Caso Montesano, lui non molla: “Ho chiesto all’Anpi di ricevermi”

Enrico Montesano ha dichiarato la sua totale buona fede e, dopo la squalifica da "Ballando con le stelle", si rivolge all'Anpi

Enrico Montesano torna all’attacco. E lo fa scrivendo sui suoi social, dai quali ha richiesto immediata udienza al presidente dell’Associazione Italiana Partigiani per dichiararsi distante dall’etichetta che gli è stata affibbiata a seguito della squalifica dal programma Ballando con le stelle.

Il caso è esploso domenica 13 novembre, dopo il tweet di Selvaggia Lucarelli con il quale si metteva in evidenza la t-shirt indossata da Montesano durante le prove e che inneggiava alla X Mas, formazione militare di stampo fascista e legata al motto dannunziano memento audere semper. Immediati i provvedimenti della Rai, che ha disposto l’espulsione dal programma, nonostante le ripetute scuse da parte del concorrente che, ora, chiede aiuto all’Anpi.

Enrico Montesano lancia un appello all’Anpi

Dopo aver dato mandato ai suoi legali, con l’intento di tutelare la sua persona, Enrico Montesano ha deciso di passare al passo successivo. E di contattare l’Anpi per un confronto diretto con il suo presidente: “Ho chiesto formalmente al Presidente dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, di ricevermi affinché io possa rammentare il mio passato di uomo legato al rigoroso rispetto dei valori della libertà e della democrazia“.

E prosegue: “Voglio, altresì, dimostrare come tale mio atteggiamento sia rimasto saldo e rigoroso nel tempo e che l’episodio in cui sono maldestramente caduto vada imputato ad una leggerezza compiuta in assoluta buona fede. Sono certo che il Presidente dell’ANPI, che so essere persona dotata di equilibrio e di saggezza, vorrà ricevermi quanto prima”.

Un gesto che arriva a poche ore dalla squalifica dell’attore romano dal programma Ballando con le stelle, al quale stava partecipando con la ballerina Alessandra Tripoli. E se, in prima battuta, aveva scelto di definire strumentale la polemica sollevata da Selvaggia Lucarelli, giornalista di Domani e giudice del programma, successivamente aveva optato per le scuse e per difendere la sua buona fede, definendosi addirittura un collezionista di t-shirt.

Il silenzio di Milly Carlucci

Enrico Montesano si è scusato ma si è anche difeso. Ha inoltre affermato che tutti, in Rai, erano a conoscenza dalla maglietta indossata per le prove e che nessuno gli avrebbe segnalato qualcosa in tal senso. Il video è persino andato in onda in prima serata su Rai1, ma solo nella giornata successiva è rimbalzato sui social, innescando la bufera che ne è derivata e la conseguente squalifica.

Un vero peccato per Enrico Montesano, attore dal talento straordinario e recentemente noto per le sue posizioni controverse sulla gestione della pandemia da Covid-19, che si stava dimostrando un ottimo concorrente. Era stato inoltre capace di smorzare le polemiche, senza mai cadere nel tranello dei facili battibecchi, e portando quella parte di sé che era mancata al pubblico televisivo per molto tempo.

Milly Carlucci, conduttrice storica del programma, non è ancora intervenuta in merito alla vicenda, rimettendosi alla decisione della Rai che ha optato per l’espulsione immediata. La presentatrice, che ha fortemente voluto Montesano nel cast (ha dichiarato di averlo corteggiato per anni), ha scelto la strada del silenzio e attendere la diretta di sabato 19 novembre, nella quale – inevitabilmente – sarà chiamata a dare la giusta spiegazione al suo pubblico.

Dell’argomento si è occupata anche Striscia La Notizia, con Pinuccio di “Rai Scoglio 24” che si è chiesto il motivo per il quale nessuno si sia accorto della maglietta indossata da Montesano, nemmeno il Comitato Etico Rai. Gli stessi giurati – e Alberto Matano – non avrebbero fatto caso al capo incriminato, complimentandosi con lui per la bella performance portata in pista.