Eurovision 2022, c’è un forfait: chi non parteciperà e perché

A un mese dalla finale dell'Eurovision Song Contest 2022 arriva un cambio di programma: un Paese non potrà partecipare

Tutto sembrava essere pronto per l’Eurovision Song Contest 2022 che si terrà a Torino nel mese di maggio, ma un imprevisto ha cambiato alcune carte in tavola per un Paese concorrente che non potrà più partecipare alla competizione canora europea: stando a un comunicato ufficiale, per problematiche legate alla sicurezza dello Stato.

Eurovision 2022, chi non parteciperà e perché

La notizia è arrivata da poco e ha cambiato le sorti dell’Eurovision che si terrà dal 10 al 14 maggio presso il palasport di Torino; un imprevisto non da poco per uno dei Paesi partecipanti che dovrà far fronte a un problema non da poco: si tratta di Israele, che a causa di uno sciopero del ministero degli Esteri, al momento si vede costretto a ritirare la propria partecipazione perché questa situazione non garantisce la sicurezza del Paese.

L’annuncio è arrivato dalla pagina ufficiale dell’Eurovision israeliano, gestita dalla Kann, la quale ha scritto: “Al momento, a causa dello sciopero del ministero degli Esteri, che incide sui protocolli di sicurezza, la delegazione israeliana non sarà presente all’Eurovisione di Torino”. Una notizia che ha scombussolato un po’ tutti, non solo i diretti interessati. Israele, infatti, ha fatto il suo debutto all’Eurovision Song Contest nel 1973 e al momento conta 44 partecipazioni e ben 4 vittorie. La prima fu con il brano A-Ba-Ni-Bi di Izhar Cohen & Alphabeta, nel 1979 con Hallelujah di Gali Atari & Milk & Honey, nel 1998 con Diva di Dana International e nel 2018 con Toy di Netta, hit indimenticabile che ha scalato le classifiche. La sua mancata partecipazione, quindi, non passerebbe di certo inosservata.

Eurovision 2022, il grande evento in Italia

Negli ultimi anni, sempre di più, l’Eurovision Song Contest ha conquistato l’interesse del pubblico: dopo la vittoria dei Maneskin lo scorso anno, con il brano Zitti e buoni, questa volta sarà l’Italia il Paese che ospiterà l’evento dal 10 al 14 maggio a Torino.

I vincitori di Sanremo 2022, Mahmood e Blanco, rappresenteranno l’Italia con il loro brano vincitore Brividi, ma non saranno gli unici italiani a salire sul palco dell’Eurovision. Ci sarà anche il tanto amato Achille Lauro, il quale però gareggerà durante la seconda semifinale per conquistare la finalissima per un altro Paese, la Repubblica di San Marino. Qualora dovesse superare la semifinale, quindi, sul palco di Torino si andrebbe a scontrare con i colleghi Mahmood e Blanco, e questa cosa non ha lasciato proprio tutti contenti. Qualcuno, infatti, reputa la sua scelta sbagliata, soprattutto per via della “faida” (più che altro social) che negli anni c’è con San Marino, accusato di non dare mai il massimo dei voti all’Italia durante la serata finale.

Achille Lauro, però, sembra essere decisamente pronto per conquistare il palco dell’Eurovision, e non avendo potuto partecipare di diritto per il suo Paese, ha deciso di trovare un’alternativa comunque valida e che non vada contro il regolamento.

Durante la seconda puntata dedicata alle semifinale, il 12 maggio, Achille Lauro si esibirà per settimo sul palco del PalaOlimpico di Torino; durante la finalissima, invece, Mahmood e Blanco saliranno sul palco per noni. A condurre questo evento musicale molto importante per l’Europa ci saranno Laura Pausini, Alessandro Cattelan e Mika, e tutti da casa potranno godere del commento di Cristiano Malgioglio e Gabriele Corsi dato che l’evento andrà in onda in lingua inglese.