Come si mette il preservativo in modo corretto

Impara a mettere il preservativo correttamente per praticare sesso sicuro e senza rischi

Il preservativo è l’unico metodo contraccettivo sicuro contro gravidanze indesiderate e malattie sessualmente trasmissibili.

Ecco perché tutte noi dovremmo averne almeno un paio con noi, anche quando non abbiamo in previsione un incontro di natura sessuale. Non farti cogliere impreparata! E anzi, ricorda sempre di considerare l’importanza di fare sesso con il preservativo, a maggior ragione se si tratta di un rapporto occasionale. Partner sessualmente attivi che non si proteggono potrebbero infatti rappresentare un veicolo di infezioni.

Come mettere il preservativo

Saper maneggiare nel modo giusto il preservativo rappresenta un’importante forma di tutela della salute sessuale sia tua che del tuo partner: il profilattico, infatti, è sicuro solo se è conservato, aperto e indossato correttamente.

1. Controlla il preservativo prima di aprirlo

Verifica che la confezione sia in buone condizioni e che il profilattico non sia stato conservato troppo a lungo in tasca, portafogli, borsa o esposto ad altre fonti di calore che potrebbero averlo danneggiato.

Controlla anche la data di scadenza e acquista sempre prodotti affidabili, evitando profilattici low cost.

2. Come aprire il preservativo

Posizionati in un punto che consenta una buona visuale e presta attenzione a non strappare l’involucro con i denti o tagliarlo con strumenti appuntiti, come forbici o coltelli. Anche gioielli e unghie affilate possono danneggiare il profilattico durante l’apertura della confezione, per cui presta attenzione.

3. Come infilare il preservativo

Quando hai il profilattico in mano, non devi far altro che srotolarlo nell’unica direzione in cui risulta possibile farlo.

Eccetto che nei casi in cui il partner sia circonciso, tira indietro il prepuzio andando a scoprire il glande completamente. A questo punto, stringi il serbatoio (ovvero la parte con la protuberanza) tra l’indice ed il pollice, posizionalo sulla punta del pene eretto e con l’altra mano inizia a srotolare il profilattico fino a ricoprire l’intera asta del pene. Durante la procedura, assicurati che non entri aria e che il lattice sia perfettamente aderente.

Se il preservativo non si srotola, molto probabilmente è girato al contrario: in questo caso, è necessario ricominciare con un nuovo preservativo poiché potrebbero essere rimaste sul condom delle tracce di liquido seminale.

Se durante l’amplesso il preservativo si sposta, è sufficiente risistemarlo in modo da riportare l’anello alla base del pene. Qualora invece il profilattico si sfilasse completamente, è necessario utilizzare un nuovo condom.

4. Come togliere il preservativo

Una volta terminato l’amplesso, è necessario che il partner si ritragga mantenendo con la mano il preservativo alla base del pene e sfilando il condom solamente nel momento in cui non vi sia più alcun contatto tra le rispettive parti intime. Il profilattico andrebbe quindi chiuso con un nodo per evitare la fuoriuscita di liquido, avvolto in un fazzoletto e buttato nel cestino.

5. Quando mettere il preservativo

Il profilattico va indossato quando il pene è eretto e prima della sua introduzione in vagina. Per non incorrere nel rischio di gravidanze indesiderate o malattie sessualmente trasmissibili, non bisognerebbe quindi ricorrervi solamente nella fase finale del rapporto, quando potrebbe già essersi verificata una fuoriuscita di liquido seminale.

6. Se il preservativo si rompe

Se il preservativo viene usato e indossato correttamente, non dovrebbe rompersi né strapparsi.

Talvolta, però, può succedere che il preservativo si rompa: in questi casi, prima di tutto è necessario mantenere la calma. In secondo luogo, soprattutto qualora si preferisca non coinvolgere i propri familiari e non si sappia come agire, può essere utile rivolgersi al consultorio della propria zona per ricevere assistenza e informazioni: per prevenire gravidanze indesiderate solitamente la soluzione consigliata è la pillola del giorno dopo (che NON è la pillola abortiva), la quale va assunta entro e non oltre le 72 ore dal rapporto a rischio.

Per prevenire il contagio di malattie sessualmente trasmissibili, invece, è opportuno consultare in tempi brevi il proprio medico di famiglia per eseguire eventuali accertamenti.