Carboidrati a cena: non fanno ingrassare

Sfatiamo un mito: i carboidrati dopo le 17 non fanno ingrassare. L’importante è sapere come consumarli

Quello con i carboidrati è amore e odio. Componenti principali dei piatti più gustosi e nemici della bilancia, spesso si tende ad evitarli per la paura di ingrassare. Soprattutto la sera, pasta, pane e riso sono per molti un divieto assoluto.

Il timore però non è del tutto fondato. Poco conta, infatti, quando si consumano carboidrati. L’importante è distribuirli bene nell’arco della giornata e calcolare bene il fabbisogno del nostro corpo in base a fattori come età, attività fisica e numero di calorie previste dalla nostra dieta.

Via libera, quindi, ai carboidrati di sera, purché sotto forma di pasti non troppo pesanti e con un apporto calorico non eccessivo. Il vero problema, infatti, è che ciò che consumiamo a cena difficilmente può venir bruciato durante il sonno. Di giorno, al contrario, abbiamo un maggior numero di ore per consumare quello di cui ci nutriamo.

Per mangiare pane, pasta e riso anche dopo le 17 dobbiamo adottare dei piccoli accorgimenti e porre particolare attenzione a cosa utilizziamo come condimenti. Sono proprio questi, infatti, a fare la differenza. Per ridurre l’assorbimento di carboidrati sarebbe utile optare per alimenti che rallentino la digestione, come verdure e legumi.

Olii, e tutto ciò che è grasso, dovrebbero essere ridotti al minimo indispensabile. Per questo la pizza, ricca di condimenti come olio, pomodoro, mozzarella e salumi, viene sconsigliata. È però possibile gustare un piatto di pasta durante la cena in tutta serenità. Buona norma sarebbe anche quella di ridurre l’indice glicemico del pasto che andremo a consumare. Il piatto perfetto è una gustosa insalata di pasta fredda.

Inoltre, mangiare carboidrati a cena potrebbe essere anche consigliato per chi soffre di problemi di riposo notturno. La pasta, infatti, favorisce la produzione di serotonina, l’ormone della felicità, che provoca una sensazione di benessere e rilassamento, e influisce su alcuni processi fisiologici come il ciclo sonno/veglia, l’umore e sul senso di sazietà.

Insomma, se non si soffre di particolari malattie e si è in salute, un piatto di pasta o di riso non solo è possibile, ma è anche consigliato.

Carboidrati a cena: non fanno ingrassare