Il suo nome è Lourdes ed è la figlia ribelle di Madonna

Modella sensuale, ribelle e libera. Paladina dell'inclusione, dea della trasgressione. Ecco chi è Lourdes, la degna erede di sua madre

Il suo nome è Lourdes Maria Ciccone Leon, anche quasi tutti la chiamano Lola. È il suo cognome, però, a restare impresso nella nostra mente e a farci fare quel collegamento con una l’icona del pop, la regina del nostro secolo, quella star che ha fatto cantare, ballare e innamorare intere generazioni. Perché sì, Lola è la figlia di Madonna.

Una ragazza autentica, bellissima e ribelle. Una modella e un’icona che si espone quanto basta, ma che tiene la sua vita privata ben lontana dagli occhi indiscreti. Che è entrata nello star system di diritto, perché con una mamma così era impossibile non farlo, e che si è fatta riconoscere per quella sua rivoluzione mai scontata che passa dalla libertà di tutte le donne, di esprimersi e di essere esattamente ciò che vogliono.

Chi è Lourdes, la figlia di Madonna

Gli amici la chiamano Lola, ma è il suo nome all’anagrafe che fa la differenza, perché lei è la figlia di una diva, di Madonna. Un cognome che è un privilegio, ma che è anche un peso perché per tutta la sua vita si è scontrata con le aspettative che gli altri hanno riposto in lei.

Nata il 14 ottobre a Los Angeles, proprio durante il periodo spirituale della pop star come dimostra il nome scelto per la sua primogenita, Lourdes è figlia di Carlos Leon, l’ex personal trainer cubano della cantante con il quale la ragazza ha tutt’oggi rapporto di profonda stima e amore.

Lourdes Maria Ciccone Leon

Lourdes Maria Ciccone Leon

Primogenita di Madonna, Lourdes è cresciuta a Londra e ha studiato in Francia per volontà di sua mamma che come desiderio espresso per la figlia voleva che lei conoscesse il mondo prima di trovare la sua strada. E lo ha fatto, prima alla Schools of Art di New York, poi iscrivendosi alla stessa Università nella quale anni prima era stata sua madre. Lola è volata in Michigan per studiare arti performative, per calcare le orme della madre e da queste trovare la personalissima strada.

Da giovanissima Lourdes ha intrapreso la carriera di modella, ma le sue sfilate sono sempre non convenzionali. Nel 2018, infatti, scelse di calcare le passerelle della New York Fashion Week senza depilarsi, per abbattere gli stereotipi sulle donne e rivendicare la libertà di essere padrone del proprio corpo.

La ribelle equilibrata

Essere la figlia di Madonna, però, per Lourdes ha significato un’esposizione mediatica molto importante. Bella, sensuale e autentica, così hanno sempre descritto i media la figlia della cantante. Ma poi l’hanno definita anche scandalosa quando al Met Gala lo ha fatto di nuovo, si è presentata con i peli visibili sotto le ascelle. Non era quella l’occasione per esprimere il suo dissenso contro gli standard di bellezza, secondo i critici. Niente invece era più perfetto di quel momento per mostrare tutta la padronanza del suo corpo, secondo lei.

Perché una donna può e deve essere libera di mostrarsi come e quando vuole, ed è di questo pensiero che la primogenita Ciccone è diventata portavoce. E questo glielo permette anche il suo ruolo, quello di modella, perché è attraverso questo che può portare al mondo il suo contributo, parlare alle generazioni, ispirarle, esattamente come ha fatto sua madre che prima di essere cantante è un’esempio da seguire, una musa da cui ispirarsi, una leggenda vivente.

Ribelle, sì, ma anche estremamente equilibrata. Se le sue apparizioni in passerella o agli eventi, infatti, fanno notizia per giorni, diversa è per la sua vita privata di cui si sa poco e niente. Il motivo è presto detto, Lola difende con le unghie e i denti la sua privacy e il suo diritto a tenere gli affari privati lontani dai riflettori.

Del suo privato, infatti, sappiamo solo che è stata legata per diverso tempo all’attore della sere Homeland Timothée Chalamet.

Madonna e sua figlia Lourdes

Madonna e sua figlia Lourdes

Il rapporto con sua madre

Lola è spesso lontana dai riflettori, per dedicarsi al lavoro e allo studio, ma mai da sua madre. Ha sfidato anche quel destino che sembrava già scritto dal suo cognome, facendo delle scelte personali e apparentemente lontane da quelle della madre. Anche se così non è stato.

Ed è proprio con la madre che è avuto i suoi alti e bassi, un rapporto scandito da musi duri e incomprensioni, come del resto accade in tutte le relazioni tra madre e figlia. Ma i loro non sono stati solo problemi legati alla ribellione dell’adolescenza di Lourdes anzi, forse quelli non ci sono mai stati. Quello che invece c’è sempre stato da parte da parte della regina del pop è un certo senso di controllo nei confronti della sua bambina e di quella vita condivisa, lo stesso controllo che a un certo punto per Lourdes si è trasformato in insofferenza.

Madre e figlia non si somigliano su tutto. Come Lola stessa ha raccontato in una lunga intervista a Debi Mazar su Interview, per molto tempo sua madre ha gestito con autorità molti aspetti della sua vita, arrivando a imporre delle regole anche piuttosto rigide come il divieto di vedere la televisione, o di indossare i suoi abiti che sono gelosamente custoditi in un armadio protetto da lucchetto.

Insomma, una mamma famosa e anche tosta, che però anche attraverso le privazioni ha dato sempre amore e supporto alla sua bambina. “Mamma è una mia grande supporter, mi dice sempre: Procedi cautamente e pensa bene a ciò per cui vuoi essere conosciuta”, ha dichiarato Lola a Interview, ammettendo di trattare il consiglio di sua madre alla stregua di un tesoro prezioso.

E da quello è partito, anche nella scelta di mostrarsi al mondo come una modella che parla alle generazioni future attraverso dei look liberi e anti convenzionali, attraverso una moda che è simbolo di una personalità e non solo di un bell’outfit da imitare.

Ed è forse proprio in questa tenacia nell’infrangere gli ultimi baluardi delle regole imposte dalla società che Lourdes dimostra che poi, così diversa da sua madre, non lo è poi molto. Perché è forte e coraggiosa come lei, ribelle e anticonformista, Lola è diventata la paladina dell’inclusione, sensuale, bellissima e soprattutto libera. Una sorta di dea della trasgressione. Del resto tale madre tale figlia.

Lourdes Maria Ciccone Leon

Lourdes Maria Ciccone Leon