Tutti i tipi di bigodini e come usarli correttamente

I bigodini sono uno strumento prezioso per creare boccoli, capelli ricci o mossi: ecco come usarli e quali tipi esistono

Amatissimi da chi sogna capelli ricci, mossi o con boccoli definiti, i bigodini sono gli accessori di styling più amati di sempre. Alle spalle hanno una lunga storia e, nonostante la loro aria un po’ vintage, vengono tutt’oggi utilizzati da parrucchieri ed esperti di bellezza nel backstage di eventi e sfilate. Grandi, piccoli e con forme particolari: i tipi di bigodini sono davvero tanti, creati per realizzare effetti molto diversi e in grado di adattarsi alle esigenze di tutte le donne.

Le top model ne vanno pazze, mentre gli hair stylist più famosi non possono farne a meno. D’altronde i bigodini servono davvero a tutto: in versione maxi aiutano a creare una messa in piega perfetta, lisciando le punte e donando volume alle radici senza l’uso della spazzola, quelli classici invece sono ottimi per sfoggiare capelli ricci o mossi.

Tutte le tipologie di bigodini

I bigodini non sono tutti uguali, ma esistono varie tipologie che sono state studiate e create per diverse esigenze di styling. Quelli più famosi sono senza dubbio i bigodini grandi, ottimi per i capelli lunghi e per chi li sogna super lisci senza dover combattere con la spazzola. I bigodini piccoli invece sono l’ideale per chi ha i capelli corti e desidera un look riccio. Solitamente vanno applicati sui capelli bagnati e hanno bisogno di un periodo di posa più o meno lungo. Dal parrucchiere l’asciugatura avviene sotto il classico casco, mentre a casa si può sfruttare il calore generato dal phon.

Non solo: in commercio si possono trovare tante altre tipologie di bigodini, come quelli in spugna morbida, che non tirano le ciocche, quelli in silicone o quelli autoriscaldanti, apprezzati da tante donne perché comodissimi. Nel beauty case di tante donne non possono mancare gli stick in gommapiuma da usare per creare i torciglioni. Infine l’ultimo ritrovato sono i bigodini con spazzole incorporate che regalano uno styling da salone di bellezza.

Come si usano i bigodini

Come usare i bigodini? Ogni tipo di bigodino richiede una particolare applicazione. In generale la versione classica va usata sui capelli bagnati, mentre quelli in spugna morbidi si possono applicare sui capelli asciutti o umidi per realizzare boccoli e ricci. Ovviamente nel primo caso la piega durerà molto più a lungo, mentre nel secondo, anche usando lacca o altri prodotti, le ciocche rimarranno in ordine al massimo per un giorno.

Come mettere e usare i bigodini

Come mettere i bigodini – Fonte: 123rf

Come vanno applicati i bigodini? Anche qui tutto dipende dal risultato che volete ottenere. Se sognate un’acconciatura riccia e voluminosa posizionateli a partire dalle punte sino ad arrivare alla parte alta della testa. L’effetto mosso o beach waves invece si può ottenere usando i bigodini dalle punte sino a metà lunghezza. In ogni caso i parrucchieri consigliano di applicare i bigodini sempre partendo dalla corona centrale della testa e dividendo in ciocche la sezione, iniziando dalla parte frontale e procedendo pian piano verso quella posteriore. Terminato questo lavoro si continua sui lati, procedendo in maniera circolare nella zona inferiore.

Quali bigodini scegliere

La scelta dei bigodini è legata inevitabilmente al risultato che volete ottenere. Per i capelli corti meglio puntare sulla versione mini o media. Regalano una chioma super riccia, sono in plastica o metallo e si applicano fissandoli con le forcine. I bigodini grandi sono invece l’ideale per i capelli lunghi e vengono usati regolarmente nel backstage delle sfilate più importanti. Sono molto comodi perché non hanno bisogno di essere fissati, danno volume alle radici e una piega liscia.

I bigodini twist, conosciuti come torciglioni, permettono invece di creare dei boccoli morbidi con un effetto naturale. Sono in fil di ferro e si possono ripiegare a proprio piacimento per tenere ferma la ciocca. Fra le tipologie più interessanti di bigodini troviamo quelli riscaldanti o termici, che in pochi secondi garantiscono una chioma perfetta e un look voluminoso senza nessuna fatica, raggiungendo una temperatura che arriva sino a 50 gradi.

Tipi di bigodini per capelli

Diversi tipi di bigodini per capelli – Fonte: 123rf

In commercio troviamo i bigodini in plastica a spirale, che con un uncino lavorano le ciocche, creando dei boccoli perfetti. Si usano sui capelli asciutti e offrono un risultato perfetto che dura 24 ore. Le meno esperte in fatto di acconciature preferiscono usare i bigodini flessibili in spugna, venduti con clip integrate e utili per creare movimento su tutta la lunghezza.

Ottima pure la soluzione che include spazzola e bigodini. Si tratta di un kit, in vendita online o nei negozi, che permette, dividendo la chioma in ciocche, di ottenere morbidi ricci.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tutti i tipi di bigodini e come usarli correttamente