Olio di frittura, come riciclarlo per risparmiare

L'olio di frittura non è un rifiuto organico e non è biodegradabile. Ecco alcuni modi per riutilizzarlo e fare bene all'ambiente (e ai risparmi)

L’olio esausto utilizzato dopo la frittura viene facilmente sprecato. Per esempio, molti lo gettano nel lavandino e non sanno di mettere a rischio l’impianto di circolazione dell’acqua. Altri per esempio decidono di scaricarlo nel water o sul terreno di casa: non fatelo! Non essendo un rifiuto biodegradabile può inquinare non solo l’acqua potabile, ma danneggiare il terreno, rendendolo arido.

Per smaltirlo bisogna portarlo alle isole ecologiche o in alternativa ai distributori di benzina e ai supermercati che sono attrezzati per raccoglierlo.

Ci sono però molti trucchi per riciclarlo e fare bene non solo all’ambiente, ma anche al nostro portafogli. L’olio da frittura, infatti, può essere riutilizzato per creare sapone per la casa o come olio per lampade e candele. Ecco alcuni trucchi per risparmiare utilizzando l’olio di frittura riciclato.

Registrati a DiLei per continuare a leggere questo contenuto
Bastano pochi click (ed è totalmente gratuito)