Come togliere le macchie di acido dal pavimento

Dai metodi casalinghi a quelli per esperti, vediamo come smacchiare il pavimento in caso di prodotti acidi e corrosivi che minacciano la brillantezza

Il pavimento di casa e la sua pulizia possono diventare un rompicapo, se ci sono macchie difficili da togliere, e i prodotti tradizionali non ci aiutano. C’è però, sempre, un rimedio a tutto, anche all’imprevisto più temibile, come le macchie di acido. Qualunque sia la loro causa, ci sono dei rimedi efficaci, casalinghi e non, in grado di far tornare il vostro pavimento a risplendere, con un po’ di olio di gomito. Ovviamente la soluzione può variare a seconda del materiale, ma non vi preoccupate, questa guida vi spiega tutto nel dettaglio.

Come si formano le macchie di acido: operazioni preliminari

Ci sono molti prodotti presenti nelle nostre case che possono creare macchie di acido sul nostro pavimento: dallo smalto ad alcuni tipi di colla, passando per detergenti per il corpo, aceto, succo di limone e anticalcare. Infatti, a seconda del materiale che la costituisce, la pavimentazione di casa può subire danni, che però spesso non sono irreversibili.

Ovviamente il marmo, il parquet e il linoleum sono quelli più soggetti a rischi, rispetto alle mattonelle tradizionali, che non sono comunque esenti da macchie pericolose. La ceramica è il materiale più facile da pulire, quindi qualsiasi metodo andrà bene.

Ricordatevi che per prima cosa bisogna agire immediatamente in caso di acido, onde evitare che questo corroda irrimediabilmente alcuni materiali. Per seconda cosa, qualsiasi prodotto stiate usando, fate ventilare la stanza, specie se ricorrete a smacchianti industriali. Terzo, utilizzate occhiali e abiti da lavoro, oltre a un paio di guanti per proteggere adeguatamente le mani.

Questo tipo di macchie non va via con i prodotti tradizionali, per questo vi spieghiamo vari trucchi facili e per tutti.

Togliere le macchie di acido dal pavimento con il bicarbonato

Come sappiamo, il bicarbonato di sodio è uno dei migliori alleati nelle pulizie di casa, ed è molto versatile. Per questo è il primo metodo che vi consigliamo per smacchiare il pavimento: versatelo sulla macchia di acido, lasciate agire per mezz’ora, poi lavate la zona con sapone di Marsiglia e acqua calda, usando una spugna. Questa operazione vi consentirà non solo di eliminare l’acido, ma anche di lucidare al meglio il pavimento. L’abbinamento bicarbonato e sapone di Marsiglia è il metodo più indicato per il marmo.

L’uso del limone sul gres porcellanato

Come vedremo più avanti, per pulire il gres porcellanato (anche quello effetto legno) è meglio usare degli sgrassatori appositi per superfici grasse. Ma prima di ricorrere ai metodi industriali, il consiglio è di provare un alleato casalingo: il limone. Il suo succo, come l’aceto, vanta proprietà sgrassanti e brillantanti in grado, dunque, di rimuovere gli aloni e rendere le superfici brillanti. E pensare che lo stesso limone, su altri materiali come il marmo, diventa invece corrosivo, motivo per il quale non lo consigliamo per tutti i pavimenti.

Perché usare la soda caustica

Nel caso in cui la macchia di acido sia poco profonda si può usare la soda caustica. Spargetela sul pavimento, lasciatela agire per mezz’ora, infine sciacquate con acqua calda. Per ottenere dei risultati migliori si consiglia di ripetere l’operazione più volte sino a quando la chiazza non sarà completamente scomparsa.

Rimedi naturali quando la macchia persiste

Se rimane un alone, asciugate il pavimento dall’operazione precedente, e passate sulla macchia dell’olio di oliva. Se invece la macchia persiste (in particolare sul cotto, marmo o il gres) non temete: scegliete l’olio di lino cotto. Dovete versarne qualche goccia su un panno e strofinare sulla macchia. Poi coprite il tutto con un foglio di giornale e lasciate agire per tutta la notte. Il mattino seguente lavate il pavimento con acqua e detersivo dei piatti.

Ricordate, per il marmo è sempre meglio usare una lucidatrice per il risultato migliore, altrimenti anche a questo ingombrante e costoso attrezzo c’è una alternativa casalinga: lavate con cura il pavimento con acqua tiepida e un panno di cotone e, una volta asciugato, passateci un panno di lana per farlo brillare.

Detergenti industriali: quali acquistare

Nei negozi di bricolage e in ferramenta sono disponibili diversi prodotti utili per eliminare le macchie di acido, come ad esempio dei detergenti speciali appositi. Funzionano anche su macchie presenti ormai da tempo, e ce ne sono di specifici a seconda della pavimentazione che dovete andare a ripulire. Non acquistate, dunque, prodotti generici, ma idonei al legno, al marmo, alla ceramica e così via.

In cucina, dove spesso troviamo il gres porcellanato, dobbiamo ricorrere a prodotti sgrassanti leggermente alcalini, da diluire in abbondante acqua prima di lavare il pavimento. Inutile usare detergenti aggressivi, la micro-porosità del gres è quella che trattiene lo sporco e le macchie, e va semplicemente pulito a fondo. Quando si tratta di gres lucido potete anche lavare con acqua e ammoniaca, o un prodotto a base di essa, e asciugare con un panno in microfibra.

Lucidare il pavimento dopo la pulizia

Tra i prodotti per lucidare dopo queste operazioni vi consigliamo la cera di carnauba, indicata soprattutto per il legno, da spalmare in piccole quantità su un panno morbido (magari di flanella). Invece, per il cotto, scegliete la cera d’api liquida: aggiungetene tre cucchiai a una miscela di acqua calda, aceto e alcol.

Infine, per lucidare il pavimento potete usare una miscela realizzata con 2 cucchiai di aceto bianco, 2 cucchiai di alcol, qualche goccia di detersivo per piatti e acqua. Aiutatevi con uno straccio per passare la soluzione, insistendo sulla zona interessata. Terminate asciugando con straccio asciutto oppure carta assorbente.

Cera liquida colorata: a cosa serve

Se la macchia è scesa troppo in profondità, corrodendo il pavimento, ci resta ben poco da fare. Un metodo ingegnoso, e non estremo come una sostituzione di una mattonella o di un listello di parquet, è l’utilizzo della cera liquida, presente in varie tonalità, che ottura e colora il punto danneggiato. Se non siete pratici è meglio ricorrere all’uso di una lucidatrice idonea al tipo di pavimento.

Se non volete rischiare e siete inesperti, e nessuno dei metodi precedenti è stato efficacie (ma è davvero una probabilità molto bassa), ricorrete ad una ditta specializzata, per evitare di peggiorare la situazione del vostro pavimento.