La prevenzione cardiologica: come prevenire l’infarto cardiaco

Come prevenire l’infarto cardiaco? La dieta e lo stile di vita giocano un ruolo molto importante infatti, non è soltanto la genetica a determinare il nostro rischio cardiologico

Foto di Federico Beretta

Federico Beretta

Medico chirurgo

Medico Chirurgo abilitato, da anni collabora con diversi magazine online e si occupa di divulgazione medico/scientifica.

Le malattie cardiovascolari rappresentano la principale causa di morte nei paesi occidentali. L’infarto del miocardio, una delle forme più gravi di cardiopatia ischemica, colpisce spesso individui nel pieno dell’efficienza fisica e lavorativa. Sebbene l’incidenza delle malattie aterosclerotiche e la mortalità per cause cardiovascolari siano in riduzione, queste patologie rimangono una minaccia significativa per la salute pubblica. La prevenzione, basata su uno stile di vita sano, è fondamentale per ridurre il rischio di infarto cardiaco.

Fattori di rischio cardiovascolare

I fattori di rischio cardiovascolare si dividono in due categorie: non modificabili e modificabili. Tra i primi, troviamo:

  • età: il rischio di malattie cardiovascolari aumenta con l’età.
  • familiarità: avere parenti con malattie cardiache aumenta il rischio personale.
  • sesso: gli uomini sono generalmente più a rischio delle donne, anche se dopo la menopausa il rischio per le donne aumenta significativamente.

I fattori modificabili sono quelli su cui possiamo intervenire con cambiamenti nello stile di vita. Questi includono:

  • fumo: il fumo di sigaretta è uno dei principali fattori di rischio per le malattie cardiovascolari.
  • ipertensione arteriosa: la pressione alta danneggia i vasi sanguigni e il cuore.
  • diabete: il diabete può danneggiare i vasi sanguigni e aumentare il rischio di malattie cardiache.
  • dislipidemia: livelli elevati di colesterolo LDL (cattivo) e bassi livelli di colesterolo HDL (buono) sono associati a un maggior rischio cardiovascolare.
  • sovrappeso e obesità: l’eccesso di peso aumenta lo stress sul cuore.
  • sedentarietà: la mancanza di attività fisica contribuisce a diversi fattori di rischio.

Linee guida per la prevenzione cardiovascolare

Le linee guida sulla prevenzione cardiovascolare enfatizzano l’importanza di un approccio aggressivo nella gestione dei fattori di rischio. Questo approccio deve essere applicato a tutte le fasce di età e livelli di rischio.

SCORE del rischio

Il calcolo del rischio cardiovascolare individuale può essere effettuato utilizzando gli SCORE del rischio, che considerano variabili come sesso, età, abitudine al fumo, pressione sanguigna e livelli di colesterolo. Questo strumento aiuta i medici a stabilire una terapia mirata per ridurre il rischio di eventi cardiovascolari.

Prevenzione per tutti

La prevenzione non riguarda solo i pazienti già affetti da malattie cardiache, ma anche coloro che non presentano sintomi. È essenziale promuovere buone abitudini alimentari, un’adeguata attività fisica, una buona igiene del sonno e la riduzione dello stress.

Coinvolgimento delle autorità sanitarie

Le linee guida raccomandano anche misure che coinvolgano le autorità sanitarie per facilitare l’accesso alla prevenzione cardiovascolare attraverso piani sanitari mirati.

Differenze di genere nella salute cardiovascolare

Le donne, in particolare, devono essere consapevoli dei loro rischi specifici. La menopausa rappresenta un punto di svolta, con cambiamenti ormonali che aumentano il rischio di malattie cardiache. Le donne sopra i 45 anni spesso soffrono di ipertensione arteriosa e livelli elevati di colesterolo.

Il cuore femminile è particolarmente suscettibile alla sindrome di Tako Tsubo, una condizione in cui una scarica di adrenalina causa una deformazione temporanea del cuore. Questo fenomeno, noto anche come “sindrome del cuore spezzato”, è più comune nelle donne.

Dieta e salute del cuore

La dieta mediterranea è ampiamente riconosciuta per i suoi benefici sulla salute cardiaca. Uno studio del 2013 pubblicato sul New England Journal of Medicine ha dimostrato che seguire una dieta mediterranea riduce significativamente l’incidenza di eventi cardiovascolari. Questa dieta include:

Uno studio pubblicato su Circulation ha evidenziato che gli uomini che saltano la colazione hanno un rischio maggiore di infarto e malattie coronariche. La colazione aiuta a mantenere stabili i livelli di energia e a prevenire l’eccesso di cibo durante il giorno. Il ruolo preciso della colazione sulla salute generale risulta però tuttora controverso.

Attività fisica regolare

L‘attività fisica regolare, soprattutto di tipo aerobico, è cruciale per la prevenzione delle malattie cardiovascolari. Per gli anziani, si consiglia una camminata veloce di 45 minuti, tre volte alla settimana. I più giovani possono praticare attività più intense come nuoto, corsa o ginnastica.

L’esercizio fisico contribuisce a:

  • ridurre la frequenza cardiaca a riposo
  • aumentare la gittata cardiaca
  • migliorare la forza di contrazione del cuore
  • ridurre la pressione arteriosa
  • abbassare i livelli di grassi nel sangue
  • mantenere il peso corporeo sotto controllo

Prima di iniziare un programma di attività fisica, è consigliabile sottoporsi a una visita medica per controllare i valori di pressione, glicemia, colesterolo e trigliceridi. Un elettrocardiogramma può essere utile per valutare la salute cardiaca, soprattutto per chi ha superato i 40 anni.

Gestione dello stress e qualità del sonno

Lo stress cronico ha un impatto negativo sulla salute cardiaca, aumentando la pressione arteriosa e destabilizzando le placche aterosclerotiche. Ridurre lo stress attraverso tecniche di rilassamento, consulenze psicologiche e modifiche dello stile di vita può aiutare a proteggere il cuore.

Un sonno di qualità è essenziale per la salute cardiovascolare. Dormire meno di sei ore per notte aumenta il rischio di malattie cardiache. Le apnee notturne, che interrompono la respirazione durante il sonno, devono essere trattate per prevenire complicazioni cardiovascolari.

La prevenzione dell’infarto cardiaco richiede un approccio multidisciplinare e personalizzato, che consideri i fattori di rischio individuali e promuova uno stile di vita sano. Cambiare le abitudini alimentari, praticare regolarmente attività fisica, gestire lo stress e garantire un buon sonno sono tutti passi fondamentali per proteggere il cuore e ridurre il rischio di eventi cardiovascolari. Con una consapevolezza maggiore e interventi tempestivi, è possibile migliorare significativamente la salute cardiaca e la qualità della vita.

Fonti