Dieta mediterranea: schema ed esempi di una dieta equilibrata

La dieta mediterranea è ottima per tutti coloro che vorrebbero mantenersi in forma eliminando le calorie in eccesso. Vediamo in dettaglio di cosa si tratta

La dieta mediterranea è una delle più famose in tutto il globo, tanto da essere da poco diventata un Patrimonio dell’Umanità, al pari di brani celebri di compositori quali Mozart e Beethoven, e di quadri famosi ovunque. Questo poiché permette di diminuire il peso in eccesso senza sottoporre l’organismo a particolari stress. Il tutto viene fatto con costanza e i progressi si vedono già a partire dal primo mese di dieta. L’incredibile successo che la dieta mediterranea ha nel mondo si deve principalmente ai cibi che sono permessi. L’attenzione si concentra su sostanze quali pane e cereali.

Si cerca, però, di eliminare i carboidrati in eccesso. Difatti, questi, se non vengono bruciati in rapidità, tendono ad aumentare il peso dell’individuo, avendo degli effetti negativi sull’apparato motorico, quello scheletrico e cardiocircolatorio. In alternativa, si preferisce mangiare più carboidrati che vengono bruciati in rapidità. Altresì, seppur non del tutto, si cerca di eliminare i grassi. Ovviamente, sono vietati cibi fritti: patatine, pesce, carne o altri alimenti fritti di questo genere, oltre a comportare un elevato apporto di colesterolo, e quindi essere la causa di trombosi, fanno aumentare il peso.

I grassi vengono assunti per mezzo degli oli con cui si condiscono le insalate mediterranee. Anche il tonno è ammesso, purché sia fresco e la norma di olio presente in scatoletta non superi quella imposta da alcune norme. Vari tipi di dolci con un alto contenuto di zuccheri sono da assumere mensilmente. Lo stesso discorso vale anche per quanto riguarda le carni rosse. D’altro canto, nella dieta mediterranea bisogna consumare cibi quali uova, carni bianche o pesce con una cadenza settimanale.

Come indicato da vari specialisti della dieta mediterranea, solo 3 tipi di cibi sono da consumarsi quotidianamente, alcuni più frequentemente degli altri. Iniziando da quelli che bisogna mangiare più di rado (come i prodotti a base di latte e quelli contenenti l’olio di oliva), si passa ai cibi da consumarsi con una frequenza media ogni giorno (i legumi, la frutta e la verdura). Infine, i cibi da mangiare più frequentemente sono il pane, la pasta, il riso, le patate e i cereali. Ovviamente, ognuno di questi dev’essere preparato come un piatto leggero.

Dieta mediterranea: schema ed esempi di una dieta equilibrata