Come cercare un bravo trainer on line

L’home fitness si espande e noi ti aiutiamo a capire come riconoscere e scegliere un bravo trainer on line

Elisa Cappelli Pilates Trainer, Insegnante Tai Chi e Yoga Taoista, Movimentoterapista

Home fitness e trainer on line

Il mercato del fitness domestico o anche home fitness rappresenta un mercato in espansione e ha indotto molti personal trainers, istruttori e insegnanti di fitness o di varie discipline motorie a specializzarsi e orientarsi verso l’insegnamento su piattaforme virtuali. Molto spesso chi aveva una o un insegnante di fiducia ha deciso di seguirlo/a nel suo percorso virtuale e questo ha richiesto pazienza, adeguamenti e nuove forme di interazione. Ma come fare se il nostro trainer fidato non se la sente o non condivide il concetto delle lezioni on line? O come scegliere se si vuole iniziare dal principio a seguire lezioni on line, come orientarsi tra le tante offerte?

A volte le sponsorizzazioni e la spinta pubblicitaria non significano necessariamente valore e fiducia immediata. Di certo, chi ha potere di farsi conoscere forse parte da una base di pacchetto clienti importante, ma non sempre le cose stanno in questo modo. Si deve seguire il proprio intuito e accordarsi su alcune condizioni fondamentali relative a quel che cercate in un trainer. Non necessariamente un bravo trainer dal vivo si rivela tale anche on line. E non sempre chi si butta sull’on line ha competenze tecniche adeguate. Per questo diventa importantissimo saper scegliere.

Bravo trainer on line: 6 indizi

Vediamo insieme sei indizi che vi fanno capire che siete di fronte a una persona affidabile e competente.

Strutturate insieme un programma su obiettivi concreti

Il fatto che le lezioni siano on line non significa che il programma di allenamento debba essere casuale o non organizzato (purtroppo per molti trainers on line le cose stanno in questo modo). Un bravo o brava trainer on line vi prende per mano e struttura insieme a voi una tabella di marcia precisa e organizzata in base al tempo effettivo che pattuite insieme relativamente al tempo libero che vi permette di dedicarvi al momento dell’allenamento.

Guarda lo schermo e vi corregge

Diffidate da tutti quei trainer on line che prendono l’insegnamento su piattaforma virtuale come un modo per mostrarsi e che si guardano spesso allo schermo ma non osservano nel dettaglio il modo in cui eseguite i movimenti. Fidatevi invece di chi vi mostra l’esecuzione tecnica e, una volta mostrato l’esercizio, vi osserva anche nei dettagli e vi corregge nel migliore dei modi anche in base alla vostra struttura fisica. Osservare significa anche vedere quando il corpo della persona si affatica, sebbene si tratti di lezioni on line, ed essere in grado di modificare mentre si porta avanti l’allenamento.

Vi ascolta e vi motiva

Allenare significa anche domandare. Chiedere alla persona come sta, come procede, come percepisce le variazioni che avvengono nel corpo, come si progredisce tra un allenamento e l’altro. L’ascolto di un trainer rimane una chiave fondamentale e motivare significa essere in grado di spingere la persona alla versione migliore di se stessa. Questo spesso rivela un talento importante del trainer, in quanto motivare on line potrebbe risultare difficile.

Assesta il programma in base alle vostre evoluzioni

Un trainer rimane una persona flessibile, che osserva e svolge mentre il flusso prosegue e si fanno progressi. Il programma che propone ha una sua struttura ma varia a seconda di come muta la reazione fisica e psicologica agli esercizi proposti. Avere un allievo o un’allieva significa avere tra le mani creta da modellare, qualcosa che prende la forma armonica in modo graduale. Pronto/a a mettere in discussione le sue previsioni e i suoi programmi, l’esperto/a sa adattare e cambiare quando serve.

Parte dal vostro vissuto motorio reale

Se iniziate un percorso e il trainer non vi fa domande giuste sul vostro vissuto motorio, non si tratta della persona adeguata e vi consigliamo di cambiare subito. La costruzione del programma va fatta sulla base di chi veramente siete, delle vostre attuali forze e dei passati infortuni. Vi deve fare domande precise sul vostro stato fisico, su eventuali dolori acuti o cronici. Siate molto severi/e su questo aspetto. Visto che l’allenamento si fa a distanza diventa ancor più importante avere di fronte qualcuno che sappia molto sulle condizioni fisiche attuali data dagli eventi pregressi.

Puntuale e organizzato/a

Il tempo conta molto e dovete fare in modo di trovare un trainer che sia puntuale e ben organizzato/a. Deve mandare le registrazioni se ne offre l’opzione e deve poter comunicarvi eventuali variazioni in tempo, in caso di problemi tecnici o personali. Ovvio, se si verificano problemi di rete fuori dal suo dominio di controllo, questo va fuori dalla sua responsabilità, ma deve darvi la sensazione di potersene occupare in modo proattivo.

Cosa non pretendere dal tuo trainer on line

Il trainer on line non ha tra i suoi compiti quello di risolvere i vostri problemi tecnici che riguardano la vostra connessione, il vostro dispositivo e la vostra capacità di usare la piattaforma che viene usata per svolgere le lezioni. Non ricade tra le sue mansioni quella di comprendere se non comunicate in tempo variazioni legate ad aspetti tecnologici che vi impediscono di fare lezione e non ha la responsabilità di rispondere ai vostri messaggi in tutti i momenti del giorno in cui non fate lezione.

Ha il dovere di restare a disposizione ma ricordate che, come voi, sicuramente segue altri clienti e non è giusto immaginare che sia a disposizione 24 ore su 24. Misurate quindi le comunicazioni e cercate di aiutarlo/a a svolgere il suo mestiere mantenendo una connessione pulita e funzionale.

Elisa Cappelli Pilates Trainer, Insegnante Tai Chi e Yoga Taoista, Movimentoterapista

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come cercare un bravo trainer on line