Sesso: i falsi miti degli uomini tra le lenzuola

Sesso: i falsi miti degli uomini tra le lenzuola. Verità o bugie? Ecco alcune delle storie più diffuse che gli uomini raccontano a letto

Esistono i miti nel sesso? Più di quanti ne immaginiamo: tra bugie e mezze verità, nei secoli sono state tramandate molte leggende di quello che accade sotto le lenzuola e nell’intimità, che ancora oggi resistono nel mondo moderno.
E a sorpresa, ma neanche troppo, molti di questi miti del sesso riguardano proprio loro: gli uomini!
C’è chi dice che per dare piacere alla propria partner bisogna essere un superdotato, oppure che un’erezione duratura è in grado di soddisfare una donna per ore, e anche che l’ eiaculazione precoce[/iol_link] sia un disturbo che può turbare molto la propria compagna!
Tra mezze verità e mezze bugie, ecco alcuni dei falsi miti più diffusi e che raccontano gli uomini tra le lenzuola.

Primo mito: se un uomo è molto dotato, la sua partner avrà un orgasmo vaginale.
La verità: solo il 15% delle donne riesce a raggiungere l’orgasmo solo attraverso la penetrazione.
Molte infatti hanno bisogno di essere stimolate e anche di essere stuzzicate attraverso i preliminari per poter raggiungere l’apice del piacere. In genere avviene attraverso la stimolazione del clitoride, la parte più ricca di terminazione nervose nel corpo di una donna, e non con la semplice penetrazione della vagina.

Secondo mito: se l’erezione dura per diverse ore, la partner sarà molto soddisfatta.
La verità: si tratta di uno dei miti del sesso più diffusi, ma la realtà è che a meno che non si stia recitando sul set di un film porno, dopo circa mezz’ora di sesso ininterrotto la donna comincia ad avvertire un lieve fastidio.
E la frizione che all’inizio poteva essere molto piacevole, comincia a diventare molto dolorosa!

Terzo mito: la stimolazione rapida del clitoride provoca subito l’orgasmo alla donna.
La verità: sì e no. Purtroppo la maggior parte degli uomini comincia sempre da qui, ma in realtà le donne hanno bisogno di essere stimolate prima attraverso la mente. Una seduzione intelligente, unita ad un flirt gentile e mai invasivo, possono aiutare ad arrivare all’intimità, ma perché la donna si accenda è necessario non essere avari di baci, carezze e coccole.
Solo dopo circa 20 minuti di preliminari[/iol_link] , la maggior parte delle donne si sente abbastanza pronta per ricevere una stimolazione diretta che la porti all’orgasmo.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Sesso: i falsi miti degli uomini tra le lenzuola