Mattino Cinque, perché Federica Panicucci ha osservato un minuto di silenzio

Federica Panicucci osserva un minuto di silenzio per chi ha perso la vita per il Covid nella prima Giornata nazionale in memoria delle vittime di Coronavirus

La puntata del 18 marzo di Mattino Cinque è iniziata con un minuto di silenzio osservato da Federica Panicucci e Francesco Vecchi per commemorare le vittime del Covid.

Infatti, il 18 marzo è stata istituita la Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia di Coronavirus. È stata scelta questa particolare date, perché esattamente un anno fa i camion dell’esercito uscivano dalla città di Bergamo, duramente colpita durante la prima ondata della pandemia, per trasportare centinaia di bare dei defunti in attesa di sepoltura. Immagini drammatiche che sono diventate il simbolo della gravità di questa pandemia.

Sia Mediaset che la Rai hanno modificato i loro palinsesti per dare spazio alla commemorazione di chi ha perso la vita nella lotta contro il Coronavirus. In tutte le trasmissioni viene quindi osservato un minuto di silenzio, motivo per cui anche Mattino Cinque ha aperto con il ricordo delle vittime da Covid.

Federica Panicucci, in studio con un completo chiaro, longuette bianca e camicia in seta, insieme al suo collega Francesco Vecchi ha dedicato uno spazio a inizio di trasmissione alla Giornata in memoria delle vittime, oltre al minuto di silenzio, è andato in onda il video commemorativo di 30 secondi, La memoria non si spegne, realizzato da Madiaset, che è trasmesso in tutti i programmi della giornata.

Tutta la programmazione televisiva subisce dei cambiamenti. A Mediaset si fermano Uomini e Donne e Amici di Maria De Filippi, al loro posto andrà in onda su Canale Cinque Una Vita, la telenovela spagnola. Due le puntate previste, dalle 14.10 alle 16. In seguito ci sarà una striscia quotidiana dedicata all’Isola dei Famosi, seguita da Daydreamer – Le al del sogno, la soap con Can Yaman. Dalle ore 10.45, su Retequattro, andrà in onda Speciale Tg4 – Covid, la giornata delle vittime condotto da Giuseppe Brindisi.

Nella prima Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia di Coronavirus, Mario Draghi è a Bergamo dove alle 11 viene deposta una corona di di fiori al Cimitero monumentale della città. Alle ore 11:15, al Parco Martin Lutero alla Trucca si svolge l’inaugurazione del Bosco della Memoria con la cerimonia per la messa a dimora dei primi 100 alberi.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Mattino Cinque, perché Federica Panicucci ha osservato un minuto di s...