Addio Ivana Trump, l’ultimo toccante ricordo del suo amico stilista Domenico Vacca

Era il suo stilista preferito, ma soprattutto era suo amico da oltre 20 anni: Domenico Vacca ci racconta il legame profondo con Ivana Trump

Ivana Trump si è spenta improvvisamente a 73 anni, il 14 luglio 2022. È stata trovata priva di vita nel suo appartamento di New York, riversa in fondo alle scale e le cause della morte sono ancora tutte da chiarire, si parla di arresto cardiaco o di una caduta fatale. A lasciarci un ricordo toccante di questa donna straordinaria, è il suo stilista e amico Domenico Vacca che ha realizzato per lei alcuni dei suoi look iconici.

Così ci racconta Domenico Vacca: “Vivo da 30 a New York, per 22 anni sono stato amico di Ivana, Ivana Trump. Per me New York è Ivana Trump, che arriva a New York dall’est d’Europa e conquista la Grande Mela e diventa una donna di successo internazionale. È New York, è uno degli ingredienti di New York e dell’America dei self made man and woman. Sposa un giovane di grandi promesse e lo trasforma in un miliardario, in seguito diventerà anche Presidente degli Stati Uniti  permettendo a Ivana di “toccare” anche la Casa Bianca”.

Domenico Vacca, l’incontro con Ivana Trump

Poi ricorda quando nacque la loro grande amicizia: “Nel 2000, organizzai un evento al Consolato Italiano a New York sulle donne per raccogliere fondi per la ricerca sul cancro al seno, chiamai Ivana a fare da madrina, allora compagna del mio amico Roffredo Gaetani Lovatelli di Genola, fu un grande successo. Da quel giorno diventammo grandi amici, centinaia di pranzi insieme, decine di vacanze insieme, a Palm Beach, a Miami, a St. Tropez, a St. Barths e in barca.

Mi promise: “dopo la pandemia voglio venire a trovarti a Trani, voglio vedere l’albergo che stai costruendo lì” stava parlando di questo agosto, ad agosto non c’è arrivata. Oggi doveva partire per St Tropez, dove per dieci anni abbiamo festeggiato insieme il mio compleanno, il 22 luglio. Ero ospite a casa sua a St Tropez quasi ogni estate, una casa a un isolato dal porto, la mattina si andava in spiaggia, si pranzava a Le Club 55, si ballava, ci si riposava e poi a casa per preparaci per le serate con gli amici e poi il 22 luglio si festeggiava il mio compleanno con Ivana che mi aiutava a soffiare le candeline, mi teneva la mano, sorrideva, giocava con me come una bambina finalmente in compagnia di un amico vero.

Domenico Vacca Ivana Trump
Fonte: Domenico Vacca
Domenico Vacca e Ivana Trump

Ho imparato tanto da lei, era una donna estremamente in gamba, quando aprii il mio albergo a New York sulla 55esima strada e Fifth Avenue mi fece il business plan in 15 minuti. Lei aveva rilanciato il Plaza Hotel a New York e due hotel e casinò ad Atlantic City che il marito aveva comprato. Senza Ivana non ci sarebbe stato il Donald Trump business man, ne sono certo. Dietro un uomo di successo c’è sempre una grande donna, Ivana era la grande donna nella coppia Donald/Ivana”.

Domenico Vacca, lo stilista preferito di Ivana Trump

L’amicizia profonda ispira i look per Ivana: “Ero il suo stilista preferito, l’ha scritto lei nel suo ultimo libro, cosa che mi ha riempito di orgoglio, pensai, sarebbe stata molto contenta mia nonna Sabina, sarta in Andria dal 1920. Non ha perso una mia sfilata a New York, mai. Ivana mi chiamava e mi diceva: ‘Domenico, a settembre esce il mio nuovo libro ho bisogno di un nuovo guardaroba’.

I suoi armadi erano pieni di mie creazioni, i suoi famosi tailleur, le sue famose camicie di seta con il collo alto e bottoni Swarovski, le sue dieci Julie Bag in diverse misure e colori tutte in coccodrillo, dovrei cambiare nome e chiamarla Ivana Bag tanto le piaceva. Non seguiva le mode, non seguiva gli stilisti più popolari, aveva un suo stile che abbiamo sviluppato insieme negli anni, glamour sartoriale sono forse le parole che lo identificano meglio. Amava gli stilisti veri, quelli che vai a cercare, quelli che sei la prima ad indossare i loro capi. Era una leader e trendsetter anche nella moda. Mentre tutte le sue amiche portavo le borse di Hermès, lei portava le borse Domenico Vacca, lei le borse di Hermès le portava 30 anni fa”.

Domenico Vacca Ivana Trump
Fonte: Domenico Vacca
Ivana Trump con Domenico Vacca

Domenico Vacca e Ivana Trump, l’amicizia durata oltre 20 anni

Ivana Trump c’era sempre per Domenico Vacca, anche nei momenti cruciali della sua vita, come durante l’incontro con la donna che sarebbe diventata sua moglie: “Quando conobbi mia moglie, Eleonora Pieroni, a Miami, la seconda volta che la vidi la portai a cena con Ivana che era anche lei a Miami, non per impressionare Eleonora, per cui divenne la sua mamma americana, ma per sapere da Ivana la sua opinione su di lei, Ivana mi disse: ‘Finalmente una Italiana’, lei amava l’Italia e gli uomini Italiani. ‘È giovane ma riuscirà a farti mettere la testa appostò, lei era convinta che avevo diverse donne, era il suo immaginario dell’uomo italiano, e con me ci scherzava sempre su questo. Ci guardavano spesso negli occhi, oltre le nostre corazze che indossavano per il …pubblico, ci siamo parlati per tanti anni con gli sguardi, ci capivamo, a volte non era necessario parlarci per comunicare, a volte bastavano mezze parole per capirci.

Era molto affettuosa con me, mi riempiva di pizzicotti, giocava con il lobo del mio orecchio, in pubblico, a pranzo da Cipriani, con il volto sorpreso di tutti quelli seduti agli altri tavoli. Mi chiedeva cosa stessi facendo di nuovo e io le raccontavo i miei nuovi progetti e lei mi dava consigli e io ero attentissimo e li assorbivo, se sono riuscito ad avere successo è stato anche per i consigli di Ivana. La studiavo, comprendevo come faceva business, mi dava idee, mi diceva a cosa dovevo stare attento”.

Domenico Vacca Ivana Trump
Fonte: Domenico Vacca
Ivana Trump con Domenico Vacca

Ma anche Domenico Vacca c’era sempre per Ivana, anche quando ha perso gli amori della sua vita: “Io, dal canto mio, cercavo di spiegarle gli uomini, gli uomini italiani. Il suo ultimo marito, Rossano Rubicondi, uno dei suoi ex compagni, Roffredo, li conoscevo molto bene, uno dei suoi ultimi compagni Marco Antonio Rota è un mio caro amico. Aveva amato tantissimo Roffredo, purtroppo venuto a mancare in un incidente d’auto, ha sofferto molto per Rossano, erano due poli opposti, ma lei lo amava e ha vissuto anni di litigate con lui.

Una volta eravamo in vacanza a St. Barth ed eravamo sulla spiaggia e lei piangeva per Rossano. Mi dispiaceva vederla piangere per un uomo che forse non la meritava, le dissi che aveva avuto tutto dalla vita, il successo, la fama, i soldi, tre splendidi figli, i nipotini, la bellezza e che doveva godersi la vita, trovarsi un uomo con cui passare il resto della sua vita godendosi i suoi figli e i suoi nipotini, evidentemente non mi ascoltò”.

Domenico Vacca Ivana Trump
Fonte: Domenico Vacca
Ivana Trump con Domenico Vacca

Domenico Vacca e Ivana Trump, l’ultimo pranzo insieme

Lo stilista ci racconta l’ultimo dolcissimo incontro con Ivana Trump. “Negli ultimi anni era sola, durante il Covid si era chiusa in casa, andavamo solo a pranzo insieme, la sera non usciva più, era stanca. Nel 2019 passammo l’ultima estate insieme a St. Tropez, la mattina non veniva più al mare, rimaneva a casa, lei che aveva sempre amato il mare. Andammo a cena per il mio compleanno lei, io ed Eleonora nel suo e mio ristorante preferito di St. Tropez, un ristorante marocchino con tanto di danzatrici del ventre. È stata l’ultima volta che abbiamo spento le candeline insieme. Siamo stati a pranzo insieme l’ultima volta a New York due mesi fa, solo io e lei. Pagò lei il pranzo, forse per ringraziarmi per essere stato suo amico per più di vent’anni. ‘La prossima volta lascia il portafoglio a casa, questa è la prima e l’ultima volta che hai pagato tu’ le dissi. Purtroppo non ci sarà una prossima volta ma il 22 luglio non sarà più solo il mio compleanno ma il compleanno della nostra amicizia che continuerà per l’eternità.

Buon viaggio mia dolce e bellissima amica mia, ti voglio un mondo di bene”.