Solanina nelle patate: quando sono tossiche e vanno evitate

La solanina è una sostanza che si trova nelle patate e che può causare un'intossicazione. Scopriamo quando evitare questi tuberi

Quando le patate diventano tossiche a causa della solanina e andrebbero evitate?

Questa sostanza si trova in diversi alimenti, fra cui i pomodori, le melanzane e, appunto, le patate. Si tratta di un glicoalcaloide che viene sfruttato dalle sostanze come difesa contro i funghi e i parassiti, può però risultare tossico per l’uomo se viene assunto in dosi elevate. Nelle verdure diminuisce con la maturazione, mentre nei tuberi si sviluppa e cresce grazie alla luce solare, concentrandosi nella buccia e nella zona sottostante.

Come facciamo a capire se una patata presenta un’alta concentrazione di solanina? Questa pericolosa sostanza si trova soprattutto nei tuberi che sono raccolti non ancora maturi, con parti verdi, oppure in quelli danneggiati, con la buccia raggrinzita o con i germogli. L’intossicazione da solanina è un’eventualità piuttosto rara, ma quando si presenta può risultare molto fastidiosa.

I sintomi sono diarrea, vomito, mal di stomaco, febbre, nausea e gravi carenze al sistema cardiaco e respiratorio. Nel 2015 uno studio tedesco ha stimato quali sono i valori entro i quali la solanina può risultare pericolosa per l’essere umano, portando la soglia di rischio a 100 mg/kg di patate, con una tollerabilità pari a 0,5 mg per ogni kg di peso corporeo.

Non solo: gli studiosi hanno anche indicato alcune precauzioni che possono essere utili per evitare di immettere nell’organismo la solanina. Per prima cosa imparate a conservare nel modo giusto le patate, riponendole in un luogo fresco e asciutto, al buio. Quando dovete consumare i tuberi, soprattutto se li avete acquistati da tanto, osservateli con attenzione. Se presentano dei piccoli germogli verdi potete rimuoverli e sbucciarle, per poi usarle in cucina. Al contrario, se sono disidratate, grinzite e hanno tantissimi germogli, meglio buttarle e ed evitare di mangiarle.

Per gustare le patate in tutta sicurezza, soprattutto se ci sono dei bambini, sbucciatele sempre, scegliendo quelle più fresche e prive di ammaccature. Se vi piacciono bollite, buttate sempre l’acqua in cui avete cotto le patate, una volta pronte, mentre se le apprezzate fritte cambiate spesso l’olio. Infine se quando siete a tavola vi accorgete che le patate hanno un sapore amaro sarebbe meglio non continuare a mangiarle.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Solanina nelle patate: quando sono tossiche e vanno evitate