Gastrite e colite, l’olio di valeriana per calmare i dolori addominali

Grazie alle sue proprietà miorilassanti, l'olio di valeriana è un toccasana contro crampi allo stomaco e gastrite nervosa

La valeriana è una pianta straordinaria, che cresce ai limiti dei boschi e sulle rive dei fiumi dell’Europa continentale. È nota soprattutto per la sua capacità di migliorare la qualità del sonno.

Conosciuta anche con il nome latino di valeriana officinalis, è considerata uno dei migliori sedativi naturali del mondo. I suoi benefici vanno però oltre a questo aspetto. Riguardano, infatti, anche il contenimento dei dolori addominali causati da gastriti e coliti, due patologie diverse tra loro ma entrambe molto difficili da gestire.

L’efficacia della valeriana contro i loro sintomi è legata in particolar modo alla presenza di flavonoidi e terpeni, che agiscono sui muscoli dello stomaco rilassandoli e tenendo sotto controllo le fitte. Questa pianta inoltre “lavora” sul sistema nervoso, inibendo gli episodi di acidità gastrica.

Dal momento che il sapore degli integratori di valeriana può non essere gradevolissimo (è tendente all’amaro), si consiglia di frequente a chi soffre di gastrite o colite di ricorrere all’olio.

Un’ottima soluzione in caso di dolori addominali prevede l’utilizzo di 5 gocce di olio di valeriana officinalis da mischiare con 50 ml circa di olio di mandorle dolci. Questa miscela va applicata sulla zona dell’addome interessata dai dolori e massaggiata fino a completo assorbimento. Per ottimizzare il risultato, dopo il massaggio, si può coprire l’addome con un panno caldo.

Anche respirare l’olio di valeriana grazie ai diffusori domestici fa molto bene. In questo caso, bisogna chiamare in causa i tannini, le sostanze che conferiscono a questa pianta il suo potere sedativo. Si tratta di composti contenuti in diverse piante e contraddistinti da una forte efficacia ipnotica. Aiutano a rilassare la mente e, nel contempo, agiscono contrastando gli spasmi addominali.

La stessa efficacia riguarda anche i disturbi intestinali di origine nervosa. Quando si parla di questo rimedio naturale non bisogna mai dimenticare che è caratterizzato da un bassissimo livello di tossicità.

Essenziale è comunque non esagerare, onde evitare di andare incontro all’insorgenza di episodi di emicrania, insonnia, aumento della pressione, diminuzione della frequenza dei battiti cardiaci.

Da citare, per muoversi con il massimo della sicurezza, sono infine le controindicazioni legate alla gravidanza, all’allattamento e all’assunzione di farmaci barbiturici.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Gastrite e colite, l’olio di valeriana per calmare i dolori addo...