Le varietà di piante e fiori perfetti per il periodo natalizio

Non solo stella di Natale: scopri le più belle piante natalizie da avere per le festività

Foto di Mara Locatelli

Mara Locatelli

Giornalista e Seo content creator

Giornalista, scrittrice, Seo copy. Collaboro con aziende per migliorarne la visibilità on line. L’arredamento è uno dei miei temi: in cantiere una newsletter su interior design.

Perché affidare solo all’abete addobbato il compito di portare in casa lo spirito natalizio? Per arredare casa con delle piante natalizie che abbelliscono i tuoi spazi con un’atmosfera gioiosa ed elegante, prova ad aggiungere qualche altro elemento naturale molto decorativo. Sarà un successo. C’è la Stella di Natale, da sempre grande protagonista di queste feste invernali. Sulla tavola delle feste, per esempio, stanno benissimo i giacinti in fiore, un fiore delicato ed elegante che può essere protagonista del centrotavola di Natale accanto a rami di Pungitopo o di Agrifoglio.

E poi ci sono altre varietà di fiori natalizi che spesso si rivelano anche ottime idee per regali molto apprezzati dagli amanti del verde così come possono essere la soluzione perfetta per cadeaux dell’ultimo minuto. Che tu stia organizzando una festa in grande, organizzando una riunione di famiglia o desideri semplicemente addobbare casa in clima natalizio, nessuna decorazione potrà dirsi completa senza la presenza di piante, fiori natalizi, e qualche bacca rossa di Natale.

Se stai cercando delle piante da regalare a Natale ci sono varietà a fioritura invernale molto eleganti. Alcune non durano oltre gennaio altre invece possono crescere sul balcone o dentro casa e dare soddisfazione anche durante le feste dell’anno successivo. Spesso ci si rassegna al fatto che le Stelle di Natale abbiano vita breve, quando in realtà bastano poche attenzioni ma buone per ottenere una fioritura prolungata per tutta la stagione e una vita lunga e rigogliosa.

L’importante, quando si acquistano le piante natalizie, è non cadere in certi errori macroscopici come comprare una Stella di Natale esposta su un banchetto al freddo. Oppure non ricordarsi di rimuovere gli involucri decorativi esterni che abbelliscono i fiori natalizi, imprigionati nelle loro confezioni regalo.

Lunga vita alla Stella di Natale

Forse non tutti sanno che la pianta che regala i fiori natalizi per antonomasia, la Stella di Natale, è messicana. Quella che tutti noi sotto le feste amiamo acquistare per decorare casa con un bel vaso colorato o per risolvere l’indecisione di trovare un regalo gradito, in natura si presenta come una pianta imponente.

Sembra difficile da credere, ma l’Euphorbia pulcherrima – questo è il suo nome scientifico mentre quello ufficiale è Poinsettia – può raggiungere qualche metro d’altezza.  La quantità di fiori che possono sbocciare naturalmente sulla Stella di Natale è impressionante. Soprattutto se si pensa alla difficoltà che tutti hanno di vedere questa pianta rifiorire da un anno all’altro. Una soddisfazione riservata a pochi fortunati, persone pazienti e con il pollice verde.

Chi vuole regalare una pianta per Natale con questa scelta va sul sicuro. La Poinsettia è una di quelle piante fiorite che fa sempre piacere ricevere. E non importa se in casa ce ne sono già altre sopravvissute all’anno passato, anzi vuol dire che finisce in buone mani.

Quando regali una Stella di Natale puoi accompagnare il tuo dono con un bigliettino simpatico, aggiungendo quali cure si aspetta per assicurare nuovi fiori natalizi. Sappi che la Stella di Natale deve stare in un luogo riparato, tra 15 e 22°C è perfetto.

Bisogna proteggerla da correnti d’aria, anche durante l’acquisto e il trasporto, perché basta una piccola botta di freddo che interrompe la catena del caldo e la danneggia. Attenzione poi alla luce, la Stella di Natale ne ha bisogno ma non deve mai prendere i raggi del sole diretti. Quasi ogni giorno occorre annaffiare la pianta, con acqua senza calcare, avendo cura di togliere l’acqua che si deposita nel sottovaso: perché se rimane sul fondo le radici marciscono.

Una pianta natalizia giapponese che non teme il freddo

Tra le piante con bacche rosse di Natale c’è la Skimmia Japonica, un arbusto che si può coltivare in vaso, perfetto come regalo sofisticato, soprattutto per chi ha un terrazzo. Il suo habitat ideale sono le fioriere di balconi e terrazzi dove può crescere rigogliosa e alzarsi finanche due metri. Essendo  una sempreverde, non perde le foglie in inverno, quindi come regalo di Natale si presenta come una bella macchia di colore intenso pronta per ravvivare istantaneamente il terrazzo ancora un po’ spoglio.

Per i fiorellini bisogna attendere la primavera, ma in inverno svolge perfettamente il suo ruolo festoso delle pianta con le bacche rosse di Natale. Le sue bacche sono riunite a grappolo come un fiore e ricordano i grani di pepe, infatti molti ribattezzano la Skimmia japonica con il nome di falso pepe rosso.

Tutto il rosso dei fiori natalizi scenografici

Tra i fiori natalizi belli da tenere in casa non c’è solo la Stella di Natale. L’Hippeastrum detto anche Amarillide, per esempio, che si apre in un’appariscente esplosione di rosso fuoco in cima al lungo stelo floreale è super elegante e molto affascinante. Per chi è alla ricerca di piante da regalare a Natale con l’amarillide ancora in boccio farà un figurone e la fioritura durerà a lungo.

Le varietà in rosso sono sempre le preferite in questa stagione perché le associ immediatamente ai fiori natalizi. Ma non bisogna escludere l’effetto scenografico della varietà variegata rosso e bianco che evoca i bastoncini di zucchero tipici degli addobbi di Natale. Se ti muovi per tempo puoi addirittura risparmiare, semplicemente acquistando i bulbi da mettere in vaso: un po’ di muschio sopra il terreno ed ecco una pianta natalizia pronta ad esplodere di colore come i fuochi d’artificio.

A seconda della varietà scelta potrai avere gruppi di fiori colorati, bordati, stellati e anche doppi, che potrai anche usare come decorazione centrotavola di Natale. Quando i fiori appassiscono, taglia all’altezza del peduncolo e non rimuovere lo stelo finché non comincia a ingiallire. Tieni le piante in un luogo luminoso della tua casa, quando poi arriva la primavera puoi metterlo sul balcone e aspettare la nuova fioritura del prossimo natale.

Senza Pungitopo non è Natale

Per molti, il Pungitopo di Natale è una delle piante natalizie della tradizione, un po’ come la Stella di Natale. Tanti invece lo confondono con l’agrifoglio, pianta con bacche rosse di Natale simili, ma con forme di diversa forma oltre che colori differenti. Le foglie del Pungitopo, o meglio del Ruscus aculeatus, hanno un colore verde intenso e una forma più semplice e lanceolata. Pungono solo con la loro punta posta all’estremità finale della foglia, a differenza dell’agrifoglio.

Questa pianta dalle bacche rosse color rosso scarlatto che decorano le case a Natale vive benissimo anche sul balcone senza paura del clima rigido. Non richiede grandi attenzioni, visto che in inverno vuole poca acqua, giusto se non piove per molto tempo.

Il periodo migliore per potare il Pungitopo dopo Natale è in primavera, quando si aggiunge al terreno anche un po’ di concime: queste piccole cure favoriscono la successiva fioritura del Pungitopo. Insomma, tra le piante da regalare a Natale è sicuramente una delle più indicate anche per chi non ha un pollice verde sviluppato e preferisce coltivare piante resistenti.

Agrifoglio, la pianta con bacche rosse di Natale e foglie variegate

Spesso lo si confonde con il Rusco, ovvero il Pungitopo di Natale. Invece l’Agrifoglio è un’altra pianta con bacche rosse tipica del Natale. Anche l’Agrifoglio è un simbolo delle feste per quanto la sua fama non sia dovuta ai fiori natalizi, che formano piccoli mazzetti bianchi. Lo si usa per realizzare addobbi per la casa, ghirlande e centrotavola di Natale, ma è splendido anche da coltivare in vaso sul balcone di casa, in una zona luminosa.

Tra le diverse varietà di questa pianta natalizia, puoi scegliere quelle con le foglie dai bordi spinosi di un bel verde intenso oppure optare per le varietà variegate di bianco, giallo e crema. La fioritura dell’agrifoglio inizia a fine dell’estate e prosegue per tutto l’autunno. Mentre le bacche rosse spuntano in autunno, ma solo in certi casi. Solo l’agrifoglio femmina produce bacche rosse e a patto che sia stato impollinato.

Se vuoi regalare questa pianta natalizia con le bacche rosse, cerca nel vivaio un Agrifoglio femmina che sia già stato impollinato. Però, per avere la certezza che la pianta produca bacche rosse ogni Natale, dovrai procurarti anche un esemplare maschio.

Di solito basta sistemare sul balcone un maschio accanto a tre o quattro femmine per facilitare la fecondazione e avere una bella siepe colorata ogni inverno. L’importante è avere un bel terriccio di qualità, un fondo di argilla che facilita il drenaggio e un concime a lenta cessione che si prende cura del nutrimento per almeno tre mesi.

Metti un Anthurium al posto della Stella di Natale

Se c’è una magnifica pianta da appartamento perfetta da regalare a Natale, è senza dubbio l’Anthurium che con i suoi enormi fiori a forma di cuore porta in casa il clima delle feste. E può anche sostituire egregiamente l’effetto decorativo della tradizionale Stella di Natale. Ci sono diverse varietà e colori, ma quando sono rossi l’effetto decorativo dei fiori natalizi è assicurato.

Quello che noi chiamiamo fiori in realtà è la spata, una foglia coriacea lucente da cui si allunga lo spadice, un cilindro ricoperto di piccoli fiori bianchi o gialli. Essendo di origine tropicale questa pianta natalizia sta benissimo in casa anche in inverno a patto di avere un’aria umida. Ecco perché conviene vaporizzare spesso le sue foglie con acqua demineralizzata. Attenzione alla luce, che deve essere diffusa e mai diretta.