Jacqueline Cochran: la pilota col rossetto che ha infranto il muro del suono

Chi è Jackie, la pilota col rossetto che ha sorvolato i cieli e ha aperto la strada alle donne pilota negli Stati Uniti

Il 18 maggio del 1953, a Rogers Dry Lake in California, una pilota perfettamente agghindata, volò a bordo di un Sabre 3 a una velocità supersonica. Si trattava di Jacqueline Cochran, la prima donna a infrangere il muro del suono. Un record, questo dell’aviatrice statunitense, che è solo uno dei tanti collezionati nel corso della sua brillante vita.

Jacqueline “Jackie” Cochran, infatti, è stata una pioniera dell’aviazione militare, nonché la fondatrice delle Women Airforce Service Pilots (WASP), aprendo così la strada a tutte le donne pilota nello United States Army. La sua storia ha ispirato anche la serie televisiva Avenger Field, nella quale Jackie rivivrà nell’interpretazione di Renée Zellweger.

Dal salone di bellezza al cielo: il sogno che diventa realtà

Jacqueline “Jackie” Cochran, all’anagrafe Bessie Lee Pittman, nasce a Muscogee in Florida e sin da bambina si dimostra tenace e caparbia. Ultima di cinque figli, a 8 anni si ritrova già a svolgere diversi lavori per aiutare il sostentamento della famiglia.

Non ama quella vita, ma le basta uno sguardo al cielo per continuare a sognare. A dieci anni inizia a lavorare presso un salone di bellezza come apprendista parrucchiera. È affascinata da tutto ciò che riguarda il trucco e il parrucco e mette così tanto entusiasmo nel suo lavoro che le clienti del salone chiedono solo di lei.

A soli 14 anni sposa Robert Cochran dal quale prenderà il cognome. Dalla loro unione nascerà il loro primogenito che però morirà all’età di 5 anni. Una ferita immensa che la donna non dimenticherà mai e che allontanerà i due fino al divorzio. Bessie manterrà, però, sempre il cognome di suo marito.

Non avendo più legami sentimentali, la giovane Bessie viaggia per il Paese mossa dalla curiosità di scoprire il mondo. Dopo essere stata in Alabama e in Florida vola a New York dove ottiene un posto in un prestigioso salone di bellezza sulla Fifth Avenue. È qui che inizierà a farsi chiamare Jacqueline, per gli amici Jackie. Ed è sempre qui che si presenterà la più grande occasione della sua vita.

Non è fortuna, la sua, quanto più un’abile e irrefrenabile voglia di conquista del mondo. Ha esperienza e curiosità ed è appassionata. Jackie vive la sua vita con passione e senza fiato, tra lavoro, vacanze e viaggi straordinari. All’inizio degli anni ’30, dopo un volo con la sua amica, sviluppa una passione quasi ossessiva nei confronti dell’aviazione che si affianca a quella dei cosmetici e dei capelli.

Proprio in questi anni, a una delle tante cene in cui è invitata dalle sue facoltose clienti, conosce Floyd Bostwick Odlum, fondatore di Atlas Corp. e CEO di RKO Pictures a Hollywood, nonché uno degli uomini più ricchi di tutta l’America. Tra i due c’è subito complicità che lascia intendere la possibilità di una storia d’amore, ma non è possibile perché lui, oltre a essere più grande di lei di 14 anni, è già sposato e ha dei figli.

Eppure Floyd  è estremamente affascinato da quella ragazza con il rossetto rosso e con i capelli sempre perfetti, che sceglie di finanziarie i suoi sogni. L’uomo le pagherà le iscrizioni della scuola di volo. Jacqueline prende così lezioni di scuola di pilotaggio a Long Island e svolge la sua prima missione: quella di volare in solitaria. Poco dopo ottiene anche il brevetto come pilota commerciale.

Ora Jackie ha due nuove ossessioni, quella relativa al settore della bellezza e il volo. E non si sente a disagio a sorvolare i cieli del Paese, anche se questi sono quasi tutti occupati dagli uomini. Al suo fianco resterà sempre Floyd, suo grande sostenitore e amico che, dopo il divorzio con la moglie, sposerà quella donna intraprendente e straordinariamente unica nel 1936.

Insieme diventano infallibili: Jackie vola su tutto il Paese per promuovere la linea di cosmetici Wings to Beauty, la stessa utilizzata e promossa anche da Marilyn Monroe.

Jackie: la pilota col rossetto

Tutti parlano di Jackie, della pilota col rossetto, della donna competitiva, forte e coraggiosa che non si arrende davanti a nulla e nessuno. Le fotografie la immortalano con i capelli perfettamente raccolti nell’iconica permanente, la stessa che lei abilmente eseguiva sui capelli delle sue clienti, e il rossetto. In un mondo prettamente maschile, lei arriva dirompente con la sua femminilità.

E ci resta anche negli anni bellici, diventando il simbolo dell’importanza della donna durante la Seconda Guerra Mondiale. Vola e crea, oltre alle creme idratanti è l’ideatrice dei rivoluzionari cosmetici compatti per il viaggio.

Prima dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale, Cochran fissa un nuovo record: diventa la prima donna a pilotare un bombardiere per la società Wings for Britain. Nel Regno Unito diventa pilota volontaria Royal Air Force e nel settembre 1939, Jackie scrive a Eleanor Roosevelt per chiedere di istituire la divisione di volo femminile nelle United States Army Air Forces.

La grande eredità di Jackie

Jacqueline Cochran continua a lavorare per il resto dei suoi giorni collezionando un record dopo l’altro nella sua lunga carriera aeronautica. Oltre ad aver infranto il muro del suono Il 18 maggio del 1953, stabilisce diversi record mondiali di velocità, distanza e altezza. Tra tutti, anche quelli della Fédération aéronautique internationale, portando il T-38 a 16841 metri di altitudine in volo orizzontale.

Jacqueline si spegne il 9 agosto del 1980 in California, nell’abitazione in cui ha vissuto per il resto dei suoi anni con suo marito, rimasto il suo più grande sostenitore.

Fu sepolta nel cimitero della Coachella Valley dove aveva vissuto, e l’Aeroporto della valle è stato successivamente a lei dedicato. È considerata all’unanimità una delle più grandi aviatrici di sempre, nonché una pioniera del settore che ha utilizzato la sua popolarità e il suo carisma per aprire la strada alle donne pilota.

Grazie alle sue attività nel settore beauty, è stata eletta dalla camera di commercio di Boston come una delle 5 imprenditrici più importanti d’America. Nel 1953, l’Associated Press l’ha nominata Woman of the Year in Business.

La sua storia ha ispirato la serie televisiva in fase di sviluppo per la piattaforma in streaming Peacock, Avenger Field. Ad interpretare il ruolo di Jackie Cohran ci sarà Renée Zellweger.

Jacqueline Cochran , ritratto del 1940
Fonte: Getty Images
Jacqueline Cochran , ritratto del 1940