Agnocasto contro i dolori mestruali: quando prenderlo

L'agnocasto è un ottimo rimedio naturale per sconfiggere i dolori delle mestruazioni e vivere serenamente questo periodo del mese

L’agnocasto è un ottimo rimedio naturale contro i dolori mestruali, perfetto per contrastare numerosi disturbi.

Questa pianta che cresce nell’area mediterranea viene chiamata anche “falso pepe”, per via dei frutti che, una volta essiccati, assomigliano a quelli del pepe. Grazie all’alto contenuto di iperprolattinemia, l’agnocasto permette di curare la sindrome premestruale e tutti i problemi legati alle mestruazioni, dall’amenorrea alla dismenorrea, passando per la menorragia e la metrorragia. Viene consigliato anche in caso mancanza di latte subito dopo il parto e ansia.

Questa pianta viene consigliata anche per normalizzare l’ovulazione dopo lunghi periodi di stress o in seguito all’interruzione della pillola anticoncezionale. Le sue proprietà calmanti e rilassanti, sono perfette per chi soffre di dolori mestruali, ma anche per tutte le donne che in questo periodo del mese avvertono gonfiore all’addome e al seno.

Come si assume l’agnocasto? Se vi sentite affaticate e tese oppure avete interrotto da poco l’uso della pillola contraccettiva, potreste vivere episodi di amenorrea oppure di cicli ravvicinati. Questi fastidiosi problemi si possono risolvere assumendo l’estratto secco di agnocasto in compresse. Per rilassarvi e cercare di eliminare l’ansia, provate anche l’olio essenziale. Poco prima delle mestruazioni preparate un bagno con acqua calda tintura di agnocasto e salvia sclarea rimanendo in immersione per almeno 15 minuti.

L’irregolarità del ciclo è alla base di dolori e tensioni addominali che spesso non lasciano tregua alle donne, causando stanchezza, irritabilità e rallentamento del metabolismo. Provate ad assumere la tintura madre almeno due volte al giorno per due mesi e lontano dai pasti.

Non solo mestruazioni, l’agnocasto è un ottimo rimedio naturale anche durante la menopausa. Ad esempio è un ottimo alleato contro le vampate di calore, le gambe pesanti la ritenzione idrica, le aritmie e la palpitazioni. Per evitare questi fastidi bevete due volte al giorno una tisana preparata con questa pianta accompagnata da una perla di olio di Enotera per riequilibrare gli ormoni.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Agnocasto contro i dolori mestruali: quando prenderlo