Georgette Polizzi, la malattia è tornata: “Stavolta vincerò per la mia bimba”

Georgette Polizzi dovrà ancora sottoporsi alle terapie per la sclerosi multipla, ma stavolta con il cuore e la mente alla sua piccola Sole

Foto di DiLei

DiLei

Redazione

DiLei è il magazine femminile di Italiaonline lanciato a febbraio 2013, che parla a tutte le donne con occhi al 100% femminili.

Il mostro è tornato a bussare alla porta di Georgette Polizzi. La “bastarda”, come lei stessa l’ha definita nell’ultimo post condiviso su Instagram con i suoi follower. Da questa mattina e per un lungo periodo, la dolce Georgette dovrà fare i conti con la sclerosi multipla e le terapie, varcando per l’ennesima volta quella “porta azzurra” dell’ospedale che ormai è diventata inevitabilmente parte della sua vita.

Una vita che, nonostante tutto, ha saputo tenersi stretta con tutte le sue forze. Anche quando nessuno credeva che potesse affrontare una gravidanza e vivere la gioia della maternità. Georgette Polizzi ha superato anche questo e oggi è proprio per la sua bambina, la piccola Sole, che ha deciso di lottare ancora una volta.

Georgette Polizzi, dopo la tregua la sclerosi multipla è tornata

La diagnosi di sclerosi multipla ha fatto irruzione nella vita della stilista nel 2018, arrivando come un fulmine a ciel sereno. Quelle che all’apparenza sembravano piccole difficoltà e dolori momentanei si sono trasformati ben presto in una malattia invalidante, in uno di quei mostri di cui nessuno vorrebbe mai neanche sentire il nome. Eppure, con il cuore in gola, la dolce Georgette Polizzi ha cominciato a lottare, forte anche della presenza del marito David Tresse al suo fianco, che non l’ha lasciata da sola neanche per un momento.

Ne ha coraggio da vendere, Georgette. E adesso, dopo un periodo di tregua durante i nove mesi di gravidanza e dopo un momentaneo ricovero lo scorso aprile, è stata costretta a tornare all’Ospedale San Bortolo di Vicenza, come lei stessa ha raccontato su Instagram: “Anche questa mattina varco lei, ‘la porta azzurra’. Una porta che negli ultimi 4 anni ho varcato diverse volte. Alcune volte la varcavo con il cuore felice perché sapevo che mi avrebbe portato a migliorare, altre con il cuore in gola perché dovevo scoprire l’esito di qualche esame. L’ho varcata anche con le gambe stanche e con il fiato corto per la fatica. Questa porta azzurra ha visto mille lati di me. Mi ha vista in sedia a rotelle e poi zoppicante ma mi ha anche vista saltellare, mi ha vista con il pancione felice e speranzosa. Qualche volta mi ha vista con gli occhi pieni di lacrime ma la maggior parte delle volte mi ha vista sorridere senza sosta”.

Quella “porta azzurra” sembra non voler uscire di scena. La stilista dovrà recarsi ogni mattina in ospedale per effettuare delle infusioni di cortisone “per far tornare a dormire” la sclerosi.

Georgette Polizzi, la forza di una mamma che lotta per la sua bimba

Stavolta, però, Georgette ha un motivo in più per lottare: la piccola Sole, figlia che ha accolto tra le sue braccia lo scorso 21 marzo. L’arrivo della piccola è stato un vero miracolo, quel lieto fine che la gran parte delle donne attendono con ansia ma che per lei è stato qualcosa di più. Tutti le avevano sconsigliato di restare incinta, data la sua malattia, ma Georgette e il compagno hanno deciso di ricorrere alla fecondazione assistita e alla fine Sole è arrivata, illuminando le loro esistenze.

Non è stato facile, le complicanze non sono mancate e i ricordi della sofferenza fisica legata alla malattia hanno fatto capolino nella sua mente, cercando di adombrare quel momento tanto ricco di gioia. Ma ne è valsa la pena. E Georgette Polizzi combatterà ancora una volta contro la sclerosi multipla, stavolta varcando quella porta tanto familiare “pensando alla mia bimba e al fatto che vincerò come sempre ma non per me, questa volta vincerò per lei“.