Dieta con acciughe: ricca di proteine e antiossidante

Appartenenti alla famiglia delle Eungralidae, le acciughe sono alleate della forma fisica e della salute del cuore

Aggiungere le acciughe alla dieta rappresenta una buona idea se si ha intenzione di incrementare l’apporto di proteine e sostanze antiossidanti. Questi pesci, appartenenti alla famiglia delle Eungralidae, sono caratterizzati dalla presenza di più di 20 grammi di proteine per ogni singolo etto.

Quando li si nomina è necessario citare anche gli acidi grassi polinsaturi omega 3 e omega 6, così come il contenuto di vitamina A, altro antiossidante molto potente. Contraddistinte dalla presenza di vitamine del gruppo B, la cui assunzione è molto utile per la trasformazione in energia del cibo assunto, le acciughe contengono pure diversi minerali cruciali per la salute. Tra questi è possibile ricordare il calcio, alleato prezioso del benessere delle ossa, e il potassio, la cui assunzione è decisiva per la salute del cuore.

Tornando un attimo alla presenza di omega 3 è fondamentale specificare che questi acidi grassi essenziali – indi non sintetizzati dal corpo e assumibili solo tramite fonti alimentari – aiutano a il corpo a smaltire le tossine.

Tra le loro proprietà è possibile includere anche la capacità di tenere sotto controllo il colesterolo e di normalizzare i livelli di trigliceridi nel sangue. Per evitare che gli acidi grassi in questione si ossidino e perdano le loro preziose proprietà è consigliabile optare per la cottura al vapore o al forno, cercando di non superare i 150°C.

Non c’è che dire: la dieta con le acciughe è un vero toccasana per la salute! I benefici di questo pesce azzurro sono stati più volte oggetto di attenzione da parte della comunità scientifica. Particolarmente interessante è questo proposito è il punto di vista degli esperti che hanno condotto lo studio noto come GISSI-Prevenzione Trial (risale alla fine degli anni ’90 ed è stato pubblicato per la prima volta sulla prestigiosa rivista The Lancet), portando alla luce il fatto che, nei soggetti abituati ad assumere per tre anni un grammo al giorno di grassi omega 3, è più basso il rischio di attacchi di cuore e ictus.

Disponibili tutto l’anno, le acciughe sono controindicate in caso di assunzione di farmaci inibitori delle monoamino ossidasi (si tratta di medicinali spesso prescritti con il fine di trattare gli attacchi di panico associati ad agorafobia e fobia sociale). In ogni caso, prima di introdurle nella propria dieta è opportuno chiedere consiglio al proprio medico curante.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta con acciughe: ricca di proteine e antiossidante