Dieta dell’uovo, pochi carboidrati e tante proteine

Questo schema alimentare, basato sul consumo di proteine magre, ha una durata di 14 giorni

La dieta dell’uovo è un regime alimentare che privilegia l’assunzione di proteine magre, mettendo nel contempo in secondo piano l’apporto di carboidrati. Caratterizzata da una durata di 14 giorni, non prevede snack o spuntini: gli unici pasti ammessi nel corso della giornata sono la colazione, il pranzo e la cena.

Cosa prevede? Innanzitutto il fatto di iniziare la giornata con un pasto caratterizzato dall’assunzione di uova. Per quanto riguarda gli altri, è possibile dare spazio a proteine magre provenienti da carne di pollo o di tacchino, ma anche dal pesce.

La dieta dell’uovo consente di mettere nel piatto anche frutta e verdura, ma con attenzione. Per essere precisi ricordiamo che è possibile mangiare i pompelmi e, per quel che concerne la verdura, i broccoli, le zucchine, i funghi e gli spinaci.

Della dieta dell’uovo esistono diverse versioni. Quella tradizionale prevede il consumo di un pompelmo durante il primo pasto della giornata e, quando arriva l’ora di cena, l’assunzione di una verdura a basso contenuto di carboidrati (p.e. l’insalata verde).

Un ipotetico menu può prevedere una colazione contraddistinta dal consumo di due uova sode e di un pompelmo. A pranzo, invece, si può portare in tavola del petto di pollo arrosto accompagnato con dei broccoli. A cena va benissimo una porzione di pesce con contorno di insalata verde.

Quando si parla di questo regime alimentare, è necessario ricordare che, in virtù della forte riduzione dell’apporto di carboidrati, è possibile avvertire dei cali di energia. Se si decide di seguirlo, è molto importante non trascurare l’apporto di fibre, così da mantenere efficiente l’attività intestinale (ottimi a tal proposito sono i già citati broccoli).

Una parentesi rilevante da aprire in merito è legata al pensiero, comune a molti, che vede le uova come pericolose per la salute cardiovascolare. A tal proposito si può fare riferimento alla posizione degli esperti della Mayo Clinic, una delle più prestigiose istituzioni ospedaliere al mondo.

Secondo il loro punto di vista, un soggetto sano può consumare senza problemi fino a 7 uova a settimana. Ricordano inoltre che le uova rappresentano un valido aiuto nella prevenzione dell’ictus e non solo.

Le uova, infatti, possono rivelarsi delle preziose alleate nella prevenzione della degenerazione maculare, una patologia che coinvolge la porzione centrale della retina e che può portare alla cecità. Concludiamo facendo presente che, in ogni caso, prima di iniziare questa dieta è opportuno chiedere consiglio al proprio medico curante.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta dell’uovo, pochi carboidrati e tante proteine