Tutti i benefici del Tai Chi

Il Tai Chi Chuan è una disciplina altamente benefica per corpo e mente: scopri come praticarlo e tutti i vantaggi che apporta

Il Tai Chi Chuan ha una storia lunga 3 millenni: è un’arte ancestrale, una tecnica cinese nata più di 1000 anni A.C. Oggetto, nel tempo, di tante trasformazioni vanta numerosi stili che restano sempre e comunque nell’ambito dell’aspetto salutistico o dell’arte marziale vera e propria. Il Tai Chi Chuan praticato oggi, non solo in Cina ma anche in tantissimi altri paesi tra cui anche l’Italia, punta sui benefici della salute lavorando sulla mente e sul corpo.

La nascita del Tai Chi Chuan

La leggenda narra che il fondatore del Tai sarebbe il monaco taoista Zhang Sanfeng, discepolo di Lao-Seu padre fondatore del taoismo, esperto in arti marziali. Negli scritti dell’epoca si racconta che un giorno Zhang fu testimone di un violento scontro tra una gru ed un serpente e si accorse che mentre la gru attaccava con colpi veloci, ripetuti ma quasi sferrati a caso il serpente schivava gli attacchi dell’uccello con movimenti armoniosi, lenti ma continui quasi fosse una danza per poi contrattaccare con velocità fulminea. Zhang, osservando e studiando i movimenti, i tempi e le modalità di attacco e difesa dei due animali capì che, nel combattimento sono fondamentali i movimenti circolari, lenti ma costanti rispetto ai movimenti sistematicamente veloci, violenti e diretti verso il nemico. Zhang affermava anche che la flessibilità e l’agilità,come elementi integranti del Tai, erano superiori alla forza fisica e, mentre Lao-Seu aveva già integrato questi concetti nella sua filosofia teorica, Zhang li applicò all’arte marziale. Nacque così il Tai Chi Chuan.

Significato di Tai Chi Chuan

Tai Chi Chuan significa “Lotta del Grande Termine” o anche “Suprema Arte del Combattimento”; è una disciplina concepita per l’autodifesa e la meditazione, un’arte marziale interna fondata sul perfetto equilibrio tra forza e debolezza, proiettata verso gli aspetti spirituali ed energetici che la differenziano dalle altre arti marziali che, essendo esterne, si identificano con il karatè e con lo judo:

  • Tai: significa grande, supremo, immenso, unico
  • Chi: significa culmine, principio
  • Chuan: significa palmo aperto ma anche pugno quindi lotta

Ed ecco che nuovamente la connotazione di Tai Chi Chuan ci riporta alle origini marziali di questa arte che, a differenza delle arti esterne, è caratterizzata dalla ricerca dell’armonia e dell’equilibrio tra Ying e Yang dell’essere umano inteso come microcosmo. Il Tai Chi Chuan, nel corso dei secoli, si è diviso in numerose scuole ed ogni scuola è stata caratterizzata da un suo stile che rappresentava la filosofia del maestro. Numerose varianti quindi ma la base inattaccabile e solida: perfetto equilibrio tra forza e debolezza. L’influenza personale dei vari maestri ha comunque avuto ripercussioni tra le scuole del tempo e le scuole di oggi: aderire ad una scuola piuttosto che ad un’altra incide sicuramente su esecuzione e movenze che l’allievo assimila. Questo ha determinato la consapevolezza nei maestri che se non si abituano gli allievi al confronto è facile scivolare malamente su errori di esclusività e di chiusura verso i concetti della genesi del Tai Chi Chuan.

I benefici del Tai Chi Chuan

Il Tai Chi Chuan agisce sul corpo e sulla mente con effetti eccezionalmente benefici. E’ una pratica indissolubilmente legata ai principi della medicina cinese ed infatti la scienza la sta prendendo in grande considerazione come forma di prevenzione e di medicina complementare alternativa. Il Tai agisce sulla complessa totalità della persona e punta al raggiungimento di un benessere completo coinvolgendo e facendo “lavorare” tutti i muscoli, polmoni e cuore stabilizzando il processo ritmico della respirazione e dei battiti cardiaci. E’ una danza silenziosa, lenta, delicata, elegante, fatta di movimenti lenti e circolari che ricarica l’organismo di energia e lo rilassa sia a livello muscolare che mentale. Regala un senso di pace, migliora la concentrazione, migliora l’elasticità del corpo, l’equilibrio della mente e potenzia il tono muscolare. C’è chi lo pratica anche in gravidanza. Se praticato in modo costante, ovvero tutti i giorni, il Tai Chi Chuan offre risultati terapeutici eccellenti:

  • migliora la salute e rende il nostro corpo più resistente alle malattie aumentandone le difese immunitarie.
  • potenzia il carattere e l’indagine sul sé
  • migliora l’elasticità dei tendini e dei muscoli
  • potenzia il respiro allungandolo e rafforzando la capacità polmonare
  • migliora la postura
  • fa lavorare con continuità la connessione articolare ed energetica interna del nostro organismo.

Il Tai Chi in casi di artrite reumatoide ed ictus

Alcuni ricercatori dell’Arizona, dopo anni di studi sul Tai Chi Chuan hanno confermato e scritto sull’ ”American Journal of Health Promotion” che la pratica costante del Tai Chi è senza alcun dubbio un toccasana per l’organismo e migliora la qualità della vita in senso generale. Aggiungono che l’effetto del Tai Chi su persone che soffrono di artrite reumatoide sia fortemente benefico soprattutto per le articolazioni delle braccia, gambe in quanto, grazie ai movimenti circolari e lenti non va ad infiammare od irritare le cartilagini bensì permette un esercizio dolce che aiuta ad attenuare il dolore delle articolazioni e facilitare i movimenti quotidiani ai quali sono sottoposte le persone affette da tale patologia. In caso di ictus alcuni neurologi e riabilitatori hanno sperimentato il Tai Chi su alcuni pazienti ed hanno evinto che il beneficio di tale disciplina è inconfutabile: sono infatti stati registrati netti miglioramenti nel recupero delle funzioni generali ed anche, incredibile ma vero, nelle relazioni sociali.

Il Tai Chi ed i muscoli che nessun altro sport classico aziona

Come detto precedentemente il Tai Chi è una combinazione tra le teorie taoiste che vedono lo Yin e lo Yang come opposti ed i cinque elementi. Forse erroneamente è descritto come una meditazione in movimento ma in realtà il Tai è qualcosa di estremamente completo, complesso ed introspettivo che si realizza con una sequenza di movimenti lenti e precisi. E’ una ginnastica energetica, è un’arte marziale i cui movimenti possono essere utilizzati anche come difesa personale ma in sostanza il Tai Chi è energia, potere e forza della mente in primis, del corpo dopo. Il Tai sembra una danza per chi lo guarda con occhi profani, è affascinante ed intrigante. Uno dei tanti benefici, oltre a quelli già illustrati, è che il Tai, con i suoi movimenti che sembrano musica, sollecita e muove muscoli che altri sport classici non toccano:

  • muscoli intercostali
  • diaframma

Gli effetti del Tai Chi su persone tra i 50 e gli 80 anni

All’Università di Taiwan, dopo lunghi studi, sono giunti ad una conclusione scientifica affermando che 30 minuti di pratica Tai Chi al giorno per 6 mesi aumentano la forza muscolare nelle persone tra i 50 ed i 60 anni. E’ quindi una disciplina raccomandata alle persone che iniziano la seconda parte della loro vita e che, fisiologicamente, accusano od hanno problemi alle ginocchia ed alle ossa. A loro il Tai garantisce un miglioramento dell’equilibrio diminuendo la probabilità di cadute nelle persone anziane. Il concetto filosofico dello Yin e Yang, ovvero due entità che formano insieme la completezza perchè anche se opposte sono complementari, permette all’organismo di passare dalla parziale immobilità che colpisce le persone anziane al movimento e riacquistare quella piccola ma assolutamente necessaria autonomia che riesce a garantire una vita dignitosa per gli anni a venire.

Il Tai Chi ed il suo positivo effetto sulla glicemia

Alcuni studi stanno approfondendo i quasi certi effetti benefici che il Tai abbia su coloro che soffrono di glicemia alta. Pare infatti che il Tai sarebbe benefico per abbassare la glicemia ed in particolare per chi soffre di diabete tipo 2. Queste affermazioni nascono da un monitoraggio effettuato su un gruppo di pazienti coreani diabetici ed ha avuto la durata di 6 mesi. La pratica del Tai Chi è stata ovviamente regolare e continua, quotidiana e costante ed ha portato ad evidenziare un netto miglioramento del tasso glicemico: a digiuno la glicemia era notevolmente bassa!

Il Tai Chi la pressione alta ed il colesterolo

Sempre sulla base di alcuni studi pare che praticare il Tai Chi sia eccellente per ridurre pressione arteriosa e colesterolo. Gli studi, presso l’Università di Taiwan, si sono basati su esperimenti durati 6 mesi su pazienti con patologie arteriose e colesterolemia. Essendo Taiwan la patria del Tai Chi (il 90% dei suoi abitanti pratica il Tai Chi) gli esperimenti sono stati numerosi ed hanno portato tutti ad un esito positivo: pressione sanguigna entro i parametri di base e colesterolo entro il range corretto.

Le sindromi depressive e gli effetti del Tai Chi

Anche in questo caso sono stati effettuati numerosi studi su pazienti giovani e non, affetti da sindrome depressiva. Gli studi hanno evidenziato che contestualmente a terapie chimiche del caso (antidepressivi) il Tai Chi può aiutare a migliorare la qualità della vita e della mente dei pazienti. Lo studio è stato effettuato su pazienti giovani e meno giovani ed i risultati sono stati sorprendenti: una remissione più veloce della sindrome depressiva rispetto alla remissione con la sola assunzione del farmaco. Il Tai Chi è una delle discipline più antiche che il mondo orientale conosca; nel corso degli anni è arrivato anche in occidente e, per curiosità passione o cultura, molte popolazioni si sono avvicinate a questa filosofia.

Il suo studio ha iniziato a confermarne i numerosi benefici per la salute psico-fisica che questa pratica antica porta nella nostra vita arricchendola. Non si dimentichi assolutamente che il Tai Chi non è una medicina, non può sostituire le terapie tradizionali, non fa miracoli ma tentare di farlo diventare parte integrante della nostra quotidianità sarebbe ed è sicuramente una mossa vincente per il nostro corpo, la nostra mente e la nostra anima. Dal 1999 l’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) ha riconosciuto l’ultimo sabato di Aprile di tutti gli anni come giornata mondiale del Tai Chi Chan della quale potrete approfondire in the World Tai Chi Day

Controindicazioni del Tai Chi

Il Tai Chi non ha controindicazioni ma ricordatevi che se viene praticato come terapia è fondamentale essere seguiti da un medico o un terapista che ne possa verificare l’efficacia. Un occhio di riguardo deve avere il Tai Chi se applicato a pazienti che soffrono di artrite o artrosi: ogni movimento del Tai è benefico ma se un paziente sbaglia la postura o la sequenza del movimento potrebbe acuire il dolore o addirittura peggiorarlo. Ovviamente è sconsigliato a coloro che non sono disposti a dedicare più di 10 minuti al giorno a questa meravigliosa disciplina. Il Tai richiede assiduità e concentrazione: se non avete questi due ingredienti fondamentali i misteri dell’Oriente non fanno per voi!

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tutti i benefici del Tai Chi