Fedez contro Jacobs: la lite con la società della madre finisce in tribunale

Il campione mondiale di atletica era rappresentato dalla società di Fedez e di sua madre. Dopo che l'ha lasciata è arrivata la querela

Foto di Francesca Secci

Francesca Secci

Giornalista

Sarda, ma anche molto umbra. Giornalista pubblicista, sogno di una vita, da maggio 2023, scrive soprattutto di argomenti che riguardano l’attualità.

Ultimamente ogni volta che viene nominato Fedez c’è di mezzo una questione legale. La Procura di Brescia ha recentemente completato le indagini riguardanti il caso esplosivo tra il rapper Fedez e il velocista olimpico Marcell Jacobs. La vicenda ha preso il via dopo un’intervista bomba rilasciata da Jacobs a La Stampa nel 2023, in cui l’atleta lanciava accuse infuocate contro la società amministrata dalla madre di Fedez, sostenendo che questa avesse gravemente trascurato i suoi interessi professionali.

L’inizio della controversia

Nel 2021, durante le Olimpiadi di Tokyo, Marcell Jacobs ha brillato come mai prima, conquistando la medaglia d’oro nei cento metri piani e nella staffetta 4×100, diventando una vera icona dell’atletica mondiale. In quel momento, la gestione della sua immagine era affidata alla Doom, una società milanese co-fondata da Fedez, specializzata nel campo della consulenza e del marketing per celebrità.

La rottura tra Jacobs e la Doom

Purtroppo, il sogno dorato si è presto trasformato in un incubo. La collaborazione tra Jacobs e la Doom si è incrinata rapidamente, portando a una rottura definitiva. L’atleta, insoddisfatto della gestione, ha rescisso il contratto, una mossa che ha scatenato una reazione furibonda da parte della Doom, culminata, come succede quasi sempre in queste situazioni, in un’azione civile contro di lui.

Le pesanti accuse di Jacobs

Il 18 gennaio 2023, Marcell Jacobs ha scatenato un vero terremoto mediatico con un’intervista a La Stampa. “Nel 2018 mi sono affidato alla società di Fedez, mi aspettavo che stare vicino a lui desse visibilità ma lì non hanno mai sviluppato un progetto”, ha dichiarato senza peli sulla lingua. Ha poi aggiunto che, nonostante la sua straordinaria vittoria a Tokyo, la società si è dimostrata completamente disinteressata, con i responsabili che, a suo dire, erano al mare invece di occuparsi dei suoi successi.

La reazione fulminea della Doom

Le dichiarazioni di Jacobs hanno fatto infuriare la Doom e i suoi rappresentanti. Gli avvocati Gabriele Minniti e Andrea Pietrolucci hanno risposto prontamente, presentando una querela per diffamazione aggravata contro l’atleta. A scendere in campo non solo Annamaria Berrinzaghi, madre di Fedez e amministratrice della società, ma anche lo stesso Fedez, alias Federico Leonardo Lucia, che ha deciso di non restare a guardare.

Le nuove mosse della Procura

Il caso ha visto un nuovo sviluppo con la Procura di Brescia, che, attraverso il sostituto procuratore Giovanni Tedeschi, ha formalmente accusato Marcell Jacobs di diffamazione, depositando l’avviso di conclusione delle indagini. Questo atto segna un passaggio cruciale, perché preannuncia una possibile richiesta di rinvio a giudizio. E mentre Jacobs si prepara per le prossime sfide sportive, il fantasma del tribunale continua a inseguirlo, aggiungendo un ulteriore strato di tensione a questa saga già ricca di colpi di scena.

Un ulteriore giallo riguarda quello del presunto ricovero

I fan del rapper non hanno tardato a manifestare il loro sconcerto online. La temporanea scomparsa di Fedez dai social ha alimentato voci incontrollate su un possibile problema di salute.

Durante la trasmissione Pomeriggio 5, andata in onda venerdì scorso, è stata finalmente fatta chiarezza sulla situazione. L’inviato Michele Dessì, ha confermato che Fedez ha accusato un lieve malessere, ma ha rassicurato che non si tratta di nulla di grave. Dessì ha spiegato che il rapper non è stato ricoverato, ma che sta attraversando un periodo di forte stress, attribuito alla recente separazione da Chiara Ferragni e alle implicazioni dell’indagine sul presunto coinvolgimento nel pestaggio di Iovino.