Ginseng: che cos’è, proprietà ed effetti

Il ginseng è un rimedio naturale tonico e adattogeno, utile per alleviare l’affaticamento fisico e mentale durante i periodi di forte stress

Che cos’è e a cosa serve

Il ginseng (Panax ginseng) è una pianta erbacea perenne che appartiene alla famiglia delle Araliaceae. Le piante di ginseng hanno rami eretti che possono raggiungere i sessanta centimetri di lunghezza, foglie palmato-lobate formate da cinque foglioline e fiori bianchi riuniti in ombrelle da cui si sviluppano bacche rosse che contengono i semi. Si tratta di una specie che cresce spontaneamente in diverse zone montane montane della Siberia orientale, della Corea, del Nepal ma in natura è ormai molto rara e oggi gli esemplari da utilizzare per la commercializzazione delle radici provengono quasi esclusivamente da colture.

La radice del ginseng, che rappresenta la droga della pianta, è tuberizzata, carnosa, lunga circa venti centimetri e presenta spesso radici secondarie che le conferiscono un aspetto antropomorfo.
Il ginseng possiede attività immunostimolanti e adattogene che dipendono dalla presenza nella radice di numerosi costituenti, tra cui polisaccaridi e saponosidi noti come ginsenosidi.

Il ginseng bianco è costituito dalla radice primaria trattata con vapore ed essiccata, mentre il ginseng rosso, ritenuto più pregiato, subisce un trattamento preliminare in stufa. Entrambi vengono utilizzati per gli effetti adattogeni e stimolanti. Il ginseng americano è invece una specie differente (Panax quinquefolius) utilizzata per le medesime proprietà e con le stesse indicazioni di Panax ginseng.

Proprietà ed effetti

Il ginseng è utilizzato da migliaia di anni per le sue proprietà e nei paesi di origine è considerato una panacea. Il nome Panax deriva dal greco “pan” (tutto) e “axos” (cura) e sottolinea le presunte capacità del ginseng di trattare qualsiasi disturbo.

In realtà, le radici di questa pianta possiedono proprietà toniche, rigeneranti, adattogene e immunostimolanti. Il ginseng è dunque particolarmente utile per sostenere le difese dell’organismo e in caso di affaticamento, durante la convalescenza o per migliorare le prestazioni fisiche e mentali nei periodi molto stressanti. L’assunzione di ginseng è inoltre in grado di ridurre la glicemia e l’insulinemia a digiuno nelle persone affette da diabete di tipo I e II. Tradizionalmente il ginseng è utilizzato anche per il trattamento della disfunzione erettile e per migliorare l’eccitazione sessuale sia maschile sia femminile.

Le molecole responsabili degli effetti del ginseng sono soprattutto i ginsenosidi e i polisaccaridi. La frazione saponinica è ad esempio in grado di ridurre la glicemia e di inibire la ricaptazione di alcuni neurotrasmettitori come noradrenalina, dopamina e serotonina, migliorando la reazione allo stress, il tono dell’umore e le performance fisiche e mentali. I polisaccaridi, insieme ad altre molecole, sono invece responsabili dell’azione immunostimolante.

Quando e come assumerlo

Il ginseng viene somministrato soprattutto per migliorare le performance fisiche e mentali durante i periodi di forte stress e come tonico e rigeneranti in caso di eccessivo affaticamento, stanchezza, mancanza di energie, di concentrazione e di appetito.

Le preparazioni che contengono ginseng sono utili per favorire il buonumore, fronteggiare al meglio le situazioni difficili, nell’esaurimento nervoso e fisico, ma anche per migliorare la memoria e la concentrazione e prevenire l’invecchiamento. Il ginseng può inoltre essere assunto per migliorare le prestazioni sportive, stimolare il desiderio sessuale e alleviare i sintomi delle malattie psicosomatiche.

Il ginseng bianco e il ginseng rosso sono impiegati come droga grezza per la preparazione di tisane oppure per realizzare estratti secchi o liquidi. In genere per la preparazione di decotti si utilizza un grammo di radice di ginseng per una tazza di acqua e l’infuso va consumato due o tre volte al giorno.

Puoi acquistare l’estratto di ginseng rosso coreano da 80mg online (Amazon’s Choice)

Puoi acquistare l’estratto di Ginseng coreano puro al 100% (Equilibra) su Amazon

Gli estratti secchi e liquidi contengono invece quantità abbastanza variabile di droga e si assumono da una a quattro volte al giorno. Per quanto riguarda la tintura madre, che è una macerazione in alcool della pianta fresca, se ne assumono 30 gocce tre volte al giorno, disperdendole in mezzo bicchiere di acqua.

Trovi la TINTURA MADRE di Ginseng anche su Amazon

Trovi l’estratto di Ginseng in CAPSULE (120 compresse) in vendita su Amazon

La durata dei trattamenti a base di ginseng non dovrebbe superare i tre mesi e se i sintomi persistono oltre le due settimane è bene consultare il proprio medico.

Effetti collaterali, interazioni e controindicazioni

Il ginseng è considerato un rimedio sicuro, ben tollerato e privo di effetti collaterali di rilievo. La sua assunzione è comunque sconsigliata in gravidanza, durante l’allattamento, nei bambini e negli adolescenti di età inferiore ai diciotto anni.

Nei soggetti predisposti, l’uso di prodotti contenenti ginseng può provocare reazioni di ipersensibilità i cui sintomi includono orticaria e prurito.

A dosaggi elevati e per somministrazioni oltre i tre mesi, l’assunzione di ginseng può portare effetti indesiderati tra cui insonnia e disturbi gastrointestinali come nausea, vomito, diarrea e costipazione.

L’uso del ginseng non è raccomandato in caso di schizofrenia, sintomi maniacali e se si assumono farmaci antidepressivi o stimolanti del sistema nervoso centrale, oltre a ipoglicemizzanti orali e anticoagulanti. In ogni caso, se si assumono farmaci o integratori, è sempre consigliabile informare il medico, il farmacista o l’erborista prima di ricorrere a qualsiasi rimedio naturale.

 

Fonte:

European Medicines Agency

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ginseng: che cos’è, proprietà ed effetti