Pelle sensibile: ecco come proteggerla

Prurito, secchezza e rossore, sono solo alcuni segnali di una pelle reattiva e delicata. Ecco cosa evitare e come gestire la pelle sensibile

Chi ha la pelle sensibile soffre di una costante sensazione di fastidio che, a seconda delle cause, può poi trasformarsi in sintomatologie diverse. I segni variano dalla secchezza cutanea, alla sensazione di tensione e bruciore, alla couperose e rossore in zone localizzate o, peggio, alla desquamazione. La pelle delicata e reattiva è più associabile alle persone con pelle sottile e secca, tuttavia si trova anche in persone con pelle grassa a tendenza acneica. Come gestire e proteggere la pelle sensibile?

Se fai parte di questa categoria devi imparare a prendertene cura in modo costante anche evitando di esporre la pelle a certi rischi praticamente sicuri. Una volta che ti abitui a riconoscere le situazioni di stress, hai fatto già metà del lavoro. Ecco qualche consiglio da seguire.

Pelle sensibile: rischi da esposizione solare

I raggi solari sono il nemico numero uno perché è un dato certo e sicuro che il sole si leva al mattino e tramonta alla sera ogni giorno. A prescindere dalla stagione, la pelle sensibile ha bisogno di protezione costante, non solo per evitare l’invecchiamento cutaneo accelerato, o per evitare la comparsa delle macchie cutanee e di tumori della pelle, ma anche per non irritarla tutti i giorni. Da fare: usare una protezione alta (o media nelle stagioni fredde) ogni giorno e non esporsi nelle ore più calde.

Pelle sensibile: rischi da inquinamento

Il fattore inquinamento aumenta il rischio di irritazione poiché le polveri sottili e i gas emessi da auto e caldaie si posano sulla pelle provocando la proliferazione dei radicali liberi che aggrediscono le cellule soprattutto il film idrolipidico protettivo esterno. L’effetto è che l’epidermide perde il suo naturale equilibrio e le sue difese naturali. Da fare: detergere mattino e sera la pelle con cura con prodotti delicati, eseguire scrub delicati e naturali, e usare prodotti antipollution specifici come creme e sieri.

Pelle sensibile: rischi da gelo e temperature

Il gelo, il vento e le temperature basse favoriscono la secchezza della pelle, ma anche gli sbalzi di temperatura sono da considerarsi un grande rischio. Aria condizionata interna e calore esterno o, al contrario, freddo esterno e riscaldamento interno, agiscono negativamente sull’equilibrio dell’epidermide disidratandola. Da fare: mantenere la pelle ben idratata grazie a prodotti specifici, e introdurre liquidi con costanza durante la giornata. Senza una corretta idratazione anche la pelle non sensibile diminuisce le sue difese e perde elasticità.

Pelle sensibile: rischi da errata skin routine

La pelle sensibile ha bisogno di una skincare routine specifica che non stressi troppo la pelle. Importante la detersione quotidiana, mattino e sera, da realizzare con prodotti delicatissimi e privi di profumazione: i detergenti senza risciacquo da applicare con una spugnetta costituiscono la modalità ideale poiché a volte anche l’acqua può rivelarsi aggressiva per la pelle del viso. Oppure puoi usare delle formule in mousse o gel delicatissime. Dopo la detersione, se la pelle risulta arrossata, puoi spruzzare un po’ di acqua termale lenitiva e poi applica una crema idratante leggera, lenitiva e protettiva. Evita i saponi che possono contenere sostanze aggressive, ma anche di indossare indumenti lavati con detersivi aggressivi: anche questo potrebbe essere fastidioso.

Pelle sensibile: rischi da intolleranze e allergie

Ci sono persone che soffrono di intolleranze ai metalli. Queste possono causare irritazioni continue e bruciore o prurito: un classico sono gli orecchini che possono causare arrossamenti ma anche vere e proprie infezioni. Uno dei metalli più presenti su zip, orecchini e fibbie è il nichel. Tuttavia il nichel è contenuto anche in molti prodotti di bellezza e in molti alimenti e può causare non solo dermatiti e eczemi, ma anche disturbi intestinali e nevralgie. Da fare: scoprire le intolleranze ai metalli, soprattutto al nichel, optare per una dieta alimentare specifica e scegliere prodotti nichel free per il make up.

Pelle sensibile: ecco come proteggerla