Metodi efficaci per togliere i pidocchi dalle piante

Scopri come eliminare i pidocchi dalle piante con rimedi naturali e non

Foto di Daniela Iniziato

Daniela Iniziato

Web writer / Copywriter

Sono Daniela, web writer freelance. Scrivo articoli SEO, testi per siti internet, social e altro. Vivo scrivendo per realizzare la mia idea di libertà.

Ogni provetto giardiniere, se desidera avere un giardino curato, deve sapere come eliminare i pidocchi delle piante per evitare brutte sorprese.

I pidocchi delle piante sono piccoli insetti molli che si nutrono delle sostanze nutritive delle piante, succhiando i loro liquidi. Quando sono presenti in gran numero, possono indebolire significativamente ogni tipo di arbusto, danneggiando foglie e frutti.

Gli afidi, questo è il loro nome corretto, si moltiplicano con una certa rapidità, quindi è importante riuscire ad allontanarli prima che inizi la riproduzione. Sono uno dei parassiti più devastanti del giardino. In compenso, ti farà felice sapere che non è difficile sbarazzarsene se sai come fare, anche senza l’uso di sostanze chimiche nocive.

Infatti, queste bestioline poco simpatiche si muovono con lentezza e non volano, quindi con un’attenta cura possono essere facilmente controllate. Ci sono diversi metodi sicuri e semplici per eliminare i pidocchi dalle piante del tuo giardino e prevenire il loro ritorno.

Quello che devi fare è, prima di tutto, controllare manualmente e in maniera regolare le tue piante. Ma se arrivano senza che tu te ne accorga, potrai usare diversi piccoli stratagemmi. Il tutto, naturalmente, con un po’ di pazienza!

Cosa sono i pidocchi delle piante

I parassiti delle piante, chiamati afidi, pidocchi del giardino o mosche verdi possono invadere da un giorno all’altro il giardino, lasciandoti con piante appiccicose e denutrite che faticheranno a sopravvivere.

Sono voraci mangiatori e possono attaccare sia piante da interno che da esterno, comprese piante ornamentali e commestibili (verdure e ortaggi).

Tuttavia, la presenza di afidi è un segno indicatore con cui la natura vuole dirci che c’è qualcosa che non va nel tuo orto o nei tuoi vasi. I pidocchi, infatti, pur essendo insetti “cattivi” e nocivi, con la loro presenza ti avvertono che le tue piante già non godono di ottima salute e loro sono arrivati solo a completare l’opera.

Questo tipo di parassiti di solito compare su piante che stanno soffrendo, probabilmente a causa della mancanza di acqua o delle temperature troppo alte, così come di un’irrigazione eccessiva o dell’uso esagerato di fertilizzante.

In condizioni ambientali ottimali senza predatori, parassiti o malattie, una sola femmina nata in primavera può generare fino a 600 miliardi di suoi simili, dando vita a oltre 40 generazioni di afidi in una sola stagione.

Capirai, quindi, che la prontezza è fondamentale in questi casi e che lavorare in anticipo, prevenendo la loro comparsa, è la mossa migliore.

Come eliminare i pidocchi dalle piante

Per mantenere gli afidi lontani dalle tue piante è necessario conoscere le buone pratiche di base del giardinaggio. Tante volte, per superficialità o perché ignoriamo la minaccia di un possibile attacco dei pidocchi sulle nostre piante, non facciamo nulla per impedire agli afidi di arrivare.

Ma avrai già capito a questo punto che una colonia di pidocchi può diventare ingestibile, per cui catturare un’invasione in anticipo è la mossa più intelligente da fare.

Comincia osservando ogni giorno le tue piante. I pidocchi si nascondono nella parte inferiore delle foglie e poi vanno in profondità al centro di fiori e verdure, come la lattuga e broccoli, quindi prendi l’abitudine di controllare le tue piante, specialmente nei primi periodi di crescita.

Quali sono gli altri stratagemmi che puoi adottare? Come dicevamo, evitare che arrivino è meglio che mandarli via. Come?

Non concimare troppo le piante

I pidocchi amano i germogli gustosi e teneri, quindi evita di dare troppo fertilizzante alle piante per avere più prodotti. L’eccesso di azoto, infatti, da un lato fa crescere più piante, ma dall’altro attira incredibilmente gli afidi.

Preferisci un fertilizzante organico a lento rilascio solo quando serve e un po’ alla volta e vedrai che le piante saranno più contente e libere da pidocchi.

Innaffia il giardino a sufficienza, ma senza esagerare

Il periodo di maggiore stress per le piante è quello in cui fa molto caldo. La mancanza di acqua rende il raccolto vulnerabile perché le piante non riescono a produrre le difese naturali per respingere i parassiti.

Inoltre, la mancanza di acqua costringe le piante a produrre più linfa, di conseguenza gli afidi vengono attratti più facilmente perché capiscono che c’è cibo a volontà per loro.

Se vuoi prevenire l’invasione di afidi nel tuo giardino, cerca di evitare che le piante siano troppo asciutte o che siano sottoposte a irrigazione eccessiva.

Invita gli insetti “buoni” nel tuo giardino

Vespe, coccinelle, crisope, sirfidi e vari tipi di mosche sono predatori naturali che si nutrono di afidi. Le vespe parassite, in particolare, spaventano così tanto gli afidi da indurli ad abbandonare il campo.

Quindi, se vuoi tenere i pidocchi lontani dal tuo giardino, puoi attirare questi insetti utili coltivando vicino all’orto fiori ricchi di nettare.

Questi piccoli insetti che spesso riteniamo fastidiosi sono così bravi nel loro lavoro che anche solo una piccola famiglia può tenere a bada gli afidi per un’intera stagione in modo del tutto naturale, senza pesticidi né prodotti chimici.

Allontana i pidocchi delle piante con repellenti naturali

Gli afidi non attaccano tutte le piante, anzi alcune sono addirittura un problema per loro. I pidocchi delle piante odiano il forte profumo delle calendule e dell’erba gatta, per cui se stai cercando di proteggere il tuo giardino potrebbe essere sufficiente piantare alcune di queste vicino al suo perimetro.

Anche le erbe che per noi sono così profumate, come aneto, finocchio, coriandolo, erba cipollina e menta piperita, rilasciano profumi sgraditi agli afidi. Tenere uno o più vasi con varie erbe aromatiche accanto alle tue piante ti permetterà non solo di avere sempre spezie per i tuoi piatti, ma anche di allontanare i pidocchi grazie alle loro proprietà repellenti.

Come eliminare gli afidi dalle piante in modo naturale

Quando i pidocchi hanno ormai attaccato il tuo giardino, non c’è altro da fare che porre rimedio e costringerli ad andare via.

Il primo rimedio rapido ed efficace, oltre che economico, consiste semplicemente nello “spazzarli via”, usando una pompa con un forte getto d’acqua con cui lavare le tue piante.

Ti basterà puntare il getto direttamente sulle foglie e sugli steli infestati per staccare gli afidi e mandarli via. Essendo fondamentalmente animaletti deboli, la maggior parte degli afidi non sarà in grado di risalire sulle piante i molto probabilmente moriranno in breve tempo.

L’acqua servirà anche a ripulire le piante dalla melata, cioè delle secrezioni che gli insetti producono e in poco tempo torneranno sane e forti. Ti basterà ripetere l’operazione ogni 2 o 3 giorni e continuare fino a quando la popolazione non sarà debellata.

Come togliere i pidocchi dalle piante: altri metodi

Se le tue piante sono ancora molto giovani e tenere o se il giardino è letteralmente assalito da pidocchi, il rimedio dell’acqua potrebbe non essere adeguato. Ti sconsigliamo anche di usare il forte getto d’acqua su fiori delicati perché potresti facilmente rovinarli.

Per rimuovere gli afidi dai fiori del tuo giardino o i pidocchi delle rose con rimedi naturali, puoi procedere in altri modi. Uno dei sistemi suggeriti richiede l’utilizzo di sapone insetticida, molto efficace contro gli afidi e le loro uova anche usato sulle piante d’appartamento.

Ricordati di spruzzare il sapone insetticida solo dove vedi colonie di afidi, in genere sulla parte inferiore delle foglie, e non sull’intera pianta. Il sapone insetticida non è sistemico, quindi non viene assorbito dall’arbusto e perde efficacia immediatamente una volta asciutto.

Con lo stesso metodo puoi utilizzare anche l’estratto di aglio, l’olio di neem e l’olio per l’orticoltura, tutti forti antiparassitari naturali.

Come eliminare i pidocchi dalle piante con farina fossile

La farina fossile o diatomite, è una roccia sedimentaria che contiene silice. Si trova in natura e in genere viene estratto dai fondali di fiumi, laghi e oceani. La farina fossile si presenta come  una polvere bianca e fine. È una sostanza innocua per l’uomo ma mortale per i parassiti come gli afidi.

Questa polvere contiene diatomee, piccole particelle invisibili a occhio nudo ma che al microscopio presentano bordi affilati come rasoi che possono ferire un insetto al contatto,  uccidendolo.

Usa questo prodotto sulle zone infestate e vedrai che in poco tempo gli afidi saranno solo un ricordo. Poiché la polvere viene facilmente lavata via dall’umidità, la farina fossile dovrebbe essere riapplicato dopo periodi di pioggia, umidità elevata o pesante irrigazione.

Metodi alternativi per togliere pidocchi dalle piante

Esistono altri metodi alternativi casalinghi per eliminare i pidocchi delle piante, alcuni dei quali potrebbero anche sembrare bizzarri:

  • Usa il bicarbonato di sodio preparando una soluzione composta da 1/3 di cucchiaino di bicarbonato di sodio a 500 ml di acqua tiepida. Aggiungi mezzo cucchiaino di olio vegetale e mescola bene.
  • L’uso del latte in giardino può ridurre l’infestazione di afidi di quasi il 30-40%. Diluisci il latte con acqua in un rapporto 1:1 e spruzza dove noti un’infestazione di afidi sulle piante.
  • La coca-cola e altre bevande gassate contengono acido fosforico e per questo può funzionare efficacemente contro gli afidi, uccidendoli. Mescola la bevanda gassata con acqua in un rapporto 1:1 e spruzza uniformemente dove si individuano gli afidi.
  • L’ortica può essere utilizzata per fare uno spray anti afide. Raccogli 1 kg di foglie e mettile a riposare in acqua per due o tre settimane finché il liquido non diventa marrone chiaro. Usalo per uccidere gli afidi mescolando 1 parte della soluzione in 7 parti di acqua e spruzzandola sulle piante.