Reumatismi: cosa sono, sintomi e come si curano

I reumatismi sono dolori a carico di muscoli, ossa e articolazioni da non sottovalutare, poiché potrebbero essere sintomo di una malattia reumatica

Foto di Tatiana Maselli

Tatiana Maselli

Erborista e Editor specializzata in Salute&Benessere

Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, ambientalista e appassionata di alimentazione sana, cosmesi naturale e oli essenziali, scrive per il web dal 2013.

Cosa sono

Quando pensiamo ai reumatismi immaginiamo si tratti solo di dolori ai muscoli e alle articolazioni, ma in realtà il dolore cronico può essere dato da una malattia reumatica. L’infiammazione acuta di un’articolazione può essere causata da un trauma, come una caduta o un infortunio sportivo, ma in questo caso il dolore si risolve in tempi abbastanza brevi con i dovuti trattamenti. Altre cause di dolore a una a o più articolazioni possono essere conseguenza del logoramento dell’articolazione stessa, data ad esempio dall’età. Se però il dolore persiste da tempo e non sembra avere cause dirette, è possibile che si tratti di un sintomo di una malattia reumatica.

Le malattie reumatiche sono patologie a carattere infiammatorio che possono colpire muscoli, ossa e altri tessuti e interessare svariate parti del corpo con sintomi differenti. Infatti, sebbene le malattie reumatiche possano interessare certamente l’apparato muscolo scheletrico, le manifestazioni si hanno anche a carico di altri organi e tessuti tra cui pelle e tessuto connettivo, polmoni, fegato, cuore.

Esistono oltre un centinaio di malattie che provocano reumatismi. Tali malattie possono colpire soggetti di tutte le età e in genere si tratta di patologie complesse, spesso autoimmuni. Tra queste citiamo:

I sintomi delle malattie reumatiche non si limitano a dolori e reumatismi ma, come anticipato, possono includere una serie di disturbi che variano in base alla patologia.

Sintomi

Trattandosi di patologie infiammatorie, i sintomi più frequenti includono dolore, edema, rigidità articolare. A tali sintomi possono essere associati affaticamento e astenia, febbre, perdita di peso, anemia. Spesso i sintomi delle malattie reumatiche sono caratterizzati da periodi di remissione e periodo di riacutizzazione. Le manifestazioni delle malattie reumatiche possono essere più o meno gravi e intensi e variare a seconda della malattia in questione.

Ad esempio, l’artrite reumatoide è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario attacca i tessuti delle articolazioni. Questa patologia provoca dolore alle mani, alle ginocchia, ai polsi, ma può dare problemi anche a cuore, polmoni, reni, apparato gastrointestinale, sistema nervoso, pelle; la stessa cosa vale per il lupus, altra malattia reumatica autoimmune. Anche la Sindrome di Sjogren è una malattia reumatica di tipo autoimmune e coinvolge articolazioni, pelle, ghiandole salivari e lacrimali, dando secchezza della cute, della bocca, degli occhi. Nella spondilite anchilosante, invece, il dolore interessa in modo particolare la colonna vertebrale, mentre la polimialgia reumatica porta a dolore e rigidità a carico di anche, spalle e collo. Dolori a carico delle articolazioni si presentano in caso di altri tipi di artrite, come l’artrite infettiva che, a differenza dell’artrite reumatoide è provocata da un’infezione batterica o virale, e in caso di artrite reattiva, anch’essa scatenata da infezioni, soprattutto batteriche.

Nel lungo elenco delle artriti idiopatiche rientrano poi una serie di condizioni che oltre a interessare le articolazioni può coinvolgere la pelle, come nel caso dell’artrite psoriasica. Anche la sclerodermia si manifesta soprattutto a carico della pelle, oltre che del tessuto connettivo. Questo perché la patologia porta a un’eccessiva produzione di collagene che può accumularsi a livello della pelle, delle articolazioni e anche degli organi. La gotta, invece, si ha quando l’acido urico si accumula nell’organismo causando cristalli a livello delle articolazioni e della pelle. La vasculite, infine, è una condizione in cui si ha infiammazione delle pareti dei vasi sanguigni che porta a dolori articolari e muscolari conseguente a una ridotto afflusso sanguigno verso le articolazioni.

Le malattie reumatiche sono dunque patologie complesse, caratterizzate da sintomi più o meno specifici e più o meno gravi a seconda della malattia.

Cause

Cosa scateni la comparsa dei reumatismi non è ancora del tutto chiaro, ma è possibile che esistano fattori di rischio e che tali malattie si manifestino a causa di fattori genetici, ambientali e in particolari condizioni. Alcune malattie reumatiche come il lupus e la sindrome di Sjogren sembrano ad esempio più comuni nelle donne, mentre altre sembrano colpire maggiormente le persone di sesso maschile. L’esposizione ad alcuni virus o batteri può scatenare lo sviluppo di determinate malattie reumatiche, mentre altre patologie reumatiche sono invece facilitate da sovrappeso e obesità, disfunzioni della tiroide, malattie renali, diabete, pressione alta. Come abbiamo visto, le malattie reumatiche sono molte e possono colpire a qualunque età, dando sintomi diversi non solo a carico delle articolazioni. Ecco perché se si soffre spesso di reumatismi non bisognerebbe sottovalutare il disturbo e rivolgersi invece al proprio medico per indagare sull’origine del dolore.

Come si curano

Quando si soffre di reumatismi, quindi di infiammazioni e dolori apparentemente inspiegabili a carico delle articolazioni, è importante rivolgersi tempestivamente al medico, meglio se specializzato in reumatologia. Il trattamento precoce è molto importante per prevenire danni a carico delle articolazioni o complicazioni gravi, pertanto è bene non sottovalutare mai questo tipo di dolori. Il reumatologo, una volta valutata la situazione attraverso gli esami più appropriati, prescriverà le opportune terapie e consiglierà correzioni dello stile di vita volte a migliorare i sintomi come una sana alimentazione, esercizio fisico regolare, astensione dal fumo di sigaretta e dal consumo di bevande alcoliche, gestione dello stress, allo scopo di ridurre lo stato infiammatorio dell’organismo. Il medico può anche suggerire rimedi naturali antinfiammatori da associare alle terapie farmacologiche come gli integratori a base di spirea, salice, artiglio del diavolo, zenzero, curcuma, omega 3. I rimedi naturali contro i reumatismi non vanno però intesi come alternativi alle terapie farmacologiche e se si sospetta di soffrire di una malattia reumatica non è assolutamente consigliato affidarsi al fai da te.