Come evitare di alzarsi con il piede sbagliato?

Posture scorrette e poco movimento sono le cause più diffuse del mal di schiena. Ecco alcuni consigli per evitare fastidiosi risvegli

Sarà capitato anche a voi , che una mattina mettendo giù il piede dal letto, la vostra giornata sia partita male, con quel sordo e fastidioso doloretto nella parte bassa della schiena, che vi accompagna nei primi passi post sveglia per poi magari dopo un po’ magicamente sparire oppure, ancora peggio, accompagnarvi per il resto della giornata.

Tutto ciò è dovuto a posture assunte nell’arco della giornata che ci creano degli scompensi a livello della colonna vertebrali e che trascuriamo, per poi scoprire in futuro di avere una leggera scoliosi o una riduzione dello spazio intervertebrale o, peggio ancora, una protrusione che potrebbe essere l’anticamere dell ernia.

Non preoccupatevi! Quasi il 90% della popolazione, dopo i 30 anni, ha dolori di schiena e in molto casi sofferenze dovute alle posture scorrette, al poco movimento, alla poca mobilità della colonna vertebrale e delle varie articolazioni e rigidità muscolare.

Come iniziare a prevenire o alleviare tutto ciò?  Partiamo dal risveglio, quando ancora siamo sotto le coperte, al calduccio.

Ci mettiamo in posizione supina, ovvero di schiena, raccogliamo le ginocchia al petto ed eseguiamo dei piccolissimi movimenti laterali della gambe, spostando tutta la parte al di sotto del bacino, un pochino a destra ed un pochino a sinistra, il tutto per una trentina di secondi.

Secondariamente apriamo le braccia a croce (senza picchiare o far del male a chi ci sta a fianco!) e lasciamo cadere le ginocchia a sinistra, sempre dalla posizione di massima raccolta delle ginocchia verso il petto, teniamo la posizione per 30 secondi e successivamente passiamo a farlo a destra con la stessa tempistica.

Terzo, lasciamo distendere una gamba, mentre teniamo l’altra flessa e raccolta al petto, manteniamo la posizione per 30 secondi e successivamente cambiamo gamba.

Ultima coccola da concederci: poniamo le dita appena sotto il costato e facciamoci dei piccoli auto massaggi, seguendo la gabbia toracica . In questo modo tenteremo di rilassare il diaframma; in realtà, non è la posizione migliore per farlo ma quanto meno ci aiuterà ad affrontare meglio la mattinata, alzandoci dal letto senza dolori o rigidità iniziali di schiena.

Poi un bel sorriso, la nostra musica migliore, qualche movimento a ritmo della canzone preferita mentre ci prepariamo la colazione e via, pronti per affrontare con il piede giusto e il mood giusto la giornata!

Se avete bisogno di altri consigli per il vostro allenamento contattatemi!

Livia Milano
Personal trainer e life coach