10 bugie che ti hanno raccontato sulla gravidanza

Sei incinta e tutte le donne a te vicine che hanno già avuto figli ti vogliono dire la loro: ma alcune volte non devi prendere per oro colato quello che ti dicono

Quando una donna scopre di essere incinta, oltre alla felicità, viene sommersa da tantissime informazioni riguardo all’avventura che si appresta a vivere. Amiche, parenti, ma anche persone che si conoscono appena, iniziano a dare consigli (spesso non richiesti) e dire la loro riguardo la gravidanza, anche in base alle esperienze personali. Proprio per questo motivo bisogna saper distinguere bene quelle che sono verità (anche se mai assolute, visto che tutto dipende dall’esperienza personale) e le bugie, ossia i luoghi comuni o le informazioni che derivano solo da qualche brutta esperienza del singolo.

1. Non dormirai mai più

Tutto dipende dal neonato e ogni quanto si sveglierà di notte. Nonostante ciò la mamma riuscirà a dormire, anche se non quanto vorrà. Con il tempo, comunque sia, tutte si abituano a questa situazione e imparano a gestire al meglio anche le ore di sonno.

2. Potrai riposarti quando il bambino dorme

Dopo una notte movimentata tutte le mamme sognano di poter dormire e riposarsi un po’ mentre il piccolo è nella culla e dorme. In realtà però la verità è un’altra e di tempo per dormire ce ne sarà poco durante il giorno, visto che ci saranno da sbrigare altre faccende, come lavare i piatti, stirare, sistemare casa, cucinare o fare la spesa. Per questo motivo se puoi permettertelo ti consigliamo di trovare una persona a pagamento che ti aiuterà nelle faccende domestiche. Chiedi aiuto anche a mamma, suocera e sorelle, che potranno per esempio prepararti del cibo da surgelare e tenere pronto nel freezer.

3. Avrai bisogno di tot cose

Quando si rimane incinta c’è sempre qualcuno pronto a dispensare consigli e ad affermare che non si potrà fare a meno di qualcosa. In realtà ogni mamma vive a modo suo l’esperienza della gravidanza. C’è chi ha un bisogno indispensabile della seggiolina a dondolo e chi non vive senza lo scaldalatte, chi ha un estrema necessita del tiralatte e chi della musica per far addormentare il bambino.

4. Il parto sarà terribile

Saremo delle bugiarde noi a raccontarvi che il parto è una passeggiata. Ma ricordatevi una cosa: se la vostra amica, vostra sorella o la vostra collega ha avuto un parto difficile, non è detto che debba capitare a voi. Alcune donne hanno un travaglio molto lungo, altre riescono a partorire senza punti, altre ancora vivono una brutta esperienza con cesareo, altre lo benedicono… insomma, tutto è soggettivo. Ricordatevi poi che l’euforia e la gioia per la nascita del bambino attenueranno il ricordo dei dolori. Il pensiero potrà riemergere nuovamente se andrete incontro a una seconda gravidanza. La buona notizia è che in genere il travaglio della seconda gravidanza è più breve: il tuo corpo sa già cosa sta accadendo e di conseguenza cosa deve fare.

5. Devi mangiare per due

Uno fra i luoghi comuni della gravidanza è quello secondo cui una donna incinta dovrebbe mangiare per due. In realtà durante questo periodo la mamma dovrebbe seguire una dieta equilibrata, senza esagerare o ingrassare troppo. A meno che la gravidanza non sia a rischio deve continuare a fare sport e attività fisica adatta alla sua condizione.

6. Dopo aver partorito i chili se ne andranno

In realtà tutto dipende dalla mamma, da quanti chili ha messo su in gravidanza, ma soprattutto da come affronterà il periodo post parto. Se non ci si muove e non si mangia in modo sano infatti i chili rimarranno. Il realtà potrebbe verificarsi anche il caso contrario, ovvero che a causa di un deperimento fisico legato alla stanchezza e allo stress, potresti tornare più magra di prima. Anche troppo. Insomma, se ti stai chiedendo se rientrerai nei tuoi vecchi vestiti la risposta è: dipenderà da te.

7. Dopo il primo trimestre la nausea scomparirà

Anche qui la situazione varia da caso a caso. C’è chi soffre di una nausea leggera solo nel primo trimestre e chi sta malissimo per tutta la gravidanza. In caso, consolati: studi recenti sostengono che dalle mamme che soffrono di nausea nascono figli più intelligenti.

8. L’allattamento al seno è una cosa naturale

Verissimo, e il latte della mamma è il migliore alimento per il bambino. Ma a volte, specialmente all’inizio, l’allattamento può essere doloroso e difficile. Per questo vi consigliamo di non farvi scoraggiare dalle prime difficoltà e fare affidamento alla rete dei consultori presenti su tutto il territorio italiano: chiedete il supporto di un’esperta dell’allattamento.

9. Non potrai più vivere la tua vita

Sì, in parte è vero. Vivrai una vita diversa ma questo non significherà che non uscirai più di casa. Basta organizzarsi: con una borsa contenete l’indispensabile (pannolini, salviettine umidificate, telo per il cambio, vestitini e body, ciuccio, giochini e biberon più latte artificiale se non lo allatterai tu) sarai pronta per uscire con il tuo piccolo. Chi l’ha detto che non potrai più viaggiare? Dopo il primo mese non ci sono controindicazioni nel prendere l’aereo e viaggiare con un neonato può risultare più semplice che partire con un bimbo di 2 anni! Se ci sono zie o nonni ai quali lasciarlo per una notte o due, potrai concederti di tanto in tanto anche un week end romantico. E non dimenticarti che i bambini crescono, anche troppo in fretta.

10. Diventerai depressa, almeno all’inizio

Tutto dipende anche qui dalle persone e dal modo in cui affrontano la gravidanza. Sappiate che è piuttosto frequente provare una sorta di tristezza post parto (baby blues). Si manifesta qualche giorno dopo la nascita del bambino, ed è caratterizzata da ansia, tristezza, pianto. Si tratta di un problema momentaneo che colpisce moltissime mamme. La depressione post parto invece è un disturbo serio che va curato, che si manifesta generalmente tra il terzo mese e il primo anno del bambino. L’importante è che tu sappia che nel caso dovesse accadere a te, potrai e anzi dovrai chiedere aiuto.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

10 bugie che ti hanno raccontato sulla gravidanza