Ingredienti e istruzioni per fare il sapone in casa

Hai voglia di realizzare con le tue mani del sapone fatto in casa, naturale e profumato? Ecco la ricetta completa per prepararlo!

Oggi come oggi, dove tutto può trovarsi a buon mercato in un qualunque store anonimo, diventando l’ennesimo oggetto senza anima da accatastare negli scaffali di casa, cosa c’è di più bello che provare l’entusiasmo e la gioia della creazione artigianale di un oggetto fai da te, frutto di amore, cura e dedizione, per dare vita a qualcosa di unico e speciale.

Che sia un hobby per te stessa o per fare dei graziosi regali ad amici e parenti, il sapone fatto in casa è un’ottima maniera per unire benessere, arte e funzionalità.

Perché conviene il sapone naturale fatto in casa

Per sapone “naturale”, intendiamo oggi una tipologia di sapone artigianale fatto in casa, creato attraverso l’autoproduzione, utilizzando grassi vegetali, soda caustica, acqua, senza additivi sintetici e conservanti.

Non si tratta solo di un vezzo, i vantaggi di un sapone fatto in casa sono numerosi, a cominciare dall’assenza di componenti chimiche e lavorati a livello industriale che producono tanta schiuma, ma, spesso, non lavano nemmeno troppo bene.

Senza contare che, per chi ha allergie o pelli molto delicate, avere dei saponi naturali è davvero un beneficio. Inoltre, i saponi chimici sono altamente inquinanti mentre quelli home made sono davvero ecologici ed è davvero una soddisfazione crearli. Ora non vi resta che trovare gli ingredienti e dare un’occhiata ad alcune ricette per un sapone fatto in casa ad hoc, con consigli pratici, per poi sbizzarrirvi con le vostre creazioni profumate!

Come fare il sapone a freddo e a caldo

Per fare il sapone fatto in casa all’olio d’oliva con il metodo a caldo o a freddo, dovrete procurarvi questi ingredienti: 1 kg d’olio extra-vergine d’oliva e 134 grammi di soda caustica, aggiungendo per la ricetta a freddo 280 grammi di acqua preferibilmente distillata, oppure 350 grammi di acqua preferibilmente distillata per quella a caldo.

Per l’attrezzatura avrete bisogno di:

  • una bilancia elettronica, per essere precise nelle dosi
  • cucchiai di legno per miscelare
  • contenitori in pirex resistente al calore per diluire la soda
  • recipiente di acciaio inox (resistente a 90°) per la saponificazione
  • un termometro da forno
  • un frullatore ad immersione
  • contenitori in plastica, in legno o in silicone da utilizzare come stampi

Se siete all’inizio, il modo più facile per realizzare il sapone fatto in casa è quello cosiddetto a freddo, che utilizza il calore naturale prodotto dalla reazione tra i grassi e la soda caustica.

Per prima cosa indossate guanti, occhialini e mascherina per pesare la soda caustica ma fate sempre molta attenzione: la soda caustica è altamente corrosiva e rischia di ustionare la pelle e mucose. Utilizzate la caraffa in pirex per diluire il liquido, mescolando bene. Ricordate che è la soda che va sempre versata nel liquido, mai il contrario, perché potrebbe essere molto rischioso.

Successivamente versate e fate riscaldare i grassi sul fornello, aspettando che, questi ultimi e la soluzione di soda arrivino ad una temperatura tra i 40 e i 50 gradi, per poi travasare la soluzione di soda nella pentola e miscelare bene con il frullatore.

Quando vedrete il composto diventare denso e molto cremoso, sarete arrivati nella cosiddetta fase “del nastro” dove potrete arricchire il prodotto con oli essenziali per profumarlo, spezie per ravvivarlo e colorarlo, insieme ai molteplici elementi naturali per personalizzarlo, come: lavanda, scorze d’arancia, cannella, riso, etc.

Versate, quindi, la miscela nello stampo, avvolgendo il tutto con materiale termo-isolante poiché la soda continuerà ad avere reazioni con l’olio. Aspettate 24 ore prima di togliere dagli stampi il composto di sapone indurito, per poi tagliarlo ed avere le vostre saponette fai da te proprio come desiderate.

Finito qui? Non proprio, perché sarà necessario aspettare almeno 4-5 settimane, lasciando riposare in un ambiente fresco e asciutto il sapone fatto in casa prima di utilizzarlo, il tempo necessario per far esaurire il potenziale caustico della soda.

Con il procedimento a caldo, invece, si procura calore esterno al composto, ad esempio per mezzo della cottura a bagnomaria. Un calore che va ad aggiungersi a quello che si crea nella reazione. Ed ecco qua che l’antica ricetta del sapone fatto in casa diventerà un must a casa vostra.

Altre ricette e aggiunte al sapone fatto in casa

La saponificazione casalinga consente di mantenere nel prodotto finito la glicerina che contribuisce a rendere il sapone molto delicato sulla pelle, sia per il corpo che per il viso.

Sono molte le ricette pensate ad hoc, per realizzare un sapone fatto in casa contro l’acne, che può essere fatto con argilla, curcuma, zolfo blu, tea tree oil, carbone attivo, lavanda e timo. Oppure, da provare il sapone anti-cellulite home made, con oli essenziali come quello di mandarino, che aiuta a combattere questo fastidioso inestetismo, insieme ad ingredienti come: acqua, soda caustica, olio d’oliva, olio di cocco, olio di ricino, amido di mais e fiori essiccati di calendula.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ingredienti e istruzioni per fare il sapone in casa