innamorato
    Voglio gridare a tutto il mondo che amo te
    Il Colosseo, Villa Borghese
    Piazza di Spagna, Porta Portese
    Il Cupolone, Fontana di Trevi
    Ponte Sublicio, un altro bacio
    (Edoardo Vianello – Il cicerone)
  • Questo è er canto de ‘na canzone
    Dedicata a te
    Questo è er canto de la mia vita
    Dedicata a te
    Tu m’hai dato tutto er core
    Senza chiede in cambio niente
    Tu sei veramente tutto quello che c’ho
    Mo che finisce er tempo dell’amore
    Sortanto sto pensiero me restera’
    Forse c’avro’ l’argento sopra i capelli
    Ma drento ar petto er core
    Me vora’ canta’
    (Amedeo Minghi – Vojo er canto de ‘na canzone)

Aforismi romani divertentissimi

Il sorriso è la nostra arma migliore, anche quando si parla d’amore. Ed è per questo che, con un pizzico di spavalderia, i romani sanno farci cadere ai loro piedi. Ecco alcune frasi divertentissime che ti faranno subito innamorare, o in cui finalmente potrai rispecchiarti nella tua sfortuna in amore. Meglio riderci su, non credi?

  • L’amore è ‘n apostrofo rosa tra “sei ‘a mia vita” e “ora ‘a vita ta torgo”!
  • Se nun te fà bestiemmià, nun è amore.
  • L’amore è cieco. Infatti a me nun me trova.
  • I ritorni de fiamma so boni solo pe’ le grigliate.
  • L’amore è baciasse dopo avè magnato bruschette cor pomodoro, origano e ajo.
  • Nun semo fatti pe’ stà da soli, ma nemmeno co’ chiunque.
  • Se je piaci anche quanno te sei appena svejata e assomiji incredibirmente a tu nonna, è vero amore.
  • Ce stanno du tipi de donna: le z*ccole e le pure. Le z*ccole so z*ccole; le pure, pure.
  • Nessuno me amerà mai come er frigo mio: ogni vorta che je guardo dentro se illumina.
  • E uniche farfalle che c’ho n’o stomaco so ar ragù.
  • Se aspetti er momento perfetto, rischi de aspettà pe’ tutta ‘a vita.
  • Tutti me chiedono perché so ancora single, ma nun capiscono che me devono ringrazià. Lo faccio pe’ non farli averce mi madre come socera.
  • Ce credi all’amore a prima vista o te devo ripassà davanti?
  • In amore vince chi manna a fanc*lo chi fugge.
  • A Cupido, li mortacci tua. Cambia lavoro!
  • Sei bona quanto le polpette d’abbacchio de mi nonna, no forse quelle so mejo.
  • A Natale li nonni, li zii e li parenti me chiedono come sta er fidanzato. Io rispondo che l’ho venduto pe’ na piotta e mezza.
  • Nun sò se innamoramme o famme ‘n panino, l’idea è quella de sentì quarcosa no stomaco.
  • Dell’amore c’ho solo ‘e manije.
  • Tra er core mio e er core tuo ce stanno solo li nostri corpi e du panze piene di spaghetti all’ammatriciana che li dividono.
  • L’omini se credono de averce er potere de comandà su la donna, ma se so scordati che ce sta una donna che li commannerà pe’ tutta la vita: la loro madre.
  • In amore vince chi ama, chi fugge nun sa che se perde.
  • Tutti che trovano l’amore, lavoro, na casa. Io non riesco a trovà manco le mutande pulite.

Frasi romane sulla vita

Con quella sua travolgente simpatia, il dialetto romano è perfetto per parlare non solo d’amore, ma anche di ogni altro aspetto della vita. Parole forse un po’ forti, metafore che talvolta fanno sorridere sotto un finto sguardo di scandalizzata disapprovazione, ma in fondo solo tanta verità: ecco le frasi romane sulla vita che ti faranno sorridere e riflettere.

  • Chi c’ha er pane, nun c’ha li denti e chi c’ha li denti nun c’ha er pane.
  • Con affetto e sentimento, meno te vedo e mejo me sento.
  • Se er vino nu lo reggi, l’uva magnatela a chicchi.
  • Omo de panza, omo de sostanza.
  • Vale ppiù la bbona riputazione che ttutto l’oro der monno.
  • Va in piazza e pija consijo, antorna a casa e ffa come te pare.
  • Troppi galli a cantà, nun se fa mai giorno.
  • Te fai come l’antichi che se magnaveno le cocce e buttaveno li fichi.
  • A ttutto c’è arimedio fora ch’a la morte.
  • Er gobbo vede la gobba dell’antri gobbi, ma nun riesce a trovasse la sua.
  • Fidete der ricco impoverito e nun te fidà der povero arricchito.
  • Poco e gnente j’è parente.
  • A chi tocca nun se ‘ngrugna.
  • L’onore e la salute nun se venneno in spezieria.
  • Chi tte fa più de mamma, o tte finge o tt’inganna.
  • Quello che nun strozza ‘ngrassa.
  • Chi nun lavora va in malora, ma chi lavora pure ce va, dunque è mejo nun lavorà.
  • Fa bene e scordate, fa male e penzace.
  • Se lavora pe’ campà, nun se campa pe’ lavorà.
  • Dentro ‘a bbotte piccola ce sta er vino bono, ma ‘n quella grossa ce ne sta de più.
  • Mejo che la panza mia crepi che la bbontà de Ddio se sprechi.