Giardinaggio fai da te per “pollici neri”: istruzioni per l’uso

Tutti i nostri consigli per far rifiorire al meglio il vostro giardino in primavera, anche se avete il pollice nero

Simona Bondi Esperta di risparmio Da sempre sono appassionata del mondo del risparmio: trovare offerte e modi per risparmiare è la mia filosofia di vita.

Torna la bella stagione e con lei la voglia di stare all’aperto. E quale attività è più salutare e catartica del giardinaggio! Una bella giornata all’aria aperta, in mezzo al verde, per tenersi impegnate e procurarsi quella sana stanchezza fisica che ci farà riposare meglio. E con il vantaggio di rimettere in sesto il giardino dopo un lungo inverno di letargo senza bisogno di ricorrere ad un giardiniere. Non scordatevi i guanti, per mantenere mani perfette e per preservarvi dal tetano, batterio che notoriamente sopravvive sotto terra.

Ecco qualche dritta per i “preliminari” che ci consentiranno di tenere curato al meglio il giardino per il resto della primavera e per tutta l’estate.

Tagliate il prato e liberatelo dalle erbacce

Non c’è niente di più bello di un bel tappeto verde appena rasato per dare nuovo respiro al giardino e fare spazio ai fiori. Armatevi di pazienza ed approfittate dei primi giorni di sole per dedicarvi a questa operazione. È arrivato il momento di curare il prato effettuando il primo taglio della stagione: eliminate le erbacce da aiuole e passatoie e arieggiate il terreno.

Se sono presenti delle zone con del muschio, è meglio procedere alla rimozione manuale per evitare che prenda il sopravvento sul prato. Se l’infestazione di muschio è abbondante, è meglio aiutarsi con un rastrello che, oltre a rimuoverlo, aiuterà a smuovere la terra in modo superficiale e ossigenare il terreno.

Liberatevi dalle infestanti

Lungo i bordi del giardino, o nelle zone più ombreggiate, potreste trovare delle erbe infestanti. È il momento giusto per rimuoverle per tenerle sotto controllo, prima che le radici diventino più corpose rendendo l’estrazione dal terreno più difficile.

Armatevi di pazienza e fate un giro di ispezione, guanti alla mano: rimuovete ogni erbaccia infestante dal giardino, dalle cinta di confine e dalle aiuole. Se qualche pianta è cresciuta troppo e non riuscite a rimuoverla, potete sempre utilizzare il “rimedio della nonna”: cospargetela di sale grosso e lasciatela coperta con un sacco dell’immondizia nero finché la piccola intrusa non si sarà seccata.

Scoprite le serre

Se avete coperto i fiori più delicati con del cellophane o dei vetri, è il momento di scoprirli per lasciarli respirare e farli riprendere al sole e sotto la pioggia. La serra ha aiutato le piante ha sopportare il freddo dell’inverno, ma ora è arrivato il momento di scoprirle: rimuoviamo quindi i teli di copertura o spostiamo i vasi dalle serre per metterli a dimora.

Dedicatevi alle aiuole

Sicuramente, in un angolo del giardino, ne avete almeno una. È arrivato il momento di rivedere lo stato dell’aiuola: come sono messi i fiori dell’anno precedente? Sono da sostituire? Da potare? ci sono delle erbacce da rimuovere? Se avete deciso di rinnovarla, potete darle un tocco elegante potete anche stendere un telo per pacciamatura da ricoprire con lapilli o con della corteccia. Infine, potrete sbizzarrirvi decorando l’aiuola con dei piccoli sassi, magari a creare una piccolo angolo in stile zen.

Date gli ultimi ritocchi di potatura

In realtà, i mesi giusti per potare le piante sono febbraio e novembre, ma all’inizio della primavera si danno gli ultimi ritocchi perché le piante possano crescere al meglio nell’arco dell’estate. Date una forma a quel cespuglio, cimandolo con attenzione. Siete ancora in tempo anche per potare le rose e migliorare l’aspetto delle vostre aiuole.

Sostituite le piante vecchie con le nuove

Qualche piantina o fiore dal gambo lungo non sarà sicuramente sopravvissuto all’inverno. È il momento per estirparlo e sostituirlo con piantine nuove. Ancora una volta girate la terra per dare aria, concimate e piantate i fiori nuovi.

Fate attenzione all’esposizione al sole: a sud-est potete piantare rose e gelsomini, a nord-ovest, per esempio, le ortensie. Rinnovate anche le piantine dei vasi e concimate per bene quelle sopravvissute.

Se avete alloggiato dei ciclamini nei davanzali, è il momento giusto per metterli a dimora in un’aiuola riparata dal sole diretto. A fine estate i bulbi si propagheranno regalandovi nuove e bellissime fioriture: non scortatevi però di annaffiare regolarmente le piante.

Concimate le piante

L’arrivo della primavera coincide con il risveglio delle nostre amate piante: per aiutarle in questa delicata fase di ripresa, è necessario innaffiarle con del concime per rinforzarle e permettere loro di regalarci abbondanti fioriture. Ogni due annaffiature, ricordatevi di farne una concimata. Le piante vi ringrazieranno ben presto per queste preziose attenzioni!

Fate l’orto

Se avete un angolo dove è possibile coltivare qualche piantina, è il momento di dare aria alla terra, girandola con una zappa e concimandola. Formate poi dei filari dove piantare i semi dei vari ortaggi (solitamente insalata, pomodori, cetrioli, zucchine, peperoni) ed eventualmente fragole.

Ricordatevi di mettere una retina sopra ai filari in modo che gli uccelli (i merli in particolare) non mangino i semi. Se a Pasqua vi siete ricordati di tener via le carte delle uova di cioccolato, tagliatele a striscioline e fissatele a dei bastoncini che pianterete nella terra per spaventare gli uccelli e fare in modo che non si avvicinino per mangiare i semi. Lungo i muri del giardino potrete seminare salvia, rosmarino, timo, alloro, le mente e le more. In estate, potrete raccogliere i frutti delle vostre fatiche.

Aggiungete decorazioni per giardino

Fatevi furbi: un bel giardino, in ordine, non è dato solo da piante ben curate. Un trucco per rendere unico e particolare il vostro giardino viene anche dalle decorazioni che potrete aggiungere dando libero sfogo alla vostra fantasia.

In commercio è possibile trovare tante decorazioni uniche per raggiungere questo scopo con la minima fatica. Un esempio? Aggiungete luci solari da giardino: basta inserirle nel terreno nei punti giusti (ad esempio, dentro alcune aiuole) per creare dei fantastici punti luce serali. Se avete un portico, o una struttura riparata, potrete decorarla con delle luci esterne elettriche che vi regaleranno dei caldi giochi di luce.

Non disponibile.

Ricordate gli antiparassitari

Perché fiori e piante non vengano infestate da insetti e parassiti, dovrete spruzzarle con antiparassitari, possibilmente di composizione naturale. Uno dei preparati più usati è quello di ortica (si lascia l’ortica a bagno in acqua fredda per circa 10 giorni, rimescolando quotidianamente) oppure potete realizzare uno spruzzino con acqua, un cucchiaio di alcool e due di sapone per i piatti.

Esistono appositi strumenti per spruzzare gli antiparassitari, che vi permetteranno di raggiungere le piante anche nei rami più alti. Se in giardino hai delle rose poi, non dimenticarti di trattarle con trattamenti funghicidici specifici: ticchiolatura e ruggine sono sempre in agguato!

Fonte: DiLei

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Giardinaggio fai da te per “pollici neri”: istruzioni per ...