Conosci il preservativo femminile? Ecco cos’è, come si mette e tutti i vantaggi

Il preservativo femminile è un metodo contraccettivo di barriera che permette alle donne di gestire in prima persona e in modo libero la propria sessualità

Foto di Roberto Bernorio

Roberto Bernorio

Ginecologo, Psicoterapeuta e Sessuologo clinico

Medico specializzato in Ostetricia e Ginecologia, Psicoterapeuta e Sessuologo clinico, si dedica in particolare ai disturbi del dolore sessuale femminile e ai problemi di coppia.

Il preservativo femminile è un metodo contraccettivo di barriera che in Italia non è ancora molto conosciuto, motivo per cui alcune donne sono ancora un po’ restie nell’utilizzarlo.

Cerchiamo di scoprire meglio insieme di cosa si tratta, come utilizzarlo e i suoi vantaggi.

Che cos’è il preservativo femminile?

condom

In Italia il preservativo femminile era inizialmente presente solo in poliuretano, ovvero una materia plastica morbida e sottile, più resistente del lattice. Oggi è invece presente un altro tipo in nitrile, un derivato del lattice. Si tratta di una guaina resistente lunga 17 cm, con un anello flessibile su entrambe le estremità, una aperta e l’altra chiusa.

Registrati a DiLei per continuare a leggere questo contenuto
Bastano pochi click (ed è totalmente gratuito)