Oligoterapia: a cosa serve e come funziona

L’oligoterapia è una terapia alternativa che utilizza oligoelementi in base alle caratteristiche dell’individuo, per prevenire la comparsa di malattie

Foto di Tatiana Maselli

Tatiana Maselli

Erborista e Editor specializzata in Salute&Benessere

Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, ambientalista e appassionata di alimentazione sana, cosmesi naturale e oli essenziali, scrive per il web dal 2013.

Cos’è

L’oligoterapia è una terapia alternativa che sfrutta le proprietà dei minerali, somministrati in piccole quantità, come dice la parola stessa “oligo”, cioè “poco”. Si tratta dunque di una terapia naturale che utilizza gli oligoelementi presenti nel nostro organismo in minime quantità e coinvolti in svariati processi fisiologici. Gli oligoelementi come il rame sono infatti coinvolti in numerose reazioni biochimiche che avvengono in modo continuo nelle cellule del nostro corpo. Secondo l’oligoterapia la somministrazione di oligoelementi sarebbe dunque in grado di migliorare l’efficienza di tali reazioni e, di conseguenza, prevenire o trattare disturbi che dipendono da deficit di tali minerali. Esempi di oligoelementi sfruttati in questa terapia alternativa sono iodio, selenio, rame, cromo, litio, ma anche argento e oro che, pur non essendo normalmente presenti nell’organismo umano, possono avere proprietà terapeutiche.

I sostenitori dell’oligoterapia definiscono questa terapia alternativa come dolce, capace di innescare una reazione lenta ma duratura nell’organismo e in grado di trattare disturbi di lieve entità ma che, con il tempo, potrebbero portare a patologie anche gravi o croniche date proprio dalla carenza di oligoelementi. Stando all’oligoterapia sarebbe dunque possibile agire su disturbi minori, che sono però un campanello d’allarme come ritenzione idrica e cellulite, allergie primaverili o alimentari che causano asma, rinite, orticaria, problemi della pelle come dermatiti ed eczemi, disturbi digestivi, disturbi del ciclo mestruale, calo della libido, difese immunitarie basse, infezioni uro-genitali recidivanti.

A cosa serve

Per capire a cosa serve l’oligoterapia occorre comprendere il concetto di diatesi e l’influenza delle diatesi sulla salute. Per diatesi si intende la predisposizione personale, spesso ereditaria, a sviluppare determinate malattie, che possono presentarsi soprattutto in periodi di forte stress psico-fisico.

Negli anni ‘30, il medico francese Jacques Ménétrier ipotizzò che grazie alla somministrazione di oligoelementi si potesse agire sulle diatesi, così da prevenire l’insorgenza di patologie. Le diatesi descritte dall’oligoterapia sono cinque:

  • la diatesi allergica
  • la diatesi distonica
  • la diatesi ipostenica
  • la diatesi anaergica
  • un’ultima diatesi che non sarebbe costituzionale ma indotta dallo stile di vita e da squilibri ormonali che possono interessare qualsiasi persona a qualunque età.

Le persone che rientrano nella categoria degli allergici, dunque diatesi allergica, sono per indole ottimisti e iperattivi, ma facilmente irascibili sotto stress; questo tipo di soggetti è più incline a sviluppare allergie, ma anche intolleranze alimentari e disturbi a carico dell’apparato gastrointestinali, al sistema circolatorio e alla tiroide. Il rimedio per la diatesi allergica sarebbe il manganese. La diatesi distonica porta invece a tachicardia, ansia, insonnia, pressione alta, che si verificano dopo i quarant’anni e che possono essere trattati con magnesio e cobalto o con magnesio e oro. La diatesi ipostenica interessa persone di indole calma e riflessiva, dà una predisposizione a infezioni ricorrenti a qualsiasi apparato del corpo e si tratta con manganese e rame, mentre la diatesi anaergica include astenia, difficoltà di concentrazione, mancanza di memoria, malattie degenerative tipiche dell’età avanzata e ha come rimedio rame, oro e argento. Osservando l’indole della persona, le sue caratteristiche psicofisiche, analizzando la storia familiare e valutando disturbi di lieve entità di cui soffre, si potrebbe dunque comprendere la predisposizione di quella persona rispetto all’insorgenza di malattie e ridurre il rischio che tali patologie si sviluppino grazie alla somministrazione degli oligoelementi giusti.

Come funziona

Gli oligoelementi vengono in genere consigliati da un operatore olistico come un naturopata, dopo un colloquio approfondito. Una volta trovati gli oligoelementi giusti per prevenire o trattare il proprio disturbo, i rimedi possono essere acquistati in erboristeria o farmacia. Gli oligoelementi si somministrano generalmente al mattino appena svegli, a digiuno, rispettando i dosaggi indicati. Prima di deglutire la preparazione viene suggerito di trattenere il liquido sotto la lingua per favorirne l’assorbimento, mentre è sconsigliato bere, fumare, mangiare o lavarsi i denti per un quarto d’ora prima e dopo l’assunzione. Il trattamento oligoterapico viene generalmente portato avanti per un periodo che va da un mese e mezzo a tre mesi ma il dosaggio viene ridotta a mano a mano che le condizioni della persona migliorano. L’oligoterapia può essere associata ad altre terapie alternative come l’omeopatia, a terapie naturali come la fitoterapia o anche a terapie farmacologiche, previo parere del medico curante.

Controindicazioni

L’oligoterapia non presenta particolari controindicazioni o effetti collaterali ma non deve essere intesa come una terapia in grado di curare patologie diagnosticate; chi decide di ricorrere all’oligoterapia non dovrebbe dunque abbandonare eventuali terapie in corso prescritte dal medico.