Come Yoko e John: l’amore che divise i Beatles e che non si può dimenticare

Un legame assoluto e magico che travolge tutti i canoni e gli stereotipi delle relazioni tra uomo e donna

Arte, pacifismo, provocazioni e divisioni: quello tra Yoko Ono e John Lennon è un amore assoluto e indimenticabile che cambiò per sempre le loro vite e la storia della musica. Un sodalizio umano e artistico, a tratti controverso, che ha sconvolto e capovolto tutti i canoni delle tradizionali relazioni tra uomini e donne e che si perpetua nella storia come una favola d’amore fuori dall’ordinario e che nessuno può dimenticare.

La loro storia d’amore, che merita un posto d’onore tra quella delle favole, si lega indissolubilmente a quella della musica. Tutti, giovani e adulti, la conoscono e la ricordano perché il legame assoluto e quasi magico tra il musicista dei Beatles e l’enigmatica artista giapponese ancora oggi è suggellato da un patto occulto di cui non si conoscono gli accordi.

Il primo incontro

Galeotta fu una galleria d’arte di Londra, in quel luogo Yoko e John si incontrarono nel 1966. Lui, il frontman di una delle band più celebri al mondo, lei un’artista sperimentale che si era da poco avvicinata al movimento Fluxus; a quei tempi nessuno dei due sapeva che da lì a poco, le loro vite si sarebbero intrecciate per non separarsi più. Solo due anni dopo il primo incontro, infatti, i due iniziarono a frequentarsi, non prima di essersi lasciati il passato alle spalle. Entrambi erano sposati e Yoko aveva anche una figlia nata dalla sua precedente relazione.

Yoko Ono e John

Yoko Ono e John Lennon – Fonte Ansa

Il sodalizio totale

Il 1968 fu l’anno di quel sodalizio umano, artistico e spirituale che li tenne legati per tutta la vita. La loro vita insieme iniziò proprio con una scelta artistica condivisa, John e Yoko registrano un album insieme e annunciano la nascita di un figlio che poi lei perderà a gravidanza avanzata.

Yoko e John, una cosa sola

L’unione tra i due artisti è più forte che mai al punto tale che entrambi sembrano rinunciare alla loro individualità per diventare una cosa sola. A dimostrazione di questo, dopo il matrimonio con Yoko, John cambia legalmente il suo nome in John Winston Ono Lennon. Poi, quella notizia che sconvolge l’opinione pubblica e che nessuno si aspetta: i Beatles si sciolgono e per i fan è una tragedia. Ecco allora che la responsabilità ricade sulla “strega giapponese”, come qualcuno definiva Yoko Ono. Eppure John, da quell’addio, rinasce e si dedica sempre di più alla sua compagna di vita, al loro progetti condivisi e all’arte.

L’inizio di una nuova era

La fine dei Beatles coincide con un nuovo inizio per la coppia. Sempre insieme, Yoko e John affrontano la vita, prima con l’impegno pacifista e la protesta contro la guerra concretizzata in fotografie e giorni passati a letto sotto gli occhi dei fotografi, poi gli album musicali, la nascita del figlio Sean e poi una separazione, durata quasi due anni, che però li ha visti unirsi di nuovo, più forti di prima.

Yoko Ono e John Lennon

Yoko Ono e John Lennon – Fonte IPA

“Tu, mi hai insegnato tutto”

Yoko è una donna forte, tenace, è lei che gestisce l’emotività del marito e tiene botta, al punto tale da non soffrire per quella relazione clandestina avuta da John durante i loro mesi di separazione. John arriverà a dire “Il nostro rapporto è davvero di professore e allievo. Sono io che ho la notorietà, ma è lei che mi ha insegnato tutto”, una dichiarazione tanto emblematica quanto esplicativa del rapporto tra i due.

Nel novembre del 1980 è pronto Double Fantasy, il ritratto del loro amore trasformato in musica, ma solo un mese dopo, l’8 dicembre, il cantane muore assassinato da Mark David Chapman. Cinque colpi di pistola mettono fine alla vita di Lennon, spezzando il cuore di Yoko, e trasformando tutto ciò che è stato in una leggenda.

Yoko Ono e John Lennon

Yoko Ono e John Lennon – Fonte Ansa

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come Yoko e John: l’amore che divise i Beatles e che non si può...