Tutti i trucchi per far sembrare più grande un soggiorno piccolo

Il vostro salotto ha dimensioni limitate? Niente paura: con questi piccoli segreti (e con questi complementi) lo ingrandirete otticamente

Spesso, soprattutto nelle case di recente costruzione, ci si trova a fare i conti con stanze dalle dimensioni limitate. E decorarle diventa una sfida. Ci sono però piccoli trucchi che – quelle stanze – possono farle sembrare più grandi, con risultati straordinari e con un senso di stupore per chiunque varchi la loro soglia. Chi li insegna, questi trucchi? Ovviamente, gli interior designer.

Punto focale della casa, e cuore di ogni abitazione, è il soggiorno. Nelle case piccole, come i bilocali o i trilocali di ridotta metratura, ecco che il soggiorno è chiamato a svolgere più funzioni, richiedendo così una progettazione – e un arredo – intelligenti. Whitney Leigh Morris, decoratrice d’interni e autrice del libro “Small Space Style: Because You Don’t Need to Live Large to Live Beautifully“, insegna a fare di una piccola area living un microcosmo di bellezza e funzionalità, utilizzando la giusta dose di creatività. Ecco dunque tutti i complementi da acquistare, per sfruttare al meglio il suo spazio.

Una panca porta-riviste. Non è necessario scegliere tra una seduta in più per gli ospiti, e un mobiletto in cui stipare libri e riviste: si può acquistare invece un complemento che svolga entrambe le funzioni, una panchetta dalla seduta imbottita con – nella parte inferiore – vani pensati proprio per raccogliere i propri tesori cartacei.

Il divano contenitore. Di un soggiorno, l’elemento d’arredo più significativo è il divano. Se però il salotto è di piccole dimensioni, è necessario scegliere un modello intelligente che sfrutti al massimo lo spazio. L’ideale? Un sofà con contenitore, in cui stipare coperte e oggetti. E che – da lineare – si trasformi in una penisola con chaise-longue.

divano contenitore

Divano contenitore Serata di Conforama (euro 699.99). Fonte: http://www.conforama.it

Le superfici da sfruttare. In un soggiorno piccolo, ogni elemento può diventare una superficie da sfruttare. Ad esempio, se si è scelto di arredare il proprio soggiorno in stile rustico o country-chic, si può scegliere una cassapanca in vimini da utilizzare sia come contenitore che come piano d’appoggio.

Il tavolino con vano “segreto”. La principale esigenza, quando lo spazio a disposizione è poco, è quello di individuare tanti piccoli vani in cui stipare libri, riviste e oggetti utili. Per questo scopo, può essere molto funzionale un tavolino con contenitore nascosto: ce ne sono di moltissimi modelli, in commercio, da quelli più minimal a quelli più barocchi. Così, è possibile inserirli davvero in ogni stile d’arredo.

tavolino contenitore

Tavolino contenitore Honey di FLAI (euro 515). Fonte: http://www.abitarearreda.it

Al di là dei complementi indispensabili per sfruttare al massimo lo spazio di un soggiorno ridotto, esistono piccoli trucchi che si possono messere in pratica per ingrandire otticamente lo spazio. Innanzitutto, i colori: se la superficie è limitata, meglio optare per colori chiari sia per le pareti che per gli arredi. Qualche esempio? Mura e soffitto d’un bianco splendente, divani e poltrone grigio chiaro e – per amplificare ancor più la luce – tavolini e punti luce metallici.

Anche lo stile d’arredo, è importante: se non si ha a disposizione molto spazio, meglio scegliere elementi dal design minimal che non tolgano aria all’ambiente. Il divano, ad esempio, è meglio che sia lineare piuttosto che angolare (a meno che non si decida di addossarlo alla parete), e alle poltrone è preferibile una seduta snella e di design come la DSW di Vitra, che occupa meno spazio e che non “ferma” la luce. Si possono poi acquistare piccoli complementi in plexiglass, che sono funzionali e che sembrano quasi non occupare spazio. Qualche esempio? La sedia Ghost di Kartell, ma ci sono – in commercio – anche molti tavolini in resina acrilica trasparente.

Un’altra soluzione intelligente, se il soggiorno forma un unico open space con la sala da pranzo, è quella di posizionare una consolle alle spalle del sofà, poggiandola contro il suo schienale. Il suo piano può essere utilizzato per accogliere una lampada (senza che sia necessario impiegare una lampada da terra, per illuminare d’atmosfera la stanza), un vaso di fiori, delle candele. Mentre, al di sotto, si possono posizionare degli sgabelli da estrarre poi all’occorrenza.

Un altro accorgimento è quello di sfruttare il più possibile l’altezza della stanza: basta utilizzare armadi a muro, oppure realizzare librerie terra-cielo in cartongesso. O, se piace lo stile industrial, acquistare uno scaffale in legno grezzo e ferro che faccia insieme da libreria e da mobile-contenitore. Se poi si vuole ingrandire otticamente l’ambiente, è consigliabile lasciare il pavimento libero di correre sino agli angoli. Come? Fissando alla parete gli elementi d’arredo che si prestano ad una funzione di questo tipo: si possono appendere televisore e impianto Hi-Fi, si possono scegliere vani contenitore – magari colorati – da utilizzare al posto di una classica libreria. Perché basta un po’ di fantasia, in fondo, per fare di un piccolo salotto un salotto straordinario.

soggiorno bianco

Fonte: iStock 

Tutti i trucchi per far sembrare più grande un soggiorno piccolo