A sei mesi il colore dei suoi occhi è definitivo?

Anche se non si rivela subito alla nascita, il colore degli occhi è in realtà già deciso e scritto nei geni trasmessi al bambino dai genitori al momento del concepimento.

Alla nascita, i neonati hanno quasi sempre gli occhi di un colore indefinibile, che tende al grigio-azzurro o al bluastro, e che solo raramente è quello che conserveranno.
L’occhio infatti ha come colore base tutte le gradazioni dell’azzurro ma il suo colore, con la crescita, dipenderà dalla quantità di melanina (cioè di un pigmento colorante che alla nascita non è presente) presente nell’iride, la porzione colorata dell’occhio con la pupilla al centro.

Nell’iride esistono due diversi tipi di pigmento colorante:

– quello profondo: si caratterizza per una scarsa quantità di melanina, e dà un colore azzurro;

– quello superficiale: la melanina è più concentrata e determina i colori più scuri come il marrone, il verde o il grigio.

Nella razza bianca, man mano che il bambino cresce, le cellule con pigmento colorato aumentano di numero e si distribuiscono su tutta la superficie dell’iride.
A questo punto, il pigmento castano comincia a dominare con un processo graduale che impiega diversi mesi ed è geneticamente controllato.
Il cambiamento diviene solitamente evidente intorno al sesto/settimo mese di vita e tendenzialmente diventerà definitivo attorno ai due anni.
Un simile processo non è descrivibile nei bambini di carnagione scura. Ad esempio, i bambini delle popolazioni ispaniche, asiatiche o afro-americane nascono genericamente con occhi scuri e non cambiano il colore dei loro occhi nel tempo.

Una forte concentrazione di melanina è quindi responsabile degli occhi scuri mentre la scarsità di questa sostanza è alla base di tutti i colori molto chiari.

Per quanto riguarda le probabilità rispetto al colore, è stata superata la vecchia teoria basata sulle leggi della genetica di Mendel, secondo cui il castano era ritenuto dominante rispetto all’azzurro.
L’ipotesi più accreditata è quella secondo cui se un genitore ha gli occhi chiari e l’altro scuri, il figlio ha le stesse probabilità di ereditare l’una o l’altra caratteristica.

Fonte:

Lascia un commento

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

A sei mesi il colore dei suoi occhi è definitivo?