Dieta con patate, ricche di amido resistente per controllare la glicemia

Versatili in cucina e davvero deliziose, le patate sono un'ottima fonte di antiossidanti e di amido resistente

Le patate sono il perfetto contorno da portare in tavola per soddisfare il palato: piacciono a grandi e piccini, si abbinano bene ad ogni piatto e hanno molte proprietà benefiche per la salute. Per questo sono da sempre presenti nella nostra cucina, preziose alleate di una dieta sana ed equilibrata.

Il profilo nutrizionale delle patate è molto interessante: a fronte di un contenuto apporto calorico, sono infatti ricche di sostanze importanti quali vitamine, sali minerali e antiossidanti. Il loro contenuto varia in base al tipo di cottura – basti pensare alla frittura, decisamente più ricca di calorie e grassi. Inoltre molti nutrienti si trovano sulla buccia, quindi è bene prediligere preparazioni che non prevedano il dover sbucciare le patate.

Una delle caratteristiche principali di questo tubero è la presenza di importanti quantità di amido resistente. Questa sostanza, non essendo digeribile dal nostro stomaco, si comporta come le fibre e arriva all’intestino intatta, fornendo numerosi benefici. Aumentando il senso di sazietà, è un ottimo alleato per chi vuole perdere peso e cerca un rimedio per resistere alle tentazioni fuori pasto. Inoltre, nell’apparato digerente fornisce uno strumento molto utile per tenere sotto controllo l’assorbimento degli zuccheri nel sangue, evitando pericolosi picchi glicemici.

Un trial condotto su 10 persone senza problemi di salute – i risultati sono stati pubblicati sull’American Journal of Clinical Nutrition – ha evidenziato come un’integrazione di amido resistente possa migliorare la sensibilità all’insulina e, di conseguenza, la risposta dell’organismo agli zuccheri. Ulteriori studi hanno dimostrato che i benefici delle patate si estendono anche a coloro che soffrono di diabete di tipo 2, contribuendo a ridurre il livello di zuccheri nel sangue dopo i pasti.

L’amido resistente svolge la sua azione anche a livello intestinale, dove fermenta e si converte in acidi grassi a catena corta, fondamentali come nutrimento per la flora batterica. Una delle sostanze di trasformazione è il butirrato: secondo alcuni recenti studi, sarebbe in grado di ridurre l’infiammazione del colon, rafforzare le difese immunitarie e proteggere dal cancro al colon-retto. Può inoltre diminuire i sintomi in chi soffre di patologie quali il morbo di Crohn, la colite ulcerosa e la diverticolite.

Le patate sono un’ottima fonte di antiossidanti, in particolare flavonoidi, carotenoidi e acidi fenolici. Il loro ruolo nell’organismo consiste principalmente nel neutralizzare i radicali liberi, che accumulandosi aumentano il rischio di malattie croniche tra cui il diabete, le patologie cardiache e il cancro. Alcune varietà, come ad esempio la patata viola, sono particolarmente ricche di queste sostanze.

Tra gli altri nutrienti importanti, troviamo la vitamina C – è ormai ben nota la sua efficacia nel potenziare le nostre difese immunitarie – e la vitamina B6, fondamentale per il corretto funzionamento del sistema nervoso. Inoltre le patate possiedono buone quantità di potassio, che aiuta a tenere sotto controllo la pressione ed è un importante alleato della salute del cuore.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta con patate, ricche di amido resistente per controllare la glicem...