Chioma dallo styling perfetto? Con i bigodini si può, basta usarli bene!

I bigodini sono uno strumento prezioso per creare ogni tipo di styling, ecco come usarli e quali tipologie scegliere

Foto di Laura Sandroni

Laura Sandroni

Beauty Editor

Dopo una laurea in Scienze Turistiche, diventa redattrice e Seo Editor specializzandosi sulle tematiche di bellezza, benessere e cura di sé, il tutto in chiave femminile.

Amatissimi da chi sogna capelli ricci, mossi o con boccoli definiti, i bigodini sono tra gli accessori di styling più amati di sempre. Un alleato della chioma, utilizzato dalle nostre nonne e che ha visto la sua nascita nei primi anni del 1900, quando Karl Nessler, il parrucchiere tedesco che inventò anche la permanente, decise di creare anche queste  barrette di metallo attorno alle quali avvolgere le ciocche di capelli con lo scopo di regalare alla chioma delle onde super naturali e bellissime, i bigodini appunto.

Uno strumento che, nonostante l’aria un po’ vintage, vengono tutt’oggi utilizzati da parrucchieri ed esperti di bellezza anche nei backstage di eventi e sfilate. Ma che possono anche essere utilizzati comodamente a casa propria, optando per i bigodini che più si preferiscono anche a seconda dell’effetto che si vuole ottenere.

Le tipologie di bigodini

Bigodini, tipologie e utilizzi
Fonte: iStock
Bigodini, tipologie e utilizzi

Grandi, piccoli e con forme particolari, i tipi di bigodini sono davvero tanti, in grado di garantire effetti molto diversi e che si adattano alle esigenze personali di ognuno.

In versione maxi, per esempio, i bigodini  aiutano a creare una messa in piega perfetta, lisciando le punte e donando volume alle radici senza l’uso della spazzola, quelli classici invece sono ottimi per sfoggiare capelli ricci o mossi. Uno strumento beauty versatile e che si presta a creare ogni tipologia di acconciatura, in modo semplice e alla portata di tutte.

Come detto, quindi, i bigodini non sono tutti uguali, ma esistono varie tipologie che sono state studiate e create per assecondare le diverse esigenze di styling. Quelli più famosi sono senza dubbio i bigodini grandi, ottimi per i capelli lunghi e per chi li sogna super lisci senza dover combattere con la spazzola e con la piastra. I bigodini piccoli invece sono l’ideale per chi ha i capelli corti e desidera un look riccio o mosso. Generalmente i bigodini “classici” vanno applicati sui capelli bagnati e hanno bisogno di un periodo di posa più o meno lungo a seconda del finish del modello.

Dal parrucchiere l’asciugatura avviene sotto il classico casco, mentre a casa si può sfruttare il calore di un normalissimo phon. Ma non solo. In commercio, infatti, esistono altre tipologie di bigodini da quelli in spugna morbida, semplici da applicare e delicati sulla chioma ai bigodini in silicone, da quelli autoriscaldanti, molto apprezzati per la loro comodità di utilizzo, a quelli super moderni e professional che sono provvisti da spazzole incorporate comodissimi.

Prodotti simili ma diversi ma che agiscono tutte con un unico scopo, creare un’acconciatura dall’effetto wow assicurato e donare alla chioma uno styling eccezionale e con il minimo sforzo.

Come usare i bigodini?

Come mettere i bigodini nel modo giusto
Fonte: iStock
Come mettere i bigodini nel modo giusto

Utilizzare i bigodini, infatti, è semplicissimo anche se, per ogni modello e tipologia, è necessaria un’applicazione ad hoc. Come detto, per esempio, i bigodini classici, sia grandi che piccoli, si applicano sulla chioma bagnata, asciugandola poi con un normalissimo phon.

Nella loro versione in spugna morbida o in velcro, invece, si utilizzano sui capelli umidi o anche asciutti, andando a realizzare dei ricci o dei boccoli morbidi e ampi. Un finish che, per essere mantenuto, necessita di una bella spruzzata di lacca o di fissante. Importante, quindi, è leggere bene come applicare i bigodini a seconda del modello scelto.

Una volta appurato questo dettaglio non di poco conto ecco che sorge un’altra domanda: come vanno applicati i bigodini? Anche in questo caso tutto dipende da quale risultato si vuole ottenere sulla propria chioma. Per sfoggiare un’acconciatura riccia e voluminosa, i bigodini devono essere posizionati a partire dalle punte della chioma e fino ad arrivare alle radici. Per un effetto mosso o delle beach waves in mood estivo, invece, basterà applicare i bigodini dalle punte e fino alla metà delle lunghezze.

In più, è meglio applicare i bigodini partendo dalla parte centrale della testa, dividendo in ciocche la sezione e iniziando ad arrotolare i capelli dalla parte frontale della testa, procedendo delicatamente e senza fretta verso quella posteriore. Una volta fatto, si potrà procedere continuando sui lati, avanzando in modo circolare fino alla zona inferiore della testa.

Quali bigodini scegliere

Come detto, la scelta dei bigodini dipende molto dal risultato che si vuole ottenere. Ma anche dalla tipologia di chioma. Per chi ha i capelli corti, per esempio, è meglio usare la versione mini o media dei bigodini, garantendosi una chioma riccissima e piena di volume.

Per chi ha i capelli lunghi, invece, solitamente vengono usati i bigodini grandi, super comodi  e che non hanno bisogno di essere fissati, donando massimo volume alle radici della chioma e una piega liscia perfetta.

Se si vogliono creare dei boccoli morbidi e dall’effetto naturale, i migliori sono i bigodini twist, noti anche come torciglioni. Si tratta di bigodini realizzati in fil di ferro che si possono ripiegare a proprio piacimento per tenere ferma la ciocca.

Fra le tipologie più interessanti di bigodini, poi, troviamo quelli riscaldanti o termici, che in pochi secondi garantiscono una chioma perfetta e un look voluminoso senza nessuna fatica, raggiungendo una temperatura che arriva sino a 50 gradi.

Ma anche i bigodini in plastica a spirale, che con un uncino lavorano le ciocche asciutte, creando dei boccoli perfetti. O ancora quelli con pinza integrata che, garantiscono un ancoraggio più semplice da eseguire e che offrono un risultato perfetto che dura 24 ore.

Per le meno esperte in fatto di acconciature, poi, sono ottimi i bigodini in spugna, flessibili e morbidi, che vengono venduti con clip integrate e utili per creare movimento su tutta la lunghezza.

Infine, un’ottima soluzione per chi vuole una messa in piega a regola d’arte, sono anche i bigodini con spazzola inclusa. Si tratta di un kit  che permette di  dividere la chioma in ciocche e di ottenere dei ricci morbidi su tutte le lunghezze.

Insomma, tante possibilità da provare e in cui diventare esperte, per garantirsi una chioma come appena uscite dal parrucchiere direttamente a casa vostra!