Uno studio dimostra che la Vitamina C è efficace contro il cancro. Ma solo ad alte dosi

Mangiare frutta e verdura fresche ricche di questa sostanza non basta. Per un’azione antitumorale servirebbero 2000 arance al giorno

Luana Trumino

Luana Trumino Esperta di benessere

Arance, fragole, mandarini, kiwi, limoni, spinaci, broccoli, pomodori peperoni: sono alcuni dei cibi più ricchi in vitamina C, un argomento ‘caldo’ in questi ultimi mesi grazie a cui studi recenti hanno attribuito un potenziale effetto protettivo anti-Coronavirus. Quello che però è certo ed è ormai confermato dalla scienza è che questa vitamina possiede proprietà anticancro. Ma per sconfiggere veramente un tumore mangiare tanta buona frutta e verdura fresche ricche di questa sostanza non basta. Secondo una ricerca pubblicata su Science Translational Medicine dai ricercatori dell’Istituto di Candiolo, solo mega-dosi di vitamina C, iniettate quotidianamente per via endovenosa per almeno due settimane, ‘risvegliano’ il sistema immunitario contro i tumori e contribuiscono così a ridurne la crescita.

Lo studio

La ricerca è stata condotta su topolini con melanomi o tumori della mammella, al colon-retto o al pancreas, sottoposti o meno a immunoterapia oncologica. “Di recente – spiega il prof. Alberto Bardelli, direttore del Laboratorio di Oncologia Molecolare presso l’Istituto di Candiolo e professore ordinario del Dipartimento di Oncologia dell’Università di Torino – si è scoperto che la vitamina C somministrata per via orale non può essere assorbita dall’intestino a dosi tali da avere un effetto anticancro; così abbiamo deciso di testare mega-dosi iniettandole direttamente nel peritoneo di topolini affetti da diversi tumori solidi, cercando di capirne l’effetto sul cancro e sul sistema immunitario”. I risultati mostrano innanzitutto che la vitamina C da sola ‘accende’ i linfociti T e li attiva a rispondere meglio contro il tumore, che così rallenta in maniera significativa la sua crescita.

La dose ideale?

Duemila arance al giorno: è questa la ‘bomba’ di vitamina C che può aiutare a sconfiggere i tumori, potenziando l’attività anticancro del sistema immunitario e rendendo più efficaci e meglio tollerate le immunoterapie a base di inibitori dei checkpoint, promettenti ma spesso gravate dalla comparsa di resistenze al trattamento e da un aumento del rischio di malattie autoimmuni. Per essere utili però le mega-dosi di vitamina C, impossibili da assumere con alimenti o integratori per bocca, devono essere somministrate per via endovenosa per almeno due settimane. “Questo conferma che il possibile effetto anticancro della vitamina C è mediato dall’azione positiva che essa ha sul sistema immunitario – osserva la prof.ssa Federica Di Nicolantonio, professore associato all’Università di Torino e a capo del laboratorio di epigenetica del cancro presso l’Istituto di Candiolo – Abbiamo quindi cercato di capire se tale effetto si mantenga anche in caso di immunoterapia, co-somministrando la vitamina C assieme a due farmaci inibitori dei checkpoint (‘freni molecolari’ che in condizioni normali controllano il sistema immunitario bloccando reazioni di difesa eccessive che danneggerebbero i tessuti o provocherebbero appunto malattie autoimmuni), già approvati per la terapia di alcuni tumori ma gravati da frequenti effetti collaterali, come la comparsa di resistenze al trattamento o di malattie autoimmuni”.

I risultati

“La contemporanea somministrazione delle mega-dosi di vitamina C ha potenziato l’effetto dell’immunoterapia con gli inibitori di checkpoint, rallentando la crescita dei tumori e addirittura portando alla regressione completa in alcuni animali con tumore al seno. Si tratta di risultati pre-clinici, ma se saranno confermati da successivi studi sull’uomo la ‘triplice terapia’ con vitamina C e i due inibitori di checkpoint potrebbe aprire la strada a nuove prospettive di cura nell’ambito delle terapie oncologiche integrate, rendendo le iniezioni endovenose di vitamina C ad alte dosi una strategia da abbinare all’immunoterapia” conclude Bardelli.

Luana Trumino

Luana Trumino Esperta di benessere Sono PR, autrice e ideatrice di progetti di comunicazione. Da oltre 10 anni mi occupo di benessere e della divulgazione della cultura della salute. In particolare mi interessa divulgare i princìpi della corretta alimentazione, con l'obiettivo di contrastare sovrappeso e obesità

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Uno studio dimostra che la Vitamina C è efficace contro il cancro. Ma...