Perché la causa LGBT+ non dovrebbe essere utilizzata solo per fare marketing

Farsi portavoci dei diritti LGBT+ solo per essere percepiti come progressisti, moderni e tolleranti, non è la strada giusta. Vi spieghiamo perché

Non si contano sulle dita di dieci mani le aziende, le imprese e gli influencer che, in ogni occasione, utilizzano i colori arcobaleno, e li indossano pure, per rivendicare i diritti della comunità LGBT+, per farsene portavoci e per attirare l'attenzione e i consensi dei giovani e dei liberali. Ma questo è davvero un bene?

Registrati a DiLei per continuare a leggere questo contenuto

Bastano pochi click (ed è totalmente gratuito)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Perché la causa LGBT+ non dovrebbe essere utilizzata solo per fare ma...